venerdì, Luglio 19, 2019
Home > Rubriche > APPUNTI E DISAPPUNTI

APPUNTI E DISAPPUNTI

Nella notte fra sabato 11 maggio e domenica 12 maggio scorsi, il cardinale Konrad Krajewski [sì, proprio un cardinale di Santa Romana Chiesa!], che dal 3 agosto 2013 ricopre l’incarico di “elemosiniere” (*) del Papa, si è recato in un palazzo di Roma, sito in via di Santa Croce in Gerusalemme. Un palazzo abitato (pare abusivamente) da circa 400 poveracci che da venti giorni erano privi della corrente elettrica, che era stata staccata dalla Società erogatrice, a causa della mancata corresponsione dei canoni elettrici, con un debito ammontante, ormai, ad oltre 300.000 Euro. Dicono le cronache che il Cardinale (evidentemente non vestito con i paramenti sacri) si è infilato nel tombino dove era collocata la cabina elettrica e, dopo avere rotti i sigilli apposti dall’autorità giudiziaria, a seguito di un esposto della Ditta erogatrice, ha provvedute a riallacciate la corrente elettrica. Ieri ed oggi i giornali, di qualunque colore, hanno esaltato il coraggio del Cardinale che (secondo i giornali) rischia di essere condannato per il reato di violazione dei sigilli (art. 349 codice penale). Il gesto è eclatante e, credo, sia stato concordato con Papa Francesco il quale è molto sensibile alle sorti dei poveri e degli emarginati. In non posso permettermi un giudizio su un gesto che è di per sé un reato e può essere letto come un’incitazione a delinquere. Non posso capire quale utilità morale possa derivare da questa azione, atteso che, senza i 300mila Euro, la Società erogatrice provvederà a staccare nuovamente la corrente elettrica. Qualora, per contro, si trovassero le risorse per corrispondere, anche parzialmente le somme dovute, si creerebbe un precedente alle cui conseguenze non oso pensare. Quindi attendo curioso gli sviluppi del caso.

Su una cosa vorrei, invece, attirare l’attenzione. Il gesto del Cardinale non ha niente di eroico perché mi ha ricordato quella impossibilità di applicare una legge che si studia in Filosofia del diritto: “il paradosso deontico”. L’esempio, che tutti i libri di testo espongono, è il seguente: “…Il Padrone del Castello ordina al barbiere di corte di radere tutti e soltanto quelli che non si radono da soli. A quest’ordine si pone una domanda che ha due risposte antitetiche: a) il barbiere si deve radere perché deve radere tutti quelli che non si radono; b) il barbiere non può radersi perché deve radere soltanto quelli che non si radono da soli…”. Sua eminenza Konrad evidentemente conosce il paradosso deontico. Infatti ha commesso un reato per il quale l’Autorità Giudiziaria Italiana dovrà perseguirlo, perché in Italia l’azione penale è obbligatoria. Sarà condannato e sconterà la pena ? La risposta è un po’ complessa. Intanto il reato di cui all’art. 349 c.p. prevede una pena edittale massima di tre anni di reclusione. Quindi, un ufficiale di polizia che lo avesse sorpreso mentre violava i sigilli, non avrebbe potuto arrestarlo perché la pena massima prevista dall’art. 349 è più esigua di quella minima stabilita per potere effettuare l’arresto in flagranza di reato. Quindi il Cardinale, anche in presenza della polizia, avrebbe tranquillamente potuto rientrare in Vaticano, dove gode dell’immunità diplomatica di fatto. Inoltre è cittadino straniero e bisogna chiederne l’estradizione per fargli scontare la pena. Va detto che è, anche, straniero due volte: a) perché di padre polacco; b) perché cittadino dello Stato Vaticano. Quindi il Cardinale Krajewski (che, evidentemente, a differenza di buona parte dei nostri politici, si informa prima di agire) sapeva certamente di non rischiare nulla dal punto di vista personale. Il problema era quello di dare un segnale “politico”, sulla scia della dottrina della misericordia, tanto cara a Papa Francesco. Il quale sull’argomento è altrettanto inascoltato, anche dai suoi “fratelli e sorelle”.

 

*) L’ elemosineria pontificia esiste da parecchi secoli (quasi un millennio) gestisce un piccolo business legato alle pergamene contenenti stampata la benedizione del Papa che vengono richieste da tutto il mondo ed inviate dall’elemosineria vaticana dietro adeguato compenso. Con la nomina di don Krajewski (subito nominato vescovo e da un anno elevato alla dignità cardinalizia), l’Ufficio di elemosiniere ha cambiato la sua vocazione dedicandosi ad organizzare strutture di accoglienza quali bagni e docce sotto il porticato di San Pietro e disposizione di clochard ed altri bisognosi e recandosi la sera a distribuire (talvolta anche con la partecipazione personale del Cardinale Konrad) cibo e vestiario con un apposito furgoncino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *