sabato, Aprile 20, 2019
Home > Politica > APPUNTI E DISAPPUNTI

APPUNTI E DISAPPUNTI


di LORENZO IVALDO - 11 Aprile 2019, 7:24

Dopo oltre tre mesi di assenza dovuta a motivi famigliari, riprendo la rubrica in oggetto e voglio ricominciare dagli argomenti con cui avevamo chiuso il 2018 : la Brexit e il Governo italiano in relazione, anche,ai rapporti internazionali. La situazione non è molto diversa oggi rispetto a quattro mesi fa. Se possibile, ancora più ingarbugliata. Vediamo analiticamente le singole situazioni:

1) BREXIT. Sull’ uscita del Regno Unito dall’ Unione Europea, in questi ultimi mesi, abbiamo assistito a quella che in gergo calcistico si chiama una “melina” stucchevole. Il premier Theresa May ha presentato proposte su proposte di accordo con la UE, tutte regolarmente bocciate. Lunedì 1 aprile la May ha cercato di far votare ancora una volta (la quarta o la quinta: ho perso il conto) il proprio progetto di accordo concordato che la UE ed ha ricavato l’ennesima bocciatura. Forse perché i parlamentari inglesi lo consideravano uno scherzo! Nel dicembre 2018, poco prima di Natale il leader laburista Corbyn, con una pensata geniale, aveva presentato una mozione di sfiducia contro Theresa May: non contro il Governo proprio personalmente contro il premier May. Mozione che, ovviamente, è stata bocciata. Questa bocciatura ha reso tranquilla Theresa May perché per il regolamento della Camera dei Comuni, non permette di ripetere, se non trascorso un anno, una mozione bocciata contro il Governo. Probabilmente il fatto che fino a dicembre di quest’anno non può essere più votata una mozione che chieda le sue dimissioni, rende tranquilla Theresa May e le consente di continuare a sfidare, impunemente, il Parlamento. Dopo l’ultima bocciatura della bozza di accordo con la UE, tuttavia, la May si è convinta che occorre cercare un’intesa con l’opposizione per evitare il “no deal”.Venerdì, 5 aprile dopo avere invitato Corbyn ad un incontro, ha mandato una lettera al Presidente della Commissione Europea nella quale ha chiesto un rinvio della Brexit fino al 30 giugno. In questa lettera c’era l’impegno, nel caso in cui non si realizzasse un accordo entro il mese di aprile, ad indire le elezioni europee il 26 maggio prossimo, condizione insuperabile per un rinvio della “brexit” posticipata rispetto alla data stabilita per l’elezione del Parlamento Europeo. I colloqui con Corbyn sono, peraltro, difficili perché Corbyn deve tenere conto che oltre la metà del parlamentari laburisti vogliono un nuovo referendum. Al contrario May è assolutamente determinata a dare seguito il referendum del 2016. Forse un terreno di incontro si può trovare su tre temi: – unione doganale; – protezione dei diritti dei lavoratori stranieri; – politica ambientale. Oggi non è chiaro se Corbyn sarà in grado di siglare un accordo che, espliciti la rinuncia ad un secondo referendum, oppure se May accetterà di chiedere una consultazione popolare su un testo di accordo con UE che qualora fosse bocciato aprirebbe la via ad una rinuncia, per adesso, alla Brexit. Ieri, domenica 7 aprile, Theresa May in un discorso alla nazione ha detto chiaramente che la situazione ormai contempla solo due soluzioni, atteso che, recentemente, il Parlamento inglese ha approvato una risoluzione (avente valore di legge) nella quale si vieta l’uscita dalla UE in mancanza di accordo. A questo punto o si trova un accordo o la Brexit non può essere gestita più dal Governo May e dovrà essere rinviata sine die, in attesa che il Parlamento inglese decida come procedere, con il nuovo Parlamento europeo. Il perché la May abbia insistito così tanto presentando sempre lo stesso accordo senza riuscire a farselo approvare, non riesco proprio a capirlo. Per fortuna in questa mia non comprensione sono in buona compagnia.Forse la May, che ricopre (indegnamente) il posto che fu un tempo di Winston Churchill, ricorda una famosa frase di Churchill : “Una mela al giorno leva il medico di torno. Basta avere una buona mira!”. Il fatto è che Theresa ha la stessa mira di un non vedente!

2) ITALIA.Il Governo giallo-blu è diviso su tutto tranne su ciò che è stato oggetto del famoso decretone, contenente le misure del “reddito di cittadinanza” e di “quota 100”.Misure che che tutti i più autorevoli osservatori internazionali, ultima l’OCSE il 1° aprile scorso, hanno dichiarato estremamente dannose per la nostra economia. Sugli altri temi importanti nel Governo è scontro pressochè quotidiano fra i due alleati, tanto da ricordare i famosi Governi balneari di democristiana memoria. Infatti lo sport più praticato dal “Governo del cambiamento” è il rinvio. Rinviata la TAV, rinviato (approvato “salvo intese”) il decreto sblocca cantieri, rinviato il rimborso ai “truffati delle banche e via rinviando tutto a dopo le elezioni europee.Oggi il Governo non è più in grado di prendere decisioni, temendo di perdere voti alle prossime elezioni di maggio. I 5 Stelle temono di confermare alle “europee” i disastrosi risultati delle regionali. I dirigenti “grillini”, inoltre, sanno che se escono dal governo, non ci torneranno più, salvo stravolgimenti al momento non prevedibili. Salvini per contro ha tre ordini di problemi. I suoi successi elettorali reali (nelle elezioni regionali recenti) e virtuali(nei sondaggi) danno la Lega attestata nei dintorni del 30%, in parte con voti presi da Forza Italia. Previsione che non può non preoccupare Salvini, perché il centro destra con questi dati non ha i numeri per formare un governo. Inoltre c’è sempre lo spettro di Renzi che con oltre il 41%alle elezioni europee del 2014, si è logorato al governo tanto che alle scorse elezioni politiche il PD ha meno che dimezzato i propri voti. E dire che il PD è un partito molto più strutturato nazionalmente che non la Lega di Salvini Premier! Anche sul piano europeo le cose non stanno andando benissimo per i sovranisti. I partiti sovranisti hanno sempre ottenuto maggior consenso elettorale principalmente nei Paesi ex Patto di Varsavia. Il problema è che queste nazioni (ad esempio la Polonia) sono fieramente anti Putin e, quindi, avrebbero difficoltà a formare un’alleanza organica con Salvini e la Le Pen che sono filo-Putin. Inoltre il Partito sovranista tedesco ADF ( Allianz für Deutschland ) è insediato soprattutto nelle regioni dell’ex DDR ( Deutsche Demokratische Republik) dove ha un consenso di voti notevole, ma nel resto della repubblica tedesca non è altrettanto popolare, tanto è vero che il risultato a livello nazionale tedesco è di poco superiore al 10% . Salvini, stando ai sondaggi attuali, avrebbe certamente un gruppo consistente nel Parlamento europeo, ma rischia di non riuscire ad essere determinante sulla politica europea. Anche perchè, a prescindere dalle future alleanze di governo europeo, i paesi dell’est vogliono soprattutto dall’ Europa le seguenti cose: 1) Una revisione dei contributi europei a discapito di chi li prende adesso (tipo il sud Italia); 2) Nessuna concessione sui migranti; 3) Una politica estera fortemente atlantista, essendo terrorizzati dall’ invadenza di Putin. Tutti i sondaggi odierni danno in crescita i partiti sovranisti, ma con una percentuale complessiva intorno al 20% – 25%. Cioè solo un quarto (nell’ ipotesi migliore) degli elettori europei voterebbe i partiti populisti. Il che è comprensibile se si tiene conto che Orbán (il premier Ungherese), sul cui potenziale elettorale contavano i sovranisti compresi Salvini e la LePen, continua a rimanere all’ interno del PPE e, quindi, il suo pacchetto di voti andrà ad ingrossare il Partito della Merkel. Inoltre in Francia i sondaggi che nel mese di dicembre scorso davano Macron in caduta libera, dopo tre mesi di “gilet gialli” stimano nuovamente Macron ai livelli del primo turno del 2017 cioè al 24% superando nuovamente Marine LePen data al 21%. Come si vede, le ragioni che hanno tenuto insieme le attuali forze di governo italiano, rischiano di non reggere ai risultati delle elezioni europee e, comunque, non vi sono (per il momento) ragioni che facciano, ragionevolmente pensare che dopo il 26 maggio prossimo l’Europa potrà essere ribaltata dalle forze populiste. Cioè in Italia Salvini e Di Maio si troveranno nella stessa situazione in cui si sono trovati al governo del Paese: le promesse erano largamente esorbitanti rispetto alle possibilità reali. Quando si fanno sogni troppo rosa, il rischio è, quasi sempre, un brutto risveglio!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *