Rubriche

APPUNTI E DISAPPUNTI

Il fine settimana scorsa ha visto due avvenimenti degni di nota, uno di dimensione internazionale ed è l’alleanza fra Arabia Saudita ed Israele anti Iran; l’altro di dimensione nazionale (che ha avuto risonanza in tutto il mondo occidentale): la morte di Salvatore (Totò solo per gli amici) Riina.
Del probabile accordo fra Arabia Saudita ed Israele, avevamo già parlato lunedì scorso. L’altro giorno il Capo di Stato Maggiore israeliano Gadi Eisenkot ha dichiarato che Israele è pronta a collaborare con qualunque dei Paesi Arabi moderati, prima su tutte l’Arabia Saudita, con scambio di informazioni, anche a livello di intelligence, per affrontare l’Iran. L’esercito dell’Arabia Saudita non è granché, essendo i combattenti arabi piuttosto scarsi. Tuttavia è un esercito ben armato soprattutto dal punto di vista aereo sia per la dotazione degli aerei da combattimento (forniti dall’America), sia dal punto della difesa del territorio mediante missili DF-21 cinesi, che sono in grado anche di montare testate nucleari. Oggi la situazione politica è molto tesa, tanto è vero che il Presidente Macron si è recato in Libano e poi in Arabia Saudita e sabato scorso il Presidente del Governo libanese Hariri si è recato a Parigi, affermando che rientrerà in Libano e, pare, ritirerà le dimissioni. E’ evidente che se così farà avrà avuto assicurazioni sia dall’Arabia Saudita, sia dalla Francia circa la presenza armata di Hezbollah, i cui miliziani nel sud del Libano si comportano come come un potere indipendente dallo Stato centrale libanese, anche perchè sono pesantemente armati. Il termine Hezbollah significa “Partito di Dio”. Essa è un’organizzazione fondata nel 1982 ed è composta da una milizia armata e da un partito politico di ispirazione sciita legato all’Iran. L’intervento del Presidente Macron si propone di esercitare una mediazione volta a garanzia una stabilità nel Libano che ne garantisca la terzietà fra Iran e Arabia . Questa opera di mediazione segue la svolta politica effettuata nella politica interna ed estera dell’Arabia Saudita nella quale il Principe reggente Mohamed Bin Salman ha assunto iniziative (anche militari, come quella in Yemen e quella minacciata al Qatar) per impedire che l’Arabia si trovi circondata da tutti Paesi di ispirazione sciita. Speriamo bene!
Alle 3,37 di venerdì 17 novembre (e poi dicono la superstizione!) è morto Salvatore Riina, il “capo dei capi” della mafia siciliana. Invece di chiudere nel silenzio una vicenda tragica e drammatica della nostra storia recente sono tre giorni che magistrati in cerca di visibilità (che la morte di Riina ha privato di una fonte importante di intercettazioni interpretabili a piacere), politici professionisti dell’antimafia parlata e giornalisti che li intervistano, si applicano tutti a chiedendosi quali segreti indicibili Riina abbia portato con sé nella morte e quali modalità dovrà la mafia mettere in atto per indicare il successore. Ipotizzando scenari da tregenda, quali una nuova stagione delle stragi, una faida sanguinosa fra le famiglie mafiose per prevalere le une sulla altre e via terrorizzando. Su tutti si è distinto il magistrato Nino Di Matteo, Procuratore presso la Direzione Nazionale Antimafia ed aspirante ministro degli interni nel Governo guidato dai “5 stelle” ( e già questo dovrebbe sconsigliare vivamente di votare per i “grillini”). Per fortuna il neo procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho ha affermato che con la morte di Riina “…si è chiusa definitivamente l’epoca delle stragi…” . Io non voglio esprimere commenti sulla morte di un pluriomicida, responsabile di stragi e crudeltà indicibili come assodato dalle condanne, passate in giudicato, a 26 ergastoli. Io esprimo profondo dissenso nei confronti di chi cerca di creare aspettative di eventi catastrofici senza avere la minima prova di ciò, per farsi pubblicità. Anche la frase che, con la morte, Riina abbia portato con sé indicibili segreti è una frase fatta, ad oggi, senza supporto di prove. Voglio ricordare che è pendente davanti alla corte d’Assise di Palermo, il cosiddetto processo Stato-mafia; iniziato il 27 maggio 2013 e tutt’ora in corso. Sono una decina gli imputati in questo processo: quattro capi mafia (Totò Riina, Bernardo Provenzano (stralciato per motivi di salute), Antonino Cinà e Leoluca Bagarella); un pentito, Giovanni Brusca; tre carabinieri (il generale Antonio Subranni, il capitano Giuseppe De Donno, il colonnello Mario Mori); due politici (Calogero Mannino, processato a parte col rito abbreviato ed assolto) e Marcello Dell’Utri. Su di loro pendono vari capi d’accusa, tra cui quello di attentato con violenza o minaccia al corpo dello Stato. A questi si aggiungono Massimo Ciancimino, uno dei testi principali dell’accusa che risponde anche di concorso esterno in associazione mafiosa e calunnia, e Nicola Mancino, ministro dell’Interno all’epoca dei fatti e accusato di falsa testimonianza. I segreti di Riina, se ci sono, saranno svelati da questo processo. Altrimenti bisognerà prendere atto che si è costruito un castello fondato su illazioni prive di prove concrete. Un’ultima cosa voglio sottolineare e che mi rende orgoglioso di avere un Papa come Francesco: la Chiesa ha deciso di applicare a Riina la scomunica per i mafiosi (come ribadito da Papa Francesco nel giugno scorso) e, quindi, Riina non potrà avere il funerale religioso. Ricordo brevemente che il fondamento dell’assoluzione elargita dal confessore è il pentimento per i peccati commessi ed il proponimento di non commetterne più. Riina non si è mai pentito, anzi al contrario, ha auspicato che la fine di Falcone e Borsellino potesse toccare anche al PM Di Matteo. Oggi Riina conosce il giudizio che Dio ha su di lui e sul suo operato. Su questa terra il suo nome deve essere coperto dalla decenza del silenzio. Va, anche, ricordato in merito a Falcone, Borsellino, Chinnici e gli Uomini dello Stato uccisi da Riina, che il loro assassinio ha trovato umus fertile nelle difficoltà che questi Uomini hanno trovato nel loro lavoro anche a causa degli ostacoli che molte persone delle istituzioni, compresi molti magistrati loro colleghi, hanno posto in essere per ostacolarli. E per costoro sarebbe opportuno un bell’esame di coscienza!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: