domenica, Settembre 22, 2019
Home > Attualità > Annullamento del Jova Beach Party ad Albenga

Annullamento del Jova Beach Party ad Albenga

Altri Comuni si fanno avanti

Ad Albenga non comincia bene, per lo spettacolo, l’amministrazione di Tomatis e ci mancava proprio la mareggiata  ad erodere dodici metri di arenile ed a non  permettere così il concerto di Jovanotti, il “Jova Beach Party” ad Albenga. Stamattina il cantante Jovanotti, Lorenzo Cherubini – che porta il cognome di Luigi Cherubini(1760-1842), grande musicista italiano, ritenuto all’epoca, da Beethoven stesso, il più grande musicista contemporaneo… – ha diffuso il seguente comunicato su Facebook e su Instagram:

Da stamattina sto parlando con chi ha competenze e responsabilità su #albenga #jovabeachparty per sapere cosa è successo nel dettaglio. Lavoriamo da novembre a questo progetto ogni giorno e se si cancella una data devono esserci ragioni indiscutibili.

Da parte mia farò tutto quello che posso per tutelare il mio pubblico in tutti i sensi. Prima di tutto c’è la sicurezza del pubblico, sempre. Il punto è che negli ultimi giorni/ore si è modificata l’area per via del maltempo recente.

La spiaggia di Albenga viene monitorata dallo scorso novembre tutti i giorni e nessuno si aspettava che la mareggiata di martedì scorso erodesse 12 metri di spiaggia, evento stranissimo in questa stagione e più comune in inverno e primavera (di solito durante l’estate la spiaggia recupera) . Tutta la Liguria è stata soggetta a cose simili in questi giorni, come ho avuto modo di approfondire anche dai giornali di questa mattina si stratta di un fenomeno piuttosto comune.

Tra l’altro ad Albenga erano stati messi in vendita un numero di biglietti inferiore alla capienza effettiva proprio per prevenire la possibilità di piccole erosioni nella norma ma 12 metri non rendono agibile l’area per il tipo di festa che è #jovabeachparty e soprattutto non mi danno garanzie dal punto di vista della sicurezza del pubblico e infine non vengono firmate le autorizzazioni dagli organi competenti.

Cancellare una data comporta problemi sotto tutti gli aspetti (immaginatevi un team di 1000 persone che gira per tutta italia con stanze prenotate viaggi etc) e soprattutto un dispiacere per chi, io per primo, non vedeva l’ora di essere lì. Ma la sicurezza del pubblico è la prima cosa e in questo senso l’imprevedibilita degli eventi naturali non è possibile da discutere. Si chiama “causa di forza maggiore” perché comanda lei, la natura.

Quello che posso dirvi ora è che cercheremo di rendere i biglietti validi per un’altra occasione più vicina possibile ad Albenga che possa comunque accontentare il pubblico ligure lombardo e piemontese e che comunque, in alternativa, i biglietti saranno rimborsati al 100% compreso il diritto di prevendita.

Organizzare una data di #jovabeachparty comporta mesi di lavoro , come è stato per Albenga . Non è una cosa che si fa in tre giorni, ma avrò presto notizie da darvi. I miei stanno lavorando giorno e notte per una soluzione che possa accontentare molti.

Mi dispiace, so che è un grande disagio per chi ha pianificato vacanze o prenotato hotel ,ma non ci sono proprio le condizioni dopo le ultime mareggiate. Per ora posso solo dirvi questo e attendere novità facendo pressione per averle al più presto”

Così gli risponde l’Assessore regionale Giampedrone:

“Caro Jova, la Liguria ha affrontato negli ultimi anni e gestito (direi alla grande se me lo consenti) problemi di dissesto idrogeologico ed emergenze di protezione civile ben più importanti e significative rispetto a 10 mt di erosione di sabbia su una spiaggia di Albenga. In questo momento, il messaggio altamente negativo che passa sull’annullamento del tuo “Jova beach party” in programma sabato prossimo è anche, permettimi, una distorsione rispetto alla realtà delle cose che racconta invece di una terra che ha saputo completamente risollevarsi dalla tremenda mareggiata di ottobre e novembre scorso e che può e deve assolutamente essere palcoscenico ideale per eventi come questo”.

Il sindaco di Andora, Mauro Demichelis, prende la palla al balzo e lancia la candidatura del suo Comune con il seguente post su Facebook:

La Città di Andora è disponibile ad accogliere il “Jova Beach Party” . La notizia della cancellazione della data ligure, nella vicina Albenga, ci ha colpito molto: noi siamo a disposizione, se possibile, per dare una mano. Abbiamo un’ampia spiaggia libera e un litorale di sabbia naturale e molto profondo che non è stato compromesso dalle mareggiate. Andora è facilmente raggiungibile, ha un casello autostradale e ha ampi parcheggi. In questi anni abbiamo organizzato concerti di importanti artisti di fama nazionale e internazionale, nella massima sicurezza, e saremmo lieti di poter ospitare Jovanotti. Abbiamo preso contatti con la produzione, siamo a disposizione per un sopralluogo da parte dei tecnici e dei manager del tour. Se la cosa è fattibile, noi ci siamo“.

Alla “querelle” si aggiunge anche il Sindaco di Toirano,Giuseppe De Fezza, che avanza la sua proposta:

Anche noi come Comune di Toirano, già nella giornata di ieri, alle ore 18.00 appena abbiamo saputo dell annullamento del Jova Beach Party ad Albenga, abbiamo preso contatti con la produzione per dare il nostro supporto. Abbiamo proposto un sopralluogo nell’ex cava Martinetto per verificare se sussistono le condizioni per un alternativa. Abbiamo già ospitato 4 serate di concerto in occasione di ‘Gunbi in the Rock’. È un vero peccato per la Provincia di Savona ed il comprensorio perdere un evento di spessore come questo“.

Ed aggiunge lo scrivente: “Perchè non potrebbe essere Celle Ligure, mettendo a disposizione il campo sportivo della Natta o la località Natta stessa?

 

Immagine da “Geos News”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *