lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Cultura e Musica > ANNA MARIA SOLARI……POESIE A COLORI

ANNA MARIA SOLARI……POESIE A COLORI

di Giorgio Siri

Espone sino a domani 22 giugno, a Celle Ligure, alla Galleria SMS d’Arte – lo spazio organizzato dalla Società di Mutuo Soccorso, circolo ARCI – , la genovese Anna Maria Solari.

Poetessa prima di tutto, come lei stessa si definisce, considera la pittura forse più un diversivo, un intermezzo, ma la sua esposizione sorprende! Accanto ad ogni lavoro, l’autrice ha collocato targhe con propri versi, a ricordare che la poesia è la sua fonte ispiratrice; piccoli componimenti nella forma dello “Haiku” giapponese, ovvero una poesia di piccole dimensioni, di contenuto lirico. Anna Maria vuole mettere in relazione i suoi quadri, ci sembra, con l’immediato accenno lirico che, alla poetessa, alla sua sensibilità, guizza in mente all’improvviso. Oppure sarebbe meglio ritenere che i quadri di Anna Maria sono delle riproduzioni, delle espressioni, delle trasformazioni dei suoi componimenti brevi?

A prima impressione ci troviamo di fronte a marine, a paesaggi costieri, a imbarcazioni, soggetti molto “liguri” e dettati da una improvviso colpo d’occhio, da un momento sottratto al fluire continuo delle percezioni; poi però si sedimentano impressioni ed espressioni dalle quali emerge un lato pittorico suggestivo e che richiama, anzi, qualcosa che la genovese Anna Maria Solari ha saputo osservare e raccogliere. Qualcosa che risale a Plinio Nomellini, il livornese che fondò la pittura ligure del 900, oppure ad Alberto Issel, nelle loro vedute paesaggistiche sfumate, anche se Anna Maria appare più evanescente, più visionaria, più convinta che la realtà può essere illusoria o magica…

Così la poetessa Solari riesce a catturarci!…con una veduta di Bogliasco, che qualcuno ha sognato; forse il musicista russo Skriabin, che lì soggiornò, nel 1905-1906 con la sua amante Tatjana? Con una imbarcazione alla fonda che racchiude, nel suo scafo tormentato – che Anna Maria sa raffigurare con tanta efficacia,con tanta suggestione che ci riporta a rammentare barche osservate in tempi ormai passati, nella nostra infanzia – tanti segreti del mare e degli uomini di mare che la utilizzarono e vi passarono a bordo lunghe giornate, oppure con certe atmosfere sospese, arcane, che portano il nome di un luogo ma appartengono ad un luogo dello spirito… Ci porta pure in campagna, Anna Maria, in una collina che qualcuno può immaginare sia così, se pensa all’immediato nostro entroterra…

In un altro lavoro, sempre una marina, Anna Maria, occhio fotografico, attento ad immortalare una semplice scena di vita comune…ha “fissato” un uomo ed una donna, sulla spiaggia, in atteggiamenti quasi casuali, l’uomo legge, se non erro, la donna è sdraiata e tiene una gamba sollevata; nel contesto di tale semplice evento, le due figure appena scorte, sono abbozzate, sulla tela dell’autrice, forse al di là delle stesse sue intenzioni – o forse no! – in una consistenza fantasmatica, enigmatica, quasi spettro di due figure che appariscono appena, su quel mare statico, puro colore che lo evoca; ciò che è raffigurato nel quadro ci trasporta allora in un’aura metafisica, ci suggerisce l’idea di un miraggio….mentre l’ambientazione richiama le vedute marittime di Carrà!

Qual’è, nei lavori di Anna Maria, il limite fra poesia e pittura?…forse è giusto rimanga indefinita una linea di demarcazione, che, probabilmente, non deve sussistere. Poesie che hanno bisogno del colore e devono trasformarsi in pittura per esprimere il loro messaggio oppure, in un accenno ancora più intrigante, quadri che la poetessa, che conosce il mestiere del pittore, non ammette possano vivere di vita propria ma debbano essere sostenuti da un commento, unico,affidato ai tre versi “haiku”!

Anche la tecnica usata dall’autrice rimanda ad una presunta, o ricercata, volontà od attitudine, di stendere bozzetti, di prendere appunti, di trovarsi all’aperto, pronti a cogliere il particolare interessante ed infatti Anna Maria usa le matite a colori ma, terminato il disegno, ne fissa l’ immagine con una lacca; da una parte l’effetto materiale ricrea, a prima vista, quello del pastello a cera, dall’altro, è forse un modo per sottrarre i suoi lavori all’immediatezza dello schizzo e dell’abbozzo, per affidarli al destino duraturo del quadro? Del resto,e ci sembra di averlo sottolineato abbastanza, coi richiami che evoca, con la manualità che possiede, con l’espressività che sa esercitare, Anna Maria Solari non appare come una pittrice per caso!

Il titolo della rassegna: “Kosmos” rappresenta l’enigmatica indicazione di un intento di rappresentare la vita ed il tutto od un’allusione sottile a suggerire che un semplice frammento sottratto al fluire della realtà ed immortalato su di una tela od in qualche verso, contiene esso stesso, il “cosmo”?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *