domenica, Agosto 18, 2019
Home > Rubriche > APPUNTI E DISAPPUNTI

APPUNTI E DISAPPUNTI

Io capisco che dopo il voto di domenica 26 maggio scorso parlare del Movimento 5 Stelle è come sparare sulla Croce Rossa. Ma loro si cercano gli sfottò col lanternino. Infatti l‘eroe dei due mondi grillino (l’ex onorevole Alessandro Di Battista), martedì 28 sera, dopo avere elencato gli errori del “fraterno” amico Luigi Di Maio, ha ripetuto con visibile commozione “…Noi però siamo delle brave persone!!…”. Nessuno aveva messo in dubbio ciò, ma non oso pensare cosa avrebbero potuto fare se fossero stati, anche, cattivi. L’unica consolazione, in quel deprecato caso, è che i cattivi, di solito, la domenica si riposano, mentre le brave persone, come loro, sono sempre in servizio! Il problema è che il governo giallo-verde è ormai un monocolore leghista con appoggio interno dei “5stelle”. Io non amo i grillini perché sono portatori di un’ideologia criptocomunista che ritengo un pericolo per la civiltà occidentale così come la maggioranza di noi la concepisce. Le misure care ai “grillini” come la decrescita felice, il reddito di cittadinanza che premia i fancazzisti, l’abolizione della prescrizione che premia un sistema giudiziario sempre più inefficiente [aspettare dieci/vent’anni per avere giustizia è molto peggio, che sapere subito che non l’avremo mai], ecc., sono tutti interventi che prefigurano una società di tipo sovietico. Dimenticando che quel tipo di organizzazione sociale (quella sovietica) è implosa trent’anni fa, a seguito di un confronto con la civiltà occidentale dopo che la liberalizzazione della comunicazione ha consentito alle popolazioni governate dal comunismo un confronto con le popolazioni a guida democratica. Il tutto condito con una visione dirigista della democrazia interna, per mezzo di una non trasparente “piattaforma Rousseau”, la quale, nella metodologia dell’assunzione delle decisioni, assomiglia molto al comitato centrale del Partito Comunista Sovietico. E pensare che sei anni or sono, nel 2013, gli eletti del Movimento 5 Stelle avevano preteso che le riunioni al loro interno fossero trasmesse direttamente in streaming. Però, una volta arrivati al governo, sono diventati più riservati del Partito comunista nordcoreano. Dopo le elezioni elezioni di domenica 26 maggio entrambi i Partiti del governo giallo-verde (apoditticamente definito “del cambiamento”) sono in stallo per motivi simili ma opposti: entrambi vorrebbero andare ad elezioni anticipate prima di dover approvare una manovra economica da lacrime e sangue, ma entrambi desiderano che sia l’altro partito di governo a dichiarare la crisi. I grillini per poter fare una campagna elettorale accusando la Lega di avere impedito un’azione di governo che poteva approvare leggi a favore dei ceti più bisognosi, dai quali il Movimento 5Stelle aveva tratto i voti per vincere le elezioni del 2018. I grillini si sono resi conto che le misure promesse in campagna elettorale (con promesse faraoniche difficilmente realizzabili) al momento della concretizzazione o erano inefficaci (come il “decreto dignità”) o avevano bisogno più risorse di quante potessero essere reperite, con la conseguenza di scontentare i molti che avevano creduto, acriticamente, alle promesse. Ciascuno di noi conosce qualcuno che era convinto che il “reddito di cittadinanza” gli avrebbe consentito di poter lucrare 780 Euro mensili, per ogni componente familiare, continuando a percepire i pochi redditi con i quali avevano sbarcato il lunario fino ad oggi e senza dover rendere conto del fatto che non troveranno lavoro perchè in una situazione di disoccupazione quale quella attuale, trovare tre lavori, per poterne scegliere uno, comporterebbe anni di attesa a spese dello Stato. Quando si sono accorti che non era come avevano promesso Di Maio e soci, semplicemente non sono più andati a votare o hanno votato Salvini per ritorsione. I grillini se possono fare una campagna elettorale dando a un altro la responsabilità delle promesse mancate, possono sperare di recuperare, almeno una parte di quei sei milioni persi in un anno rispetto al risultato del 4 marzo 2018. Salvini, per contro, dopo il risultato delle votazioni alle elezioni europee di domenica 26 maggio avrebbe la tentazione di far cadere il governo ed andare a votare quanto prima possibile. Però teme che forzando la crisi di governo gli elettori penalizzino troppo i grillini senza peraltro spostare altrettanti voti sulla Lega. In quel caso il centro destra non avrebbe i voti sufficienti a fare un governo e a Lui non riuscirebbe di diventare Presidente del Consiglio. Inoltre, come un incubo, Giorgetti gli ricorda sempre l’esempio di Renzi che alle elezioni europee del 2014 aveva superato il 40% (circa il 7% in più del risultato di Salvini nelle elezioni del 26 maggio), per poi finire come tutti sanno. Inoltre Salvini sa benissimo che le elezioni europee del 26 maggio scorso non sono state, in Europa, soddisfacenti per i partiti sovranisti. E quindi rischierebbe di non trovare le necessarie coperture per le sue proposte politiche in economia. La Lega è il Partito che fonda le sue radici nella società del Nord fatta di imprenditori, artigiani e partite IVA. I cittadini di quelle regioni sono consapevoli di essere la locomotiva dell’economia italiana ed è diffuso fra queste persone il desiderio di uno Stato federale, che permetta loro di mantenere sul territorio una buona parte del gettito fiscale. Ma sono, in larga maggioranza, europeisti perhè esportano molto nel resto d’Europa. Inoltre gli amministratori locali della Lega sono sempre stati ottimi amministratori, che hanno fatto funzionare i servizi pubblici in modo efficiente e con costi paragonabili a quelli delle aziende private. Eppure la Lega, prima di Salvini, era un partito in estinzione, simbolo che la fiducia negli amministratori locali non è eterna e, soprattutto non si trasferisce alle elezioni nazionali se non per la prospettiva di perpetuare la prosperità raggiunta (anche a discapito del resto d’Italia). Oggi, fra l’altro, Salvini ha dovuto constatare che il premier Giuseppe Conte è più furbo di lui: infatti con la sua conferenza stampa tenuta oggi pomeriggio ha, da autentico giocatore di poker, alzato la posta dicendo che se i due partner di governo continuano con l’atteggiamento assunto in questo ultimo mese, lui, Conte, si reca dal Presidente della Repubblica e rassegna le proprie dimissioni. Poi ha atteso per vedere chi fra Di Maio o Salvini abbia il coraggio di dire : “vedo”!
( Lorenzo Ivaldo )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *