giovedì, Aprile 25, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > “Armar lio”… a quando una Giornata Mondiale della Vecchiaia?

“Armar lio”… a quando una Giornata Mondiale della Vecchiaia?

L’abbiamo già scritto, Papa Francesco pare non essere di questo pianeta, più probabile un ET inviato dalla Provvidenza. In Brasile in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù ha scalfito migliaia di cuori dei ragazzi provenienti da ogni parte del mondo, un evento senza precedenti di straordinaria forza rivoluzionaria che lascerà il segno nel tempo, non ultimo la conversione alla fede Cristiana di moltissimi atei ma anche e sopratutto non tanto la (solita) allusione alla speranza ma l’invito perentorio per la conquista di un futuro dovuto, libero da orpelli e mistificazioni.

Papa Francesco con il Suo essere giovane, tra i giovani, è un miracolo di illuminata sapienza, è senza precedenti il dirompente invito rivolto ai giovani ad uscire per le strade, ma anche dalle Diocesi e dalle ombrose sacrestie, per esprimere liberamente l’ ‘armor lio’ espressione spagnola equivalente al nostro ‘fare casino’.  Chissà mai che anche per noi vecchietti, meglio prima che dopo che le ali nere dei rapaci si fanno sempre più vicine, non si possa imbastire una GMV – Giornata Mondiale della Vecchiaia – con lo scopo di farci sentire.. ancor vivi, fare l”amor lio’ e salutare questo mondo con meno rancore nel cuore. Papa Francesco, pensaci Tu!

* * *
Non siamo ipocriti, dentro di noi, all’approssimarsi della vecchiaia, rode il pensiero di dover comunque lasciare questo mondo: non importa se più o meno serenamente, il ricordo di un percorso di vita edificante, buono o cattivo esempio, che magari qualcuno, compagno o amico a ‘nostro dispetto e malgrado’ vorremmo vederlo trapassare prima di noi sia pure di un attimo: ma senza cattiveria, sia inteso, solo per poterlo ritrovare nell’aldilà e sfotterlo tra un caffè e una partita a poker.Però, insomma, cerchiamo di essere lievemente ottimisti, o furbi se necessario, che pur se è vero che l’età inoltrata porta più amarezze che gioie, un briciolo d’incanto possiamo ancora rubarlo alla faccia di chi spera di potersela poi spassare senza più la nostra presenza, depredandoci allegramente di quanto costruito, con felice pagamento pronta cassa di un misero funerale e qualche lacrimuccia di plastica ‘tanto per’. E’ risaputo come per la nostra società i vecchi costituiscono una zavorra inutile e pertanto si cerca di emarginarli, o peggio ancora escluderli, sopportati a malapena solo quando ancora in grado di produrre, cioè di essere in grado di poter dare, utili, senza nulla pretendere che già è un privilegio essere vivi: l’affetto, quando sussiste, deve essere ‘guadagnato’, così come ogni altra cosa, pur se piccola, l’opposto di quanto invece più necessita e si desidera negli anni dell’abbandono e cioè essere compresi e amati. Triste la realtà, come non ricordare le parole rivolte da Gesù al vecchio Pietro ‘quando eri giovane andavi dove volevi, ora che sei vecchio dovrai chiedere di farti sorreggere da un altro che ti condurrà comunque dove lui vuole e non dove tu desideri’. La vecchiaia – ipsa senectus morbo – è in se stessa una malattia ed è doloroso accettarla anche quando si è consci di avere fatto un percorso di vita di saggezza e corrisposto tanto amore verso il prossimo, da sperare in cuor nostro di averne almeno un granello di ritorno. Si è consapevoli, da vecchi, di aver perso l’efficienza, l’autonomia, l’attività, le conoscenze, il dialogo, quando e ancor peggio non subentra la depressione per l’annullamento dell’autostima; oltre, in molti casi, il dramma della povertà e dell’abbandono, le malattie, le delusioni, l’ansia, il tarlo della paura.  Sono poco convincenti i nostri Sacerdoti, sinceri o patetici, quando cercano di convincerci che i dolori della vecchiaia sono un arricchimento da portare in dote nell’Alto dei Cieli: che lì, nell’alto dei Cieli, doti e conti in banca non sono barattabili, lo IOR pare non esista e se mai c’è qualcosa di simile il cambio monetario sarà sempre a noi sfavorevole; e, altrimenti, non facciamoci convincere, illudere, di considerare la vecchiaia come il tempo sabbatico, del sabato cioè che prelude alla festa della domenica che di festa proprio non si tratta, e neppure di riposo a meno che non si intenda quello eterno. Se c’è consolazione, vera e non ipocrita, e non per tutti ma solo per coloro onestamente in pace con se stessi, illuminati da una fede Cristiana compagna di un percorso di vita limpido, è la gioia di potere dispensare al prossimo con generosa sensibilità la saggezza acquisita negli anni vissuti, così come ha detto Giovanni Paolo II° ‘la fede illumina il mistero della morte, non più un evento distruttivo, ma il traguardo della piena maturità spirituale’.  … sarà, non vogliamo essere blasfemi, ma detto tra noi, che nessuno ci senta o ci legga, in sfacciata sincerità, di questo traguardo ne faremmo volentieri a meno.

Gianni Gigliotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *