sabato, Dicembre 7, 2019
Home > Rubriche > APPUNTI E DISAPPUNTI

APPUNTI E DISAPPUNTI

Oltre due anni or sono scrivemmo, per questo giornale, un articolo che terminava con la constatazione che senza un accordo fra Russia ed USA non si sarebbe potuto spegnere i focolai di guerra pericolosamente aperti in molte parti del mondo. In allora Obama ed il suo Segretario di Stato Hillary Clinton, cercarono di costringere il Presidente russo Putin ad accettare la loro visione del mondo che in Europa significava l’adesione alla NATO dei paesi dell’est che entrarono nella Unione Europea, con la conseguente installazione sul loro territorio di basi militari (soprattutto missilistiche) ed in Medio Oriente una guerra all’ISIS che fosse portata dagli alleati agli USA Arabia Saudita, Turchia, movimenti anti Assad in Siria, governo sciita in Iraq, ecc.. Il risultato fu disastroso sia in Europa dove la Russia di Putin invase la Crimea, annettendola al territorio russo e l’Ucraina fu sconvolta da una guerra civile che è ancora in corso oggi. Nel Medio Oriente l’ ISIS invase Iraq e Siria, provocando ferocissime guerre civili che hanno praticamente distrutto quei Paesi, creando situazioni di stallo, senza vinti e vincitori ma con conseguenze drammatiche per le popolazioni civili.
Con l’avvento alla Casa Bianca di Trump il neo Presidente USA ha dichiarato che occorre un’alleanza con Mosca per porre fine alle contrapposizioni e cercare di riportare pacificazione ed ordine in quel settore nevralgico del Mondo. Poco tempo fa Trump si sbilanciò fino a dire che la rimozione di Assad non era più condizione “sine qua non” come sosteneva Obama. Dopo l’esecrando utilizzo da parte dell’esercito siriano di armi chimiche per bombardare postazioni dell’ISIS, nella notte fra giovedì e venerdì scorso 59 missili furono lanciati da una portaerei americana contro la base dell’esercito siriano da cui erano partiti gli aerei con il loro carico mortale . Già subito dopo essere venuto a conoscenza del criminale fatto Trump aveva dichiarato che di fronte a quelle violazioni di tutte le norme internazionali che mettono al bando i gas, gli USA sarebbero intervenuti anche senza autorizzazione dell’ONU. E così ha fatto! Subito dopo, mentre si levano i commenti di approvazione o di dissenso (a seconda degli interessi nazionali), con qualche sorpresa come quella della Turchia che ha interrotto il flirt con Mosca ed è tornata fra le braccia più comode della NATO, Trump ha minacciata di intervenire anche contro la Corea del Nord se continuerà ad andare avanti con il programma di armamento nucleare in atto.
Io non sono un esperto di politica estera e quindi non mi permetto di fare riflessioni documentate, però avendo studiato la storia e non dovendo vendere i giornali mi permetto di fare alcune riflessioni sotto voce.
1°) I 59 missili (secondo fonti russe e siriane) hanno ucciso sei persone e distrutto una decina di aerei. Non hanno nemmeno distrutto la base visto che ieri mattina un gruppo di aerei siriani si è lavato in volo di lì per andare a compiere un’altra missione di guerra. Una vittima ogni dieci missili e un aereo ogni sei missili non solo strategicamente un gran risultato (con tutto la solidarietà umana per i poveri morti che sono sempre troppi). Inoltre nella base sembra appurato che erano presenti truppe russe che non hanno lamentato perdite umane e nemmeno perdite di materiale strategico. Questo porta a concludere che l’attacco non era, volutamente, mirato per fare grandi danni e che almeno i russi erano stati preavvertiti. Quindi si è trattato di un’azione dimostrativa!
2°) Che cosa ha ottenuto Trump? Trump ha dimostrato “urbi et orbi” di avere sposato la dottrina di Bush junior che invase, senza mandato ONU, l’Iraq e l’Agfanistan. Con questo ha ricompattato il Partito Repubblicano che gli ha fatto mancare i voti per i provvedimenti di politica interna.
3°) Trump ha dimostrato a Putin che è disposto a trattare ma non da posizioni di debolezza, come la teoria dell’America first poteva far pensare.
4°) Sia Trump che Putin hanno interesse a definire reciproche zone di influenza, come era ai tempi della guerra fredda, per consentire di contenere i rischi economici della globalizzazione e la concorrenza dei Paesi emergenti quali la Cina, l’India e, nei prossimi decenni anche l’Africa. Dividere il mondo in sfere d’influenza significa avere mercati ampi da sfruttare, tenendo conto che i Paesi dove oggi si combatte più accanitamente sono paesi ricchi di petrolio. Se potessero esportare liberamente il petrolio questi Paesi (Iraq, Iran, Siria e Libia) riverserebbero sul mercato un surplus di barili di petrolio che farebbe scendere il prezzo, con grave danno soprattutto della Russia (che è esportatore di fonti energetiche),
Per questi motivi, io credo che non esista un vero rischio di guerra globale così come paventato il giorno dopo la mossa di Trump (che essendo un uomo d’affari è tutto fuorchè un estremista ed un pazzo irresponsabile). Credo però che avremo ancora diversi anni di crisi, con grandi sofferenze per i popoli direttamente interessati dalle guerre locali e delle nazioni che dovranno farsi carico dei profughi che da queste guerre cercano di fuggire.

( Lorenzo Ivaldo )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *