martedì, Novembre 19, 2019
Home > Musica > Angelica Parisi Miss Earth 2011

Angelica Parisi Miss Earth 2011

Riceviamo e Pubblichiamo: Bella, preparata, vivace e piena di passioni: Angelica Parisi è la nuova Miss Earth Italia eletta ieri, domenica 29 maggio, nella splendida cornice della Marina di Varazze. Sarà lei la rappresentate dell’Italia nella sfida ecosostenibile fra 90 Paesi in Thailandia. Dopo le preselezioni svoltesi nei mesi precedenti a Milano è arrivata la finalissima nazionale, trasmessa in diretta streaming dal sito consilium/diventa miss earth/consilium tv . Un evento che ha visto le dodici ragazze finaliste tanto belle quanto motivate contendersi una corona, un premio non solo verso la bellezza ma anche, e soprattutto, la sensibilità verso tematiche ambientali e umanitarie.

Perfettamente in linea con i valori promossi dal concorso, Angelica Parisi ha puntato innanzitutto sul suo progetto ambientale, il cui obiettivo è quello di sensibilizzare le persone, attraverso la realizzazione di eventi ad hoc. In particolare verso la scelta di cibi “a km zero”, alimenti che non comportino trasporti ad alti tassi di emissioni. Sensibilizzazione, dunque, a favore del consumo dei prodotti locali e stagionali. Vista la sua passione per la cucina ha poi pensato di arricchire il progetto di un risvolto culinario: la creazione di un premio destinato ai ristoratori che scelgono di impegnarsi per la causa proponendo un menù completo a km zero. Angelica è di Torino ma vive a Pisa, dove studia Ingegneria Biomedica e lavora come consulente in energie rinnovabili. Durante la finale, svoltasi fra terra e mare sulla banchina centrale di Marina di Varazze, la bella torinese ha convinto tutti, presentandosi con naturalezza e muovendosi sul palco con una sua performance nei panni della “Signorina Carlo”, personaggio comico dell’attrice Anna Marchesini. La giuria, composta da Stephan Elsner, AD Gruppo Bonprix Italia, Emanuele Rinaldi, Direttore di Marina di Varazze, Giovanni Delfino, Sindaco di Varazze, Teo Longo, Giornalista del settimanale Gioia e Monica Corbellini di Repubblica, l’ha votata all’unanimità perché ritenuta spontanea, preparata, motivata e capace di rappresentare con successo l’Italia in Tailandia. Angelica e Gino, il suo cocco “simbolo” portafortuna che ha viaggiato molto per arrivare in Italia, ora si dovranno preparare per il soggiorno in Thailandia, dove per un mese le candidate di 90 nazioni si confronteranno sul territorio in attività di sensibilizzazione e sostegno alle popolazioni locali in vista della finale internazionale di dicembre. La scelta di Marina di Varazze come cornice dell’evento si è confermata perfettamente coerente con lo spirito dell’iniziativa, vista l’attenzione per i parametri di eco-sostenibilità in nome dei quali, per il terzo anno consecutivo, la Marina è stata insignita del prestigioso vessillo della Bandiera Blu, conferita dalla FEE, Fondazione per l’educazione ambientale, quale riconoscimento per la piena aderenza ai parametri di eco-sostenibilità marina e di protezione ambientale. La Bandiera Blu 2011 è stata presentata e mostrata sul palco dal Direttore Rinaldi in occasione dell’incoronazione della nuova Miss. Anche quest’anno il concorso si è confermato fedele ai suoi principi ambientalisti e umanitari premiando sensibilità e attenzione verso tematiche urgenti oggi più che mai e incoronando Angelica come esempio di bellezza ecosostenibile. Tutta l’organizzazione di Miss Earth Italia, come del resto in molti altri Paesi europei, è supportata da Bonprix, la realtà leader nella vendita a distanza in Italia, un’impresa di successo capace di offrire linee di abbigliamento di stile a prezzi competitivi, una organizzazione che ha nella propria missione l’attenzione ambientale.

 

FOTOGRAFIA ALLEGATA, altre disponibili in Consilium.

Informazioni stampa:
Chiara Lesèvre – Consilium Comunicazione
02 36565485; 3470603586

 

Info Miss Earth:

Il concorso Miss Earth Internazionale è giunto alla sua 11a edizione internazionale, la finale si è sempre svolta in Asia, tra Filippine e Vietnam, quest’anno sarà in Thailandia. E’ di un imprenditore filippino l’idea di sviluppare un concorso che attraverso la bellezza parli all’opinione pubblica mondiale di ambiente. Le candidate di 90 paesi si devono confrontare, in un mese di attività sul territorio, con tematiche legate all’ambiente. Durante la finale si parla inglese, francese, spagnolo e quest’anno si portano in evidenza tematiche legate alle deforestazione – il 2011 è l’anno delle foreste, ma anche la progressiva mancanza di acqua, il problema energetico, la raccolta differenziata.

 

Uno dei requisiti fondamentali è avere un progetto proprio, qualcosa anche di molto semplice e realizzabile, qualcosa da mettere in pratica nel corso dell’anno in cui la candidata è in carica attraverso l’aiuto della società sponsor, quest’anno ancora il Gruppo Bonprix Italia, parte del gruppo internazionale Otto, secondo al mondo per commercio elettronico.

 

Il Concorso è ancora piccolo in Italia dove l’affollamento di questo tipo di eventi è massivo, ma si differenzia proprio perché c’è un progetto di fondo con un contenuto. Le 15 ragazze selezionate per la finale devono portare alla finale un progetto ambiente, un contributo personale ovvero una poesia, una musica, una breve pièce di teatro, insomma qualcosa di personale. Una sfilata chiude l’evento.

 

Qualche esempio di progetto ambiente proposto:

a. Educazione al riciclo nelle scuole primarie abbinato ad un concorso di disegni e un concorso fotografico “Our dying earth” il cui ricavato andrà alle scuole per un progetto di energia sostenibile
b. Raccolta dei tappi delle bottiglie di plastica, vendita e ricavato per rifare le aree urbane verdi dismesse
c. Raccolta differenziata nei presidi ospedalieri con un sito internet specifico
d. Distribuzione di volantini nelle città con consigli su come riciclare correttamente anche materiali organici quali i fondi del caffè
e. Menu a km zero per tutto l’anno nei ristoranti italiani per sensibilizzare il consumatore sull’importanza dei prodotti locali
f. Fare conoscere la cultura acquaponica, coltura che utilizza piante e animali
g. Riportare la canapa nel settore agricolo-industriale. La canapa è un ottimo combustibile da biomassa, anziché il petrolio
h. Sviluppare maggiormente la green colture

L’obiettivo del progetto è portare la “cultura green” e una maggiore sensibilità alle problematiche dell’ambiente vicino ai bambini e ai giovani, gli abitanti futuri del nostro pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *