Attualità

Approvato l’emendamento di Maurizio Torterolo: creato l’Ato idrico della Valbormida

maurizio torteroloEntusiasmo per il Consigliere Regionale Maurizio Torterolo (Lega Nord): grazie a un suo emendamento – cofirmatario Ezio Chiesa (Gruppo Civico Liguria Viva) – è stato creato un secondo Ato idrico che dividerà in due la provincia di Savona, raccogliendo tutti i Comuni della Valbormida. In Liguria ci saranno quindi cinque ambiti di gestione dell’idrico: rispettivamente, per la Provincia di Imperia, la Provincia di Genova e la Provincia della Spezia e due per quella di Savona (Savona 1 e Valbormida). Da poco era tornata in Regione, attraverso un nuovo DDL, la Legge che porterà alla costituzione degli ATO (Ambiti Territoriali Ottimali): dopo quasi due anni dal precedente, la Giunta, anche e sopratutto per evitare una procedura di infrazione da parte della Comunità Europea, ha ripreso in mano la questione della gestione del servizio idrico e di quello dei rifiuti. Gli ATO saranno proprio creati per svolgere tale attività e avevano, nell’intento della Regione, una dimensione provinciale. Tutti i Comuni dovranno quindi affidare agli ATO la gestione degli acquedotti, la depurazione delle acque e lo smaltimento dei rifiuti. “Sono davvero felicissimo per il risultato che abbiamo raggiunto”, esulta Torterolo. “Finalmente alla Valbormida è stata riconosciuta una peculiarità territoriale, e abbiamo evitato di finire in un calderone all’interno del quale i Valbormidesi avrebbero avuto solo disagi e maggior costi. Un grazie va all’Assessore all’Ambiente Renata Briano, che bene ha compreso le esigenze per cui ho lottato. Dalla lettura del testo e dalle audizioni dei soggetti interessati sono emersi elementi che avevano ulteriormente alimentato le mie perplessità e che avevano giustamente preoccupato gli Amministratori, tra i quali il Sindaco di Dego Zappa e, soprattutto, i cittadini che rischiavano, in tempo di crisi, di trovarsi a pagare bollette dell’acqua e dei rifiuti molto più salate. In particolare, nella Legge Regionale in fase di promulgazione non è consentita ai Comuni un minimo di autonomia rispetto alla gestione dei propri acquedotti che in alcun modo potrà essere mantenuta dalle stesse autorità locali”. “Ma la mia maggior preoccupazione”, nota ancora, “era ciò che ne conseguiva, e vale a dire che i cittadini della Valbormida come quelli tutti gli entroterra liguri subissero un forte aumento delle tariffe senza che, le amministrazioni avessero voce in capitolo. È chiaro che i consumi di acqua della riviera, soprattutto nei mesi estivi, sono abnormi rispetto a quelli dell’entroterra, così come le strutture che li supportano. Quindi un cittadino di Cengio che già vive in una zona disagiata e in crisi da anni avrebbe rischiato di pagare di più per servizi resi a uno di Loano o magari a uno in vacanza ad Alassio. La Valbormida si è con i propri soldi e per tempo dotata di un depuratore, quello di Dego, che funziona perfettamente ed è ben gestito in consorzio dal CIRA, è davvero assurdo che i Valbormidesi potessero essere costretti a contribuire a quelli che non sono stati ancora realizzati o sono in deficit finanziario come quello di Albenga. A ciò si aggiunga che, visto come vanno di solito le cose in questo Paese, avevo dei forti dubbi che il soggetto che avrebbe gestito tutti gli acquedotti della Provincia, potesse fornire un servizio di qualità come è quello oggi erogato dai Comuni della Valle, che negli anni giustamente molto hanno investito nella propria rete idrica”. “Per questo, insieme al Collega Chiesa, ho presentato un apposito emendamento – poi controfirmato da tutti i Gruppi – che consentisse di superare il vincolo dell’intero territorio Provinciale. Con l’approvazione odierna abbiamo raggiunto un obbiettivo innanzitutto utile per i cittadini che è quello di far creare un ambito della Valbormida che gestisca l’acqua pubblica con tariffe giuste e commisurate ai consumi tenendo conto che già oggi esiste una perimetrazione che è quella del bacino padano cui fa parte la nostra valle. Dall’altra parte storica, perché finalmente in Regione Liguria si è data una rilevanza giuridico-sistematica ad un territorio omogeneo del punto di vista economico sociale, e molto diverso dal resto della Provincia cui appartiene, che soltanto se unito potrà pensare di uscire dall’attuale stato di crisi”, conclude Maurizio Torterolo, Consigliere Regionale della Lega Nord.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: