mercoledì, Dicembre 11, 2019
Home > Politica > APPUNTI E DISAPPUNTI

APPUNTI E DISAPPUNTI

Il “Governo del cambiamento” ieri (5 giugno) ha ricevuto la fiducia del senato con 171 voti a favore contro 117 contrari e 25 astenuti, oggi ha ricevuto la fiducia dalla camera dei deputati con 350 voti a favore e 236 contrari ed è, quindi, nella pienezza delle sue funzioni. Da domani, finalmente, usciremo dalla campagna elettorale e dovranno essere affrontati i problemi reali. Già abbiamo avuto ieri alcuni interventi degni di nota. Salvini (horribile dictu) ha tessuto un elogio del suo predecessore al Ministero degli Interni, Marco Minniti, dicendo che ha fatto “un discreto lavoro”. Dopo mesi di insulti la dura realtà ha prevalso sulla vis polemica. Non mi piace questo governo e l‘ho scritto, in tempi non sospetti; ma sono sinceramente curioso di vederlo al lavoro. Ho sentito l’intervento del Presidente del Consiglio al Senato e, francamente, ho trovato la sua replica, su alcuni argomenti, molto generica ed insufficiente. Quello che più mi preoccupa è il non detto, in quanto su alcuni temi le opinioni dei 5Stelle sono antitetiche con quelle della Lega come, ad esempio, il problema delle coppie omosessuali dove il Ministro della famiglia dice che bisogna abolire la legge n. 76 del 2016, mentre i Sindaci “grillini” di Torino, di Roma e di altre Città hanno incominciato a registrare i figli di coppie omosessuali. Salvini in questo caso ha zittito il Ministro Fontana dicendo che l’argomento non fa parte del contratto di Governo. Ma ci sono molte altre cose come il problema delle grandi infrastrutture (TAV, TAP, Terzo valico, ecc.) che sono ferocemente avversate dai “grillini” mentre gli Amministratori locali della Lega le difendono a spada tratta. Io credo che se entro il corrente anno non si darà il via ai lavori del “terzo valico”, il Governo si troverà di fronte alle reazioni violente del Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti (Forza Italia) e del suo vice Sonia Viale (Lega). Nonchè del Presidente della Regione Lombardia Fontana (Lega). Inoltre mi ha lasciato “basito” una affermazione del Ministro Toninelli il quale ha candidamente dichiarato che il loro obbiettivo (dei 5Stelle) è la creazione di una società etica. La città etica è quella descritta da Tommaso Campanella, frate domenicano vissuto dal 1568 al 1639, che nel 1602 scrisse “La Città del Sole”, descrizione utopica di una società ideale racchiusa in una Città inespugnabile. Chiunque conosce un pochino la Storia, sa che la società etica non esiste in natura. Nemmeno lo Stato pontificio era una società etica, tanto è vero che aveva i suoi tribunali che comminano la pena di morte, fatta poi eseguire (pudicamente) dall’esercito francese presente per difendere il Papa. Su un fatto Lega e 5Stelle hanno già raggiunto un’intesa: il reddito di cittadinanza e la flax tax sono rinviati al 2020 (tranne per le imprese che si chiama IRES ed esiste già da diversi anni). Il reddito di cittadinanza deve essere rinviato perché non sono pronti i centri per l’impiego, i quali mancano di risorse sia umane che finanziarie e di una completa banca dati a monte per individuare le domande di lavoro da porre all’attenzione dei percettori del reddito. Quello che più mi preoccupa è che il Ministro degli interni Salvini oggi abbia ritenuto di preferire un comizio a Brindisi, piuttosto che seguire il dibattito alla Camera dei Deputati. Io capisco che non c’era suspence nella votazione odierna, come non ce ne era stata ieri al Senato, ma il Vice Presidente del Consiglio che diserta la discussione sulla fiducia al Governo non è un bel vedere: anche la forma è sostanza !! Mi viene il sospetto che abbia ragione Claudio Cerasa, direttore de “Il Foglio”, quando dice che Salvini non ha interesse alla durata di questo governo, tanto ha già capito che non potrà fare niente di significativo. La nascita del Governo “giallo-verde” gli serviva per impedire di andare a votare in estate quando nel Nord le fabbriche sono chiuse e la gente è in ferie. Per questo ha accettato di far nascere questo governo e di farne parte: se potrà fare qualcosa sarà merito suo. Altrimenti ci sarà sempre un capro espiatorio da incolpare. Ormai è chiaro che il centro destra è egemonizzato dalla Lega e Forza Italia da un lato e Giorgia Meloni dall’altro saranno i portatori d’acqua al leader della Lega. Se poi gli riuscirà di convincere Di Maio a modificare la legge elettorale, introducendo un premio di maggioranza per il Partito (il Partito non la coalizione) che prenderà più voti avrà in mano lo strumento per realizzare il suo programma vero: trasformare l’Italia nell’Ungheria di Orban, cioè un Paese autocratico senza una vera democrazia e con due velocità di sviluppo: un Nord opulento legato all’Europa ed un Sud sussidiato in perenne sottosviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *