lunedì, Dicembre 9, 2019
Home > Rubriche > APPUNTI E DISAPPUNTI

APPUNTI E DISAPPUNTI

Fra una settimana in Francia ci sarà il ballottaggio nel quale gli elettori francesi dovranno scegliere fra due singolari complessi di Edipo: da un lato una signora, Marine Le Pen, la quale ha ucciso il padre (solo politicamente, almeno per ora) e dall’altro Emmanuel Macron, un giovanotto che ha sposato sua madre. Infatti la signora Macron, prima di sposare Emmanuel, aveva già avuto, dal precedente marito, tre figli il più grande dei quali era compagno di classe del suo attuale marito. La Francia è un paese per molti aspetti affascinante, specie per la libertà intellettuale dei suoi cittadini. Non a caso l’illuminismo è nato lì!
In Italia, molto più modestamente, questa domenica c’è stato il ballottaggio fra i tre candidati alla segreteria del PD. Si sono sfidati un giovanotto, appartenente ai seguaci di Sir Robert Stephenson Smyth Baden-Powell, generale, educatore e scrittore inglese, noto soprattutto per essere stato il fondatore del movimento mondiale dello scoutismo. Un altro sfidante, Andrea Orlando, un po’ meno giovanotto del primo (è nato nel 1948) è un ex studente fuori corso di giurisprudenza, il quale (ironia della sorte) è da tre anni Ministro Guardasigilli. Il terzo concorrente Michele Emiliano, nato nel 1957, è molto meno giovanotto (infatti si è fatto male ballando), Magistrato in ruolo, che per professione dovrebbe essere rispettosissimo delle leggi e che, al contrario, non solo fa politica da molti anni, ma oggi concorre per l’incarico di Segretario del Partito Democratico, senza dimettersi dalla Magistratura. Infatti, secondo una direttiva emessa dal CSM molti anni or sono e tuttora in vigore, un Magistrato in ruolo, non avrebbe potuto essere iscritto ad un Partito politico e, tanto meno ricoprire ruoli esecutivi di un Partito. Di questo Emiliano si infischia, come si infischia del fatto che sia aperto, a suo carico, un procedimento disciplinare dello stesso Consiglio Superiore della Magistratura.
Alle 22,30 di domenica 30 aprile i dati significativi usciti dalle urne dei “gazebo” sono essenzialmente due:
1°) Sono andati a votare (pagando due euro) circa 2.000.000 di cittadini.
2°) Il 70 % circa dei votanti ha indicato Renzi quale Segretario del PD e candidato premier alle prossime elezioni politiche.
Si può dire ciò che si vuole ma il PD è l’unico Partito Italiano che fa scegliere il proprio Segretario dai Cittadini. E’ l’unico metodo sinceramente democratico esistente in Italia, anche se io non lo apprezzo. Ho già scritto che non apprezzo questo metodo perché ritengo che gli elettori, che intendono votare coscientemente, debbano frequentare le sedi dei Partiti e far sentire la loro voce. Io credo che occorra una legge che indichi come deve essere organizzata la vita interna dei Partiti, dando attuazione all’art. 49 della Costituzione.
Chi non desidera informarsi (conoscere per decidere) vuol dire che qualunque risultato gli va bene e allora, per cortesia, non vada a votare. Per lui sarà indifferente e non rischierà di fare guai votando a vanvera.
In Inghilterra, che aveva un Parlamento funzionante quando da noi vigeva ancora lo jus primae noctis, Margaret Thatcher dichiarò guerra all’Argentina con una maggioranza parlamentare di 43 parlamentari, derivante da una votazione cui parteciparono meno del 50% degli elettori.
Quello che spero è che l’esperienza di tre anni di governo, la sconfitta nel referendum costituzionale, il risultato di queste primarie convincano Matteo Renzi a modificare, anzitutto la metodologia della comunicazione, convincendolo che un politico che si rispetti “prima fa le cose e poi, dopo che le ha fatte, le spiega al popolo”. E poi si ricordi di quanto diceva Benedetto Croce che la vera onestà dell’Uomo politico è fare presto e bene le cose che ha promesso in campagna elettorale. Come diceva Franco Califano “Tutto il resto è noia”.

(Lorenzo Ivaldo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *