Home > Attualità > Antonietta Cavallero: “optical art” con poesia

L'artista savonese tra geometria e colore

Antonietta Cavallero: “optical art” con poesia

L'artista savonese tra geometria e colore

L’esposizione di Antonietta Cavallero era stata la seconda di maggio, a Pozzo Garitta, dopo Parini. L’artista savonese ricorda, a prima impressione, con le sue composizioni di impronta geometrica e di forte espressività cromatica, le esperienze dell’ “Optical Art” e, nelle sue intriganti immagini giallo-arancio, rammenta proprio una delle pittrici che più significativamente hanno rappresentato tale corrente, l’inglese Bridget Riley (Londra, 1931), che forse le è prossima anche nell’ottica della sensibilità femminile…

Fra le pieghe degli effetti di colore, si può leggere nel lavoro della Cavallero un messaggio di astrattismo lirico che si fonde con la descrizione cromatica e ne completa il significato; ad iniziare appunto dai dipinti nei quali la prevalenza dei toni dal giallo al rosso potrebbe evocare il guizzo della fiamma, il bagliore del fuoco, il divampare dell’incendio, dal rammentare il fenomeno dell’elementare suo accendersi sino a spingere l’immaginazione, nella notte degli sfondi scuri, a figurarsi remote esplosioni stellari o riflessi di irraggiungibili eventi siderali, percepibili solo per le risultanze luminose dell’effetto dell'”anno luce” e che, comunque, la pittrice sembrerebbe in grado di saper raffigurare! Passando da letture dantesche, come l’autrice ci rivela e che proietterebbero le sue geometrie del colore di fiamma nelle tenebre dell’inferno – e se prima l’oscurità dello sfondo poteva evocare la notte dello Spazio, nel caso richiamerebbe gli abissi del mondo dei dannati cantato dal sommo poeta fiorentino – a rappresentare le figure di Ulisse e di Diomede!

Quando siamo ormai abituati a tali suggestioni, a riverberare noi stessi di quei colori del fuoco, l’artista ce ne allontana per portarci in una dimensione opposta, dalla quale emergono richiami all’acqua che scorre, ad una vegetazione fragrante, ad allusioni floreali: un po’ le ambientazioni arcane di Henri Rousseau “il Doganiere” in forma geometrica ed astratta, oppure ci proietta verso uno squisito formalismo che, nel segno geometrico, traccia forme dinamiche e fantasiose  che si dispiegano con un’incisività capace, almeno in una occasione, di evocare,in versione ” a spigolo”, le famose “Forme uniche nella continuità dello spazio” di  Boccioni, con la leggerezza di una “rincorsa di farfalle”, come scrive Silvia Campese, ma l’artista stessa è capace di evolvere dalla geometria, per quanto ingegnosamente, realizzando una sorta di “totem” scomponibile, ne abbia ancora esaltato l’essenza, ed in ciò ricordando pur sempre l’ Optical Art, di cui il nome più emblematico, Victor Vasarely, creò strutture decorative del genere; Antonietta, in uno stesso lavoro, ci mostra come si possa passare dall’informale al definito, come possano emergere, dall’ebollizione magmatica del colore, delle forme razionali più che rigorose, perchè l’autrice sembra sfuggire da una categoria così rigida di pensiero, regolari più che schematiche, spiegando col colore, con la vena creativa, con l’apporto fantastico, come la stessa “razionalità”, per essere tale, debba essere piuttosto “Movimento” che non “Fissità”. In tale assemblarsi di segni e linee geometrici con immagini astratte che sembrano tendere, però, ad essere inserite in contesti definiti, ma si potrebbe dire il contrario, secondo il punto di vista, ed osservare forme geometriche che tendono a disfarsi per divenire pura espressione cromatica, in un richiamo storico ulteriore, all'”orfismo” dei primi del Novecento, sembra potersi situare l’accattivante pensiero di Antonietta Cavallero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *