Home > Attualità > Area di crisi complessa: bando per le imprese

Scade il 30 settembre il termine per presentare le domande di finanziamento

Area di crisi complessa: bando per le imprese

Scade il 30 settembre il termine per presentare le domande di finanziamento

Resta aperto sino al prossimo 30 settembre il bando da 12,5 milioni di euro per il sostegno a programmi di investimento e di sviluppo delle attività delle piccole e medie imprese che saranno realizzati nell’area di crisi industriale complessa savonese. La dotazione del bando è costituita da 10 milioni nell’ambito dell’azione 3.1.1 del Por Fesr 2014-2020 e 2,5 milioni a valere sull’azione 3.2.1 del Por Fesr 2014-2020, da utilizzare per il finanziamento della sovvenzione in forma di contributo a fondo perduto. Il bando ha una retroattività al 1° gennaio 2019, con riferimento a interventi avviati a partire da tale data e non ancora conclusi. L’intervento ammissibile agevolabile non può essere inferiore a 100 mila euro.

Gli investimenti ammessi ad agevolazione devono riguardare l’acquisizione di suolo pubblico (limite 10%) e fabbricati, opere edili e impiantistiche (limite 50%), acquisizione di impianti produttivi e beni mobili, programmi informatici e licenze (limite 20%) o consulenze (limite 10%). L’agevolazione è concessa sotto forma di contributo a fondo perduto (fino al 25% dell’importo) e finanziamento agevolato (75% dell’importo). L’agevolazione è concessa attraverso un finanziamento agevolato (nella misura del 75% dell’importo degli investimenti ammissibili) combinato con una sovvenzione nella forma di contributo a fondo perduto (fino alla misura massima del 25% dell’importo degli investimenti ammissibili). Le domande di ammissione ad agevolazione devono essere redatte esclusivamente online al sistema “Bandi on line” dal sito internet www.filse.it, dal 15 luglio al 30 settembre 2019.

Il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), attuato sulla base del Piano operatvo regionale (POR) si propone di rafforzare la coesione economica, sociale e territoriale nell’Unione europea intervenendo sugli squilibri tra le regioni. Il fondo sostiene lo sviluppo regionale e locale per contribuire al conseguimento di tutti gli obiettivi tematici attraverso la definizione di priorità dettagliate che pongano l’accento su:

  • Ricerca, sviluppo e innovazione;
  • Miglioramento dell’accesso e della qualità delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione;
  • Cambiamento climatico e transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio;
  • Sostegno alle PMI;
  • Servizi di interesse economico generale;
  • Infrastrutture delle telecomunicazioni, dei trasporti e dell’energia;
  • Rafforzamento della capacità istituzionale e amministrazione pubblica efficiente;
  • Infrastrutture sanitarie, sociali e scolastiche
  • Sviluppo urbano sostenibile.

E sempre va con ciò sottolineato, alla noia, che l’Unione Europea non è, come qualcuno vuol far credere, un’Organizzazione remota ed ostile, ma prossima e di aiuto alla nostra vita istituzionale ed economica, mentre eventuali fondi russi rimarebbero, quelli sì, ipotetici, remoti, inaffidabili e, soprattutto, non ricevibili!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *