domenica, Ottobre 20, 2019
Home > Rubriche > APPUNTI E DISAPPUNTI

APPUNTI E DISAPPUNTI

Dopo la caduta del governo giallo-verde, cui Salvini aveva fatto uno sgambetto il giorno 8 agosto scorso, le domande sul motivo per cui Salvini abbia fatto questa mossa sono state le più disparate. Prima delle elezioni per il Parlamento europeo, gli unici sovranisti presenti nei governi dei Paesi dell’Europa occidentale erano: Salvini, vicepremier e ministro del Governo italiano ed Heinz-Christian Strache, vice cancelliere austriaco e leader dell’estrema destra Freiheitliche Partei Österreichs-FPÖ (Partito della Libertà). A pochi giorni dalle elezioni del maggio scorso, Strache è stato costretto a dimettersi perché indagato di pastrocchi con Putin. Pensando male (come diceva Andreotti) si può ritenere che Salvini, già accusato nel febbraio scorso di analoghe cose, per paura di fare la fine di Strache, abbia fatto cadere il governo giallo-verde di cui era vicepresidente, nel convincimento di poter andare a votare entro ottobre, vincere le elezioni e diventare premier prima della conclusione dell’inchiesta della Magistratura di Milano su Savoini. Questo lo avrebbe portato ad essere un protagonista in Europa. Per contro la formazione di un governo giallo-rosso ed il passaggio della Lega all’opposizione lo riducono ad una figura marginale. Tuttavia, Salvini non aveva messo in conto che, sulle ceneri del governo giallo-verde, sarebbe nato un governo giallo-rosso che oggi si caratterizza come il Governo italiano più europeista degli ultimi vent’anni. Infatti al suo interno annovera il Presidente Conte che ha fatto del rapporto con l’Europa il suo segno distintivo, fino a convincere gli eurodeputati del M5s a votare Ursula von der Leyen quale Presidente della Commissione europea, facendo imbufalire Matteo Salvini e ponendo le basi dello strappo consumatosi con la presentazione della mozione di sfiducia contro il Presidente del Consiglio, depositata dalla Lega alla Camera dei deputati. La road map della crisi, secondo Salvini, avrebbe dovuto essere la seguente: Giuseppe Conte, preso atto della mozione di sfiducia, avrebbe dovuto, immediatamente, recarsi al Quirinale e presentare le dimissioni del Governo al Presidente della Repubblica. Il quale dopo due giorni di consultazioni (nel rispetto soltanto formale del dettato Costituzionale) avrebbe dovuto constatare la fine del Governo e rifacendosi a quanto successo 15 mesi prima, decidere che non c’erano alternative al governo Conte, di conseguenza sciogliere le Camere e indire le elezioni entro il mese di ottobre. Salvini in questa sua visione, non ha tenuto conto di una cosa che, come dicono gli americani, i tacchini sono contrari all’anticipazione del Natale. Inoltre Salvini si rendeva conto che, dopo l’elezione di Ursula von der Leyen in Europa, anche se avesse ottenuto il posto di Commissario UE per un leghista (cosa peraltro difficile visto che i deputati europei della Lega avevano votato contro la von der Leyen), sarebbe rimasto isolato in Europa e non avrebbe più contato niente. Il che impediva il suo programma di politica economica espansiva perché, sforando i parametri Europei, l’Italia sarebbe stata sottoposta a reiterate procedure di inflazione, cosa che avrebbe costretto il Governo a modificare il bilancio triennale rinunciando ad assumere misure in deficit (fra cui anche la flax tax) oppure a prendere in considerazione un’uscita dell’Italia dall’Euro (come voleva una parte della Lega, peraltro minoritaria). L’uscita dall’Euro avrebbe portato ad una collisione fortissima con gli industriali del Nord Italia i quali sanno benissimo che l’uscita dall’Euro è un’idea folle. Nel presentare il nuovo governo alla Camera dei deputati, il Presidente Giuseppe Conte, ha parlato per oltre 90 minuti esponendo un programma ambizioso e di durata oltre la presente legislatura. Malgrado ciò, il programma del nuovo governo è caratterizzato da promesse generiche di misure molto forti e di non immediata intuizione (da parte degli elettori) come la flax tax e il reddito di cittadinanza. Bisogna aspettare di vederlo all’opera per poterlo giudicare. Nel frattempo, l’insulto politico più caratteristico che la destra ha lanciato nei confronti del Governo Conte 2.0 è quello di essere “il governo più a sinistra della storia delle repubblica”. Questa è un’iperbole che si commenta da sola. Ricordo (per chi, come me, ha avuto la fortuna di conoscerlo, molti anni or sono) che l’autorevolissimo e stimatissimo dott. Veirana, presidente del Collegio dei dottori commercialisti della provincia di Savona, quando qualcuno faceva affermazioni roboanti, sottovoce ammoniva, in perfetto dialetto savonese: “…mi n’esagerieva…” (io non esagererei). Questo commento vale anche per il discorso del Presidente Conte 2.0 che ha esplorato tutto lo scibile politico con un progetto che si potrà realizzare in non meno di trent’anni. Tuttavia alle ore 19 di martedì 10 settembre 2019, questo governo ha ottenuto la fiducia anche da parte del Senato ( con una maggioranza abbastanza tranquillizzante) e, quindi, è in grado di operare. Speriamo bene!

Post scrictum: Prima di iniziare il suo intervento al Senato, il Presidente Conte ha dato la notizia che il Commissario italiano Paolo Gentiloni, ha ottenuto la delega agli Affari Economici della Unione Europea. Che è un incarico di grande prestigio e di grande responsabilità, che rende ancora più evidente il ruolo che questo governo si appresta a ricoprire in campo europeo.
( Lorenzo Ivaldo )

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *