Home > Cultura e Musica > ‘Arabeschi sonori’, il secondo concerto aperitivo della rassegna “Musica in Comune”

Aspettando l’estate” sarà un incontro con la memoria anche di chi, come Fanny Mendelssohn, è tutt’oggi un esempio di anticonformismo

‘Arabeschi sonori’, il secondo concerto aperitivo della rassegna “Musica in Comune”

Aspettando l’estate” sarà un incontro con la memoria anche di chi, come Fanny Mendelssohn, è tutt’oggi un esempio di anticonformismo

Bellezza e memoria, anche dagli importanti risvolti sociali, saranno il filo conduttore degli ‘Arabeschi sonori’ , il secondo concerto aperitivo che domenica 9 giugno (ore 11, costo 5 euro con apertura della biglietteria alle 10.15 fino ad esaurimento dei biglietti vista la capienza ridotta dell’ambiente) si terrà nell’atrio del Palazzo del Comune di Savona.
L’appuntamento – che fa parte della rassegna ‘ Musica in Comune…aspettando l’estate’ realizzata dall’ Opera Giocosa , a cura del Maestro Loris Orlando e in collaborazione con il Comune di Savona – vedrà protagonista la musica di Camille Saint- Saëns , Claude Debussy e Fanny Cäcilie Mendelssohn- Bartholdy . Un incontro con la musica per pianoforte a quattro mani che i pianisti Sena Fini e Pietro Giorgini renderanno, anche per il repertorio scelto dal
sodalizio artistico che festeggia i dieci anni di attività concertistica insieme, un alfabeto musicale modernissimo per i contenuti e la bellezza che ne costituiscono l’essenza.
«Sono tutti autori importanti – spiega la stessa Sena Fini – di Fanny Mendelssohn presenteremo una composizione a cui teniamo molto anche perché teniamo altrettanto molto a far conoscere al pubblico questa grande figura femminile.
Fu infatti una donna che seppe andare contro la mentalità dei suoi tempi che vedevano la formazione al pianoforte come essenziale per l’educazione di una giovane donna ma che ne disapprovavano eventuali sviluppi quali la composizione o, ancora peggio, l’attività concertistica. Lei, invece, appoggiata anche dal fratello Felix e dal marito, il pittore Wilhelm Hensel, fu una compositrice e una concertista eccezionale. Soltanto una morte precoce, ad appena 43
anni, interruppe precocemente la vita di un raro esempio di emancipazione femminile».
Anche il resto del programma proposto sarà di grande suggestione e fascino. Come da tradizione l’ Opera Giocosa del presidente e direttore artistico Giovanni Di Stefano tramite musica e convivialità propone attraverso i classici della musica un orizzonte di meditazione che va al di là della semplice parentesi piacevole di una matinée.
«Il nostro excursus musicale proseguirà con la celebre ‘Danza macabra’ di Camille Saint- Saëns e con il repertorio di Debussy – conclude Sena Fini – la ‘Petite suite’ è un pilastro del repertorio pianistico a quattro mani. Abbiamo scelto in particolare ‘En Bateau’ che si rifà apertamente alla poesia di Verlaine rendendo ancora più suggestivo quanto andremo ad eseguire. Chiuderemo poi con l’Opera 12 e le sue ‘danze spagnole’, dai motivi molto allegri e conosciuti».
I prossimi appuntamenti di ‘Musica in Comune…aspettando l’estate’ saranno ‘Dalla porta d’Oriente’, domenica 16 giugno, e il ‘Galà della Lirica’, ovvero il concerto della Masterclass Renata Scotto che aprirà idealmente le porte alla stagione estiva sul Priamar con la ‘Madama Butterfly’ della prima settimana di luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *