domenica, Agosto 18, 2019
Home > Rubriche > APPUNTI E DISAPPUNTI

APPUNTI E DISAPPUNTI

Nei giorni scorsi abbiamo assistito ad una edizione europea della famosa trasmissione di Renzo Arbore e Nino Frassica “Indietro tutta”, con la versione inglese condotta da Theresa May, la versione francese presentata da Emmanuel Macron e la versione italiana con presentatore Giuseppe Conte su testi di Salvini e Di Maio. Proviamo un po’ ad analizzare, una per una, queste retromarce.
1°) BREXIT – Il 12 dicembre scorso Theresa May doveva presentare alla Camera dei Comuni il testo dell’accordo che Lei aveva sottoscritto con la Unione Europea. Alcuni giorni prima 48 parlamentari del Partito conservatore (il partito della May) presentarono una mozione con la quale si chiedevano le dimissioni del governo. Theresa May fu, quindi, costretta a rinviare la votazione sull’accordo per la Brexit, perché di fronte alla possibilità che il governo fosse sfiduciato e, quindi, non vi fosse più nessuno in grado di gestire gli adempimenti dell’accordo, bisognava dare la precedenza alla mozione di sfiducia. La mozione di sfiducia fu respinta da una maggioranza di 200 voti, risultato ben superiore ai 159 necessari per provocare le dimissioni del governo. Si dice che questa vittoria abbia avuto, a monte, un documento nel quale Theresa May si impegnava a non presentare la propria candidatura alle prossime elezioni politiche inglesi. Il premier May subito dopo lo scampato pericolo si è precipitata a Bruxelles per cercare di rinegoziare alcune clausole dell’accordo (rectius della “bozza di accordo”) sottoscritto alcuni giorni prima, trovando gentile comprensione ma irremovibile fermezza nel considerare chiuse le trattative. Tornata in Gran Bretagna la May ha deciso di rinviare a dopo il 14 gennaio 2019, la presentazione dell’accordo sulla Brexit al Parlamento britannico e, nel frattempo, per evitare che il 29 marzo 2019 (data prevista per l’uscita del Regno Unito dalla UE) si trasformi in una tragedia, ha dato inizio ad alcune misure necessarie ad evitare, che la popolazione abbia a soffrire per la mancanza di prodotti di prima necessità. Nei retroporto inglesi si stanno infatti individuando capannoni dove stokare medicinali e generi di prima necessità in vista della data fatidica nella quale saranno innalzate le barriere doganali. Infatti le prime conseguenze della Brexit (al di là delle questioni economiche e finanziarie) saranno di tipo banalmente operative: il ripristino della barriere doganali può provocare tempi di attesa tali da generare carenza di viveri e medicinali. Inoltre le regole sui lavoratori stranieri rischiano di mettere in crisi le aziende che occupano questi lavoratori, e via elencando disastri operativi. Circa un mese fa scrissi che, secondo me, Theresa May pensava di concordare proroghe all’uscita dalle UE fino almeno alla data naturale delle prossime elezioni politiche: oggi (visti i comportamenti) sono assolutamente convinto che sia questo il “piano B” della May. Nel frattempo Jeremy Corbyn il capo del Labour party (che dà sempre l’impressione di essere uno che si è appena alzato da letto) ha proposto una mozione di sfiducia non contro il governo ma contro la May, la quale, in piena seduta parlamentare, pare sia stata definita dal prode Jeremy una “stupida donna”. La May, ad onor del vero, prima gli aveva consigliato dopo ogni suo intervento (suo di lui, Corbyn) di guardarsi dietro le spalle per vedere se c’è qualcuno che lo segue, cosa che non succede da molto tempo. Quello che è certo che nel Regno Unito la preoccupazione è più alta che in Italia ed è (come in Italia) destinata a crescere, almeno fino alle elezioni europee.
2°) EMMANUEL MACRON – Quando fu eletto Presidente, nel maggio 2017, rappresentò una speranza per tutti i liberali d’Europa, martedì 11 dicembre, con un breve discorso a reti unificate, si è scusato con i gilet gialli e con tutti i francesi per le misure da lui approvate, in particolare l’addizionale sul prezzo dei carburanti, adottata per reperire le risorse per una politica energica meno inquinante. Oltre sospendere l’applicazione di questa addizionale (odiosa soprattutto per i lavoratori delle aree rurali), Macron ha promesso di adottare una serie di bonus a favore delle categorie meno abbienti ed attenuare la riforma del lavoro approvata oltre un anno fa sulla falsa riga del Jobs Act di Renzi. Per far fronte agli oneri di queste promesse il Presidente francese ha avvertito l’Europa che sarà costretto a superare ampiamente il 3% di disavanzo dello Stato per l’anno 2019. Il malumore dei francesi, nei confronti del loro giovane presidente, è generato, per grande parte, da un male endemico della società francese che ha vaste sacche di povertà ed emarginazione in cui si annidano da sempre sentimenti di antistato. Non è per caso che gli atti più feroci del terrorismo islamico si siano verificati in Francia. La Francia ha sempre importato cittadini nativi delle colonie che si recavano nella cosiddetta madre patria in cerca di lavoro e sperando di migliorare le proprie condizioni di vita. Questi che, giuridicamente, erano cittadini francesi a tutti gli effetti, erano disprezzati dai francesi autoctoni (anche da quelli nati nelle colonie) che li definivano “pieds noir”. Di qui la frustrazione ed il risentimento dei figli e nipoti degli immigrati che vivono nel degrado delle banlieue. Inoltre la Francia, grazie alla “dottrina Mitterand” (che prende il nome dal Presidente della Repubblica François Mitterand), ha dato asilo,ad un numero enorme di presunti rifugiati politici che erano, sostanzialmente, delinquenti, assassini, colpevoli di rapine (definite espropri proletari) i quali trovarono asilo e copertura in Francia (come il più noto, in questi giorni, Cesare Battisti pluriomicida e reo di reati contro il patrimonio, condannato all’ergastolo da più tribunali e con sentenze tutte passate in giudicato). Tutto ciò fino al 2002 quando numerose sentenze della Suprema corte francese dichiararono incompatibile la “dottrina Mitterand” con la legislazione Europea. Questi avanzi di galera trovarono in Francia terreno fertile per continuare a propagandare la loro dottrina di odio che fiancheggia gli attentati terroristici degli ultimi anni.
3°) GOVERNO ITALIANO – Il governo del cosiddetto cambiamento (in peggio) ha concordato con la Commissione UE una serie di modifiche alla manovra economica, deliberata dalla Camera dei deputati l’altro giorno, che comportano quanto segue: a) Sul “reddito di cittadinanza” ci sarà un taglio di circa 4 miliardi sulle disponibilità economiche a disposizione di questa voce (sui nove originariamente previsti che erano già considerati largamente insufficienti). Si ricorda che ai festeggiamenti sul balcone di palazzo Chigi i “pentastellati” affermavano che sarebbero stati messi a disposizione 16 miliardi. b) Sulla “quota 400” per le pensioni, sono stati tagliati circa 3,5 miliardi con l’affermazione che le pensioni “quota 400” andranno in vigore a marzo con una finestra semestrale. Cioè andranno in pensione a settembre quelli che hanno maturato il diritto a marzo. Und so weiter (e così via) come dicono, a fine musica i musicisti, che suonano la polca “Perpetuum mobile” di Strauss. c) Un paio di miliardi sono stati congelati a garanzia di maggiori spese che dovessero registrarsi come i maggiori interessi dovuti all’aumento dello spread. d) Le previsioni di sviluppo economico del Pil sono state tagliate dall’ 1,5% all’1%. Inoltre sono stati previsti aumenti automatici dell’IVA dal 22% al 29% a garanzia del saldo strutturale previsto nel 2%. Clausola che scatterà automaticamente alla revisione dei conti alla fine del 1° semestre 2019. Inoltre su tutte le pensioni a partire da 1.500 Euro mensili netti scatterà un contributo di solidarietà sulla rivalutazione annuale derivante dall’aumento del costo della vita. Tale contributo sarà di pochi euro sulle pensioni più basse e in misura crescente a seconda dell’ammontare delle pensioni più alte. I dati che ho fornito sopra li ho ricavati sentendo tutte le dichiarazioni rilasciate al momento in cui scrivo. Va detto che il testo dell’emendamento da presentare al Senato e contenente il dettaglio di tutte le misure, non è ancora stato presentato. Vorrei fare soltanto una considerazione: è abbastanza evidente che con le risorse scarse a disposizione non si possono dare 780 € mensili a 5 milioni di poveri, né consentire a chi matura la quota 100 (62 anni di età e 38 anni di contributi) di andare in pensione con l’assegno pensionistico che avrebbe avuto se si fosse applicata la “legge Fornero”. I due vicepresidenti del Consiglio che considerano il risultato ottenuto a Bruxelles come una grande vittoria, a me ricordano quei generali della wehrmacht (quelli che poi fecero l’attentato fallito ad Hitler) che, quando il generale Friedrich Paulus cinse d’assedio Stalingrado e Hitler decantò questo episodio come un grande vittoria, dicevano tra loro “ancora due o tre di queste vittorie ed i Russi entreranno a Berlino”.
Per concludere vorrei fare una previsione, sperando nella vostra clemenza se non ci azzecco. Questo governo durerà ancora almeno sei mesi. I prossimi sei mesi saranno dedicati ad una campagna elettorale che sarà durissima, perché le due forze di governo si contenderanno i voti uno per uno. Le opposizioni di sinistra e di destra ricopriranno un ruolo di testimonianza sterile. A destra Forza Italia è ormai cannibalizzata da Salvini (a meno che lo stesso non continui a fare gaffe sempre più antipatiche come quella dell’ultras milanista). A sinistra il PD (sempre ammesso che resti unito e che Dalema riesca a disinteressarsi di quel Partito) con segretario Zingaretti tenterà di inseguire i “5 Stelle” facendosi mangiare altri voti. Una volta conosciuto il risultato delle Europee si apriranno diversi scenari: a) Salvini avrà ottenuto un risultato in linea con gli attuali sondaggi e le forze politiche antieuropee saranno determinanti nella gestione dell UE. b) Salvini avrà avuto un risultato importante in Italia ma Le Pen in Francia, AFD in Germania e le altre forze populiste saranno ancora marginali in Europa. c) Salvini avrà vinto le elezioni in Italia, i “5 stelle” avranno un risultato modesto tipo quello del 2014. Le conseguenze di questi scenari nel caso c) saranno che Salvini sarà costretto a far cadere il governo per tentare di formare un esecutivo di destra con Forza Italia, Fratelli d’Italia e qualche transfuga (i cosiddetti “responsabili”) che abbia la certezza che in caso di elezioni anticipate non sarebbe sicuramente eletto. Di questi “responsabili” ce ne sono molti sia fra i “grillini” che nel PD. Nel caso b) il governo attuale ha qualche speranza di sopravvivere per qualche tempo (un paio d’anni al massimo) perché Salvini deve consolidare la sua leadership in Italia e, soprattutto, in Europa per poi dare la scalata alla presidenza del Consiglio alle prossime elezioni. Nel caso a), che stando ai sondaggi attuali (in Italia ed in Europa) è il più probabile, Salvini sarà costretto a far cadere il governo perché con la manovra economica concordata oggi e con un’ Europa che la pensa ancora come quella di oggi, non potrà mantenere le promesse al suo popolo che non ritiene accettabile (in una fase di recessione) lavorare per mantenere l’Italia del Sud che continua a stare a guardare. Quindi, io sono convinto che lo scenario a) sia il più probabile e che questo governo, per dirla con Ernesto Calindri in un famoso sketch di Carosello: düra minga, non düra, düra no !
LORENZO IVALDO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *