venerdì, Gennaio 24, 2020
Home > Rubriche > APPUNTI E DISAPPUNTI

APPUNTI E DISAPPUNTI

Vorrei sottoporre alla vostra attenzione alcune riflessioni sul cosiddetto referendum catalano. Un evento che è nato come una pagliacciata e che rischia di diventare una tragedia.

Il 1 ottobre 2017 doveva essere, secondo la maggioranza dei cittadini della Catalogna, il giorno dell’indipendenza catalana. Le cose sono andate un po’ diversamente: anzitutto la Suprema Corte spagnola ha dichiarato questa consultazione incostituzionale. Il Governo di Mariano Rajoy ha inviato la Guardia civil ad occupare le sedi dove si dovevano svolgere le votazioni, arrestando anche alcuni leader catalani, rei di avere istigato alla ribellione. Lo scontro frontale, per fortuna, si è risolto senza drammatici episodi di violenza, ma è pur sempre stato cruento se è vero che si sono avuti circa 800 feriti. Tuttavia la violenza non è riuscita a fermare le votazioni se è vero (ripeto il dubitativo perché le notizie in merito provengono dalla sponda catalana che non è affidabile) che circa 2 milioni di votanti hanno potuto esprimere il loro voto. Due milioni di persone sono circa il 40% della popolazione catalana (circa 7.500.000 residenti). Di questi votanti circa il 90% avrebbe votato “si” alla secessione. Facendo due conti di aritmetica elementare un po’ meno del 36% della popolazione catalana si è espressa a favore della secessione (il 90% del 40% fa il 36%). Nessun referendum al mondo (nemmeno negli Stati islamici) sarebbe considerato valido con questi risultati. Solo gli Islamisti del movimento “5 stelle” (che però hanno per profeta non un guerriero come Maometto, ma un comico come Grillo) possono celebrare una votazione on line che ha visto 36.000 votanti su 145.000 per la scelta del candidato Presidente del Consiglio. Quindi, dati alla mano (e di fonte catalana) il referendum si è dimostrato per ciò che era: una pagliacciata! Solo Mariano Rajoy, cercando di impedirlo con la forza e non riuscendovi, poteva consentire agli organizzatori e alle migliaia di sprovveduti che erano nelle piazze della Catalogna ieri sera di cantare come se avessero vinto. Ora vorrei sottoporre agli organizzatori del referendum e ai loro sostenitori (che qui in Italia sono stati pochissimi, salvo protestare tutti – me compreso- contro i metodi brutali della “guardia civil”) due domande propedeutiche cui, credo, sarebbe bene i “vincitori” del referendum dessero qualche risposta chiara.  Premesso che Rajoy aveva demandato la questione di legittimità del referendum alla Suprema corte di Giustizia spagnola la quale lo ha dichiarato illegittimo in quanto il quesito viola chiaramente la Costituzione dello Stato Spagnolo. I portavoce catalani che hanno dichiarato ieri di essere intenzionati a portare, nel giro di 48 ore, di fronte al Parlamento catalano una proposta di Legge che sancisca l’ indipendenza della Catalogna dalla Spagna e con la modificazione istituzionale del passaggio da Monarchia a Repubblica: cioè di compiere un atto illegale sulla base di un referendum nel quale non si è espressa favorevolmente la maggioranza degli aventi diritto al voto.

I quesiti sono i seguenti:  1°) La Repubblica di Catalogna che moneta avrà ? Non può essere l’EURO perché per entrare nella zona Euro si deve essere nella UE e per aderire all’Unione Europea la domanda di adesione deve assere approvata all’unanimità. Se la Spagna pone il veto alla domanda di adesione ( e non vi sono dubbi che lo farebbe) la Repubblica di Catalogna non potrà aderire all’UE e, quindi, non potrà entrare nel circuito monetario dell’Euro. Per cui sarà costretta a ricorrere ad una moneta nazionale (che qui per esemplificazione chiameremo “peseta catalana”) senza alcun parametro di riferimento commerciale e di bilanci statali precedenti. Non è difficile prevedere che questa moneta nei primi tempi, che potrebbero essere anche abbastanza lunghi, inevitabilmente perderà di valore. Ricordo che la sterlina inglese ha perso, in pochi mesi, il 12% del suo valore da quando è stata dichiarata la brexit. E l’Inghilterra non era nell’EURO, malgrado avesse aderito all’UE!     2°) Non essendo nell’UE la Catalogna dovrà stipulare trattati commerciali con tutti i Paesi (anche dell’Europa) i quali potranno mettere dazi all’importazione di merci dalla Catalogna i cui costi non potranno essere compensati se non dalla diminuzione dei costi di produzione, primo fra tutti il costo del lavoro. Anche la libertà di circolazione della persone dovrà essere regolata da trattati bilaterali per cui uscire dalla Catalogna ed entravi non sarà semplicissimo a tutto discapito del turismo. A meno di compensare le difficoltà di ingresso con tariffe concorrenziali (sotto costo).

Questi due sono i primissimi quesiti che devono porsi i futuri Governanti della Repubblica di Catalogna (e spero che se li siano posti, anche se dalle dichiarazioni non sembra). Chi, in queste ore, ha parlato a nome dei catalani sembra convinto di poter trattare da pari a pari con i Governanti spagnoli e, soprattutto, con la Commissione Europea. Chi pensa di trovare alleati nella Scozia e nell’ Irlanda del Nord, che qualche volta minacciano di volersi staccare dal Regno Unito, dimentica che queste due Regioni hanno un vantaggio non da poco: l’Inghilterra a non è più nella UE e, quindi, non potrebbe opporre alcun veto. Se non rinsaviscono tutti quanti credo che saranno cavoli amari! Sempre sperando che Rajoy o chi per Lui (non lo vedo tal saldo al Governo, dopo questa vicenda) non impazzisca e mobiliti l’esercito (invece della polizia) per riportare alla ragione i Catalani. Cosa che riterrei altamente deprecabile, anche perché dovremmo cercare un altro Garçia Lorca che metta in poesia le gesta nefaste della “Guardia civil”.

4 thoughts on “APPUNTI E DISAPPUNTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *