lunedì, dicembre 18, 2017
Home > Attualità > Anva Confesercenti: non ci sono più alibi per il trasferimento del mercato

Anva Confesercenti: non ci sono più alibi per il trasferimento del mercato



di Redazione - 12 ottobre 2017, 16:16

Lo spostamento del mercato del lunedì a Savona da piazza del Popolo alle vie del centro città richiede ancora qualche aggiustamento. E la “rivoluzione” delle bancarelle slitta. Anche perché il nuovo assessore comunale al Commercio Maria Zunato vuole studiare il progetto e capire se questo spostamento è da fare oppure no. «Eravamo sicuri che non ci fossero più impedimenti per il trasferimento – commenta Giulio Rossi, presidente di Anva Confesercenti Savona -. Nel frattempo, però, è arrivato il nuovo assessore, che ritiene possano esserci problemi alla sicurezza e alla viabilità. Tutto già analizzato e considerato, e così non spostare il mercato finisce col creare malcontento nella categoria».

Il percorso per arrivare al trasferimento del mercato da piazza del Popolo a via Paleocapa e altre vie limitrofe, spiega Confesercenti, ha seguito l’iter regolare: sono stati scelti i posteggi all’interno delle vie messe a disposizione dall’amministrazione comunale, e quasi 40 operatori hanno fatto richiesta di accorpamento delle licenze per aumentare la propria dimensione di vendita. Nel frattempo era stato presentato un ricorso al Tar da parte di un operatore che dall’amministrazione era stato inserito nel settore fiori invece che in quello merce varia. Tuttavia ha poi deciso di ritirare la richiesta di sospensiva. A questo punto non ci sarebbe più stato alcun impedimento allo spostamento del mercato, ma il cambio di assessore ha complicato la situazione.

«Ci sono sicuramente mille problemi a spostare un mercato grande come quello di Savona – aggiunge il presidente del sindacato venditori ambulanti – ma erano tutte cose su cui l’amministrazione aveva già riflettuto. Il malcontento degli operatori si fonda su tre ragioni: l’area del centro è migliore dal punto di vista commerciale; gli ambulanti che per accorpare le licenze proprio nell’ottica dello spostamento hanno sostenuto un grande impegno economico, e, infine, ci sono stati anche nuovi acquisti di licenze proprio con la prospettiva del trasferimento».

«Infine – conclude Rossi – la ragione fondamentale per cui tutti vogliono spostarsi: l’amministrazione comunale non può procedere con il bando previsto dalla Direttiva Bolkestein sull’area oggi occupata dal mercato perché è di proprietà privata. Di conseguenza tutti erano d’accordo di spostare il mercato su aree pubbliche e procedere al bando previsto dalla direttiva sulle liberalizzazioni. Abbiamo chiesto un appuntamento con l’assessore Zunato, in modo da poterci confrontare, sperando di trovare al più presto una soluzione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *