domenica, Agosto 18, 2019
Home > Rubriche > APPUNTI E DISAPPUNTI

APPUNTI E DISAPPUNTI

Nei dieci giorni scorsi ci sono stati avvenimenti sportivi significativi, in particolare nel mondo del calcio: 1°) Venerdì 7 giugno è incominciato il campionato mondiale del calcio femminile, con la partecipazione della squadra nazionale italiana; 2° La nostra nazionale maschile di calcio ha affrontato la Grecia e la Bosnia, nel quadro della qualificazione al campionato europeo dell’anno prossimo; 3°) Relativamente al campionato in questi giorni sono cambiati quasi tutti gli allenatori delle squadre di alta classifica Juventus, Inter, Milan, Roma, Fiorentina, Sampdoria ecc.. 4°) Totti ha lasciato la Roma spiegando il perché in una oceanica conferenza stampa in cui ha illustrato le ragioni di questa decisione.
1°) La nostra nazionale (scarsamente considerata fino al 9 di giugno scorso) ha affrontato, l’Australia, che era una delle squadre più quotate per competere alla vittoria finale. L’Italia ha vinto 2-1 dopo che le australiane erano andate in vantaggio. Poi la nostra nazionale ha strapazzato la Giamaica, squadra molto fisica sconfitta per 5-0. Dopo queste due partite l’Italia è già qualificata per gli ottavi di finale. Prima della partita con l’Australia avevo visto una sola partita di calcio femminile, circa trent’anni or sono, quando centravanti della nazionale femminile di calcio era Carolina Morace, che in quella partita segnò un gol alla Bobo Vieri (absit iniuria verbis). Conoscevo Carolina Morace (purtroppo soltanto televisivamente) perché era la conduttrice di una bella trasmissione di calcio, che Telemontecarlo (così allora si chiamava la 7) trasmetteva la domenica sera, con la sigla GALAGOAL. Prima della Morace la conduttrice di Galagoal era Alba Parietti che, seduta su un alto sgabello, metteva in evidenza le sue chilometriche gambe, valorizzate da una minigonna microscopica. Quando la Parietti fu sostituita, la redazione scelse Carolina Morace, che era ancora giocatrice, la quale per segnalare il distacco dalla conduttrice precedente si presentò con una gonna-pantalone color aragosta e lunga tre dita sotto il ginocchio. La Morace parlava di calcio con competenza ed era capace di fare un’intera trasmissione senza accennare nemmeno un sorriso. Però illustrava il gioco del calcio, spiegandone i segreti in modo chiaro e comprensibile anche a chi, come me, non ha mai giocato al pallone. Ricordando la partita di trent’anni fa ho guardato (un po’ distrattamente) Australia – Italia ed ho, invece, guardato appassionandomi la partita contro la Giamaica, favorito nel mio entusiasmo dal risultato sempre più rotondo. E dire che le giocatrici giamaicane non erano dei fuscelli, al contrario! Esiste un temine femminile dell’aggettivo “marcantonio” ? Se esiste si adatta perfettamente alle atlete giamaicane!
2°) La nazionale di Roberto Mancini ha liquidato la Grecia e pochi giorni dopo ha vinto con la Bosnia di Edin Dźeko e Miralem Pjanić. E’ una squadra giovane che gioca un bel calcio e si dimostra molto affiatata. Forse Mancini (che è stato un grandissimo giocatore) riesce meglio nel ruolo di selezionatore della nazionale che di allenatore di una squadra di club, specie con le caratteristiche dell’Inter.
3°) Tranne per Juventus e Inter, i cambi di allenatori sono stati abbastanza scontati. Juve ed Inter, invece, si sono affidate a tecnici molto diversi per mentalità, carattere e modo di rapportarsi con società e giocatori. Da juventino storico sono curioso di vedere come si rapporterà Sarri (che non ha una grande esperienza ad avere ai suoi ordini giocatori famosissimi). Spero vivamente che non continui il gioco lezioso ed inconcludente del Napoli. La mia speranza è confortata dal fatto che ho visto giocare il Chelsea di Sarri e strapazzare l’Arsenal (che aveva eliminato il Napoli, vincendo meritatamente a Napoli). Il Chelsea di Sarri, nella finale di Europa League del 29 maggio scorso, si è dimostrata una squadra veramente tosta, dotata di un buon affiatamento di squadra e con un gioco capace di valorizzare le caratteristiche dei giocatori più dotati di classe calcistica.
4°) Alle 14 di lunedì 17 giugno Francesco Totti ha convocato una conferenza stampa per annunciare le sue dimissioni da dirigente della Roma. Ottanta minuti di domande banali e di risposte scontate per dire quello che si poteva riassumere in una frase: “…è difficilissimo fare il principe dove sei stato un Re…”. E’ stata una manifestazione con gran profusione di dichiarazioni di amore per la Roma e via lacrimando, peccato che l’unica domanda intelligente non abbia avuto, da Totti, nessuna risposta. Un giornalista ha chiesto a Totti se ritiene che Pallotta (il miliardario americano padrone della Roma) possa continuare ad investire propri capitali per fare una squadra forte e competitiva, qualora il Comune (come peraltro ha dichiarato Virginia Raggi) non consenta alla Società di Pallotta stesso la costruzione di uno stadio comprese le cubature edilizie previste dal progetto a suo tempo presentato. Totti ha risposto “…non lo so e non posso saperlo…”. Io avrei completato la domanda con un’altra domanda: “… Visto che nel programma elettorale di Virginia Raggi c’era la assoluta contrarietà alle autorizzazioni per costruire lo Stadio, non ritiene Lei, che per dimostrare il proprio attaccamento alla Roma-calcio, Francesco Totti avrebbe dovuto usare tutta la sua enorme influenza presso i tifosi impegnandosi in prima persona, mettendoci la faccia, chiedendo i voti per se stesso candidandosi in una formazione politica che facesse della costruzione dello Stadio un punto qualificante del proprio programma elettorale. E non crede che una scelta del genere avrebbe potuto stabilire fra Pallotta e Lei un feeling che avrebbe potuto consolidarsi nel tempo, con vantaggio di entrambi, della Roma stessa e per futuro della squadra che Lei dice di amare tanto e che vuole fortissima, ma soltanto… con i soldi degli altri…”.

Oggi la polizia francese avrebbe fermato Michel Platini ex asso della Juventus e presidente dell’UEFA per nove anni (dal 2009 al 2016) che sarebbe stato accompagnato nella centrale di polizia di Nanterre non si capisce ancora se in qualità di persona informata sui fatti, oppure se come indagato per il reato di corruzione in relazione all’assegnazione al Qatar dei Mondiali di calcio del 2022. Se l’inchiesta dimostrasse il coinvolgimento penale di Platini in un reato di tale genere, bisognerebbe proprio dire che …non c’è più religione!
( Lorenzo Ivaldo )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *