domenica, Agosto 18, 2019
Home > Rubriche > APPUNTI E DISAPPUNTI

APPUNTI E DISAPPUNTI

Stavo accingendomi a scrivere un commento su quanto è successo ieri ed oggi in ordine alle nomine in fieri negli Organismi Europei, quando sono stato raggiunto da uno scritto posto dall’avv. Fabrizio Ivaldo sul proprio sito facebook. Col suo permesso lo riporto di seguito, aggiungendo un commento per alcune cose che mi trovano in parziale disaccordo.
“…Consapevole di essere in dissenso dal mio partito, sostengo che nell’ultimo giro di nomine europee Conte abbia fatto al meglio gli interessi italiani e abbia fatto bene a far saltare l’altro ieri l’accordo originario. Nello schema originario, avevamo: Timmermans, socialista sponsorizzato da Macron, alla guida della Commissione, un liberale (quindi dello stesso gruppo parlamentare di Macron) alla presidenza del Consiglio e la BCE sarebbe andata a un francese da designarsi a scelta di Macron: a Germania e PPE sarebbero rimaste presidenza del parlamento e rappresentante per la politica estera, cioè le due caselle che contano meno. Quindi un trionfo del presidente francese, tanto che una buona parte dei popolari (non solo gli amici di Orban…) si sono rivoltati contro la Merkel perché aveva ceduto troppo. In questo schema, l’Italia sarebbe entrata semplicemente approvando un pacchetto già preconfezionato, quindi senza poter rivendicare particolari meriti, e poi dovendo sperare di vedersi assegnare una poltrona di peso in commissione: facile a dirsi, ma molto improbabile se si fosse lasciato il ruolo di grande manovratore al presidente francese: la Francia ha sempre fatto i propri interessi a nostro discapito quando i nostri governi erano amici, possiamo immaginarci cosa sarebbe successo oggi che i nostri due vicepremier sono stati pressoché gli unici fuori dalla Francia a sostenere, rispettivamente, Marine Le Pen e i Gilet gialli…
L’alleanza strategica, una tantum utile, con il paesi dell’Est, giocata con scusa del politicamente corretto (mettere due donne nei posti chiave) ha portato invece a una situazione che ha ridimensionato il peso francese (la Francia prende come previsto la BCE, ma con la Lagarde, che politicamente non è vicina a Macron) ed ha evitato una figuraccia alla Merkel. La Cancelliera, capo del paese economicamente più forte e leader di fatto del gruppo di maggioranza relativa all’Europarlamento, avrebbe francamente fatto una ben magra figura se non fosse riuscita a prendere la presidenza della Commissione (che non andava ai tedeschi da mezzo secolo): anche se per ottenerla ha dovuto puntare su una figura di basso profilo, esce rafforzata nell’eterno gioco di equilibri con la Francia e di questo deve ringraziare anche l’Italia. Non è un caso che subito si sia incominciato a parlare per il nostro paese del commissario alla Concorrenza, ruolo importante anche se non strettamente connesso alla politica monetaria dell’Unione, che per questo storicamente è stato spesso assegnato a rappresentanti di paesi importanti ma di estrazione politica diversa rispetto alla maggioranza della commissione, e che quindi potrebbe essere anche assegnato a un leghista (purché la Lega riesca a indicare qualcuno con un minimo di spessore…) senza creare particolari traumi.
Da ultimo, poi, abbiamo anche avuto la gradita sorpresa del gruppo socialista che, evidentemente convinto di fare un dispetto al nostro Governo, ha votato un esponente del PD alla presidenza del Parlamento: decisamente una buona conclusione… (avv. Fabrizio Ivaldo)” .
Vorrei integrare quanto sopra con alcune considerazioni di carattere più generale. Io penso che la sconfitta maggiore sia Angela Merkel che aveva proposto Timmermans (un socialista olandese, però aderente al gruppo europeo di Macron) e si era impegnata per un tedesco alla presidenza della BCE. Proporre un socialista, ancorchè olandese, alla presidenza della commissione, probabilmente, era cosa contenuta negli accordi non scritti, propedeutici alla coalizione di governo presieduta da Angela Merkel. Avere cambiato la proposta iniziale ha, sicuramente, fatto irritare i socialisti della SPD, tanto è vero che al momento di votare la Ursula von der Leyen (che appartiene al partito della Merkel), Angela Merkel si è astenuta, per dimostrare che ha subito quella designazione. Cosa che non ha rasserenato i socialisti della SPD che minacciano apertamente di far naufragare la große coalition. Nemmeno il Presidente Macron (anche se le proposte alla fine le ha fatte lui) è, sostanzialmente, un vincitore perchè si trova alla Presidenza della BCE non un tecnico a lui fedele, bensì Christine Lagarde: un avvocato con una lunga esperienza politica quale ministro di governi di ispirazione “gollista”. Infatti Christine Lagarde, era ministro dell’economia del governo Fillon (nominato da Nicolas Sarkozy) quando si candidò alla direzione del Fondo Monetario Internazionale [in sostituzione di Strauss Kahn che dovette dimettersi per una vertenza giudiziaria a seguito della denuncia di una lavoratrice dipendente dell’albergo di New York nel quale S. Kahn alloggiava ]. La Lagarde era già stata ministro del commercio scelta da Jaques Chirac e due anni dopo fu indicata da Sarkozy a Fillon per il ministero dell’economia. Quindi Macron si trova ad avere alla presidenza della BCE una persona che è data in quota a lui e che lui non avrebbe proposta. In questo ginepraio il Premier italiano ha dimostrato di saper agevolmente nuotare. Ha partecipato alle riunioni in un imbarazzante isolamento, dovuto sia all’incubo della procedura di infrazione pendente sull’Italia e al fatto che i suoi vice Salvini e Di Maio in politica estera hanno collezionato figure da dilettanti allo sbaraglio. Invece Conte, che all’inizio nessuno si filava, sostenendo con ragioni non banali le tesi dei Paesi ex comunisti (il cosiddetto gruppo di Visegràd) ha dato voce e dignità alle loro rimostranze, unendo la voce di un Paese fondatore dell’Unione Europea. Sulla scorta di questo supporto i Paesi dell’est Europa hanno superato le divisioni che li hanno sempre indeboliti fino ad accettare un compromesso, inimmaginabile solo sei mesi or sono. In questo Conte ha dimostrato di saper lavorare di psicologia o, quanto meno, di essere velocissimo a capire dove si andava a parare, anticipando alla stampa l’ipotesi di soluzione finale, come se fosse il frutto di una propria invenzione. Inoltre ha dimostrato di non avere complessi di inferiorità per le minacce di “procedura di infrazione per eccesso di debito” che pendeva sulle nostre teste. Con questo ha fatto guadagnare al governo da lui presieduto circa un altro anno di vita. Inoltre Conte si è tenuto lontano, in questi giorni, dalle brutte figure fatte da Salvini che ha preso sberle sonore dalla magistratura sull’affare Sea Watch, ancora più dolorose se si pensa che è venuto alla luce il bluff dei porti chiusi. Infatti mente tutta l’attenzione era rivolta ai 40 disgraziati sulla nave guidata dal capitano tedesco di sesso femminile, nel molo adiacente (sempre a Lampedusa) sbarcavano dai motoscafi di altura oltre 300 migranti che si dirigevano tranquillamente alla stazione ferroviaria, per prendere un treno che li portasse “nel continente” (come dicono i siciliani) essendo, già stati muniti di regolare biglietto. Oggi Salvini e Di Maio contestano (molto sottovoce) il Presidente del Consiglio Conte: Salvini perché ha lasciato che si eleggesse un esponente della sinistra, David Sassoli, a presidente del Parlamento europeo al posto di un leghista, dimenticando che i voti per eleggere un leghista nel nuovo parlamento europeo non ci sono, tanto è vero che anche Sassoli ha avuto qualche difficoltà. Di Maio perché voleva un vicepresidente 5Stelle, dimenticando che i 5Stelle, per il momento, non hanno ancora aderito a nessuno gruppo di quelli che si sono formati dopo le recenti europee. E non perché non abbiano chiesto asilo. Il fatto è che nessuno li vuole, perché sono dei fanatici inconcludenti!
( Lorenzo Ivaldo )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *