martedì, novembre 20, 2018
Home > Cultura > Arte, linee bianche ceramiche di design

Arte, linee bianche ceramiche di design


di GABRIELLA DE GREGORI - 8 novembre 2018, 9:18

Nel titolo sintetico si avvisa già la complessità dell’argomento: realizzare con le “sfumature” del bianco forme concrete. La sfida è stata accolta dagli Artisti partecipanti alla mostra organizzata dal Comitato di Rigore Artistico: una duplice difficoltà per il tema “i colori del bianco” e per la destinazione delle opere ma pure per seguire delle “regole” a cui doversi adeguare. Il passaggio dal prodotto, uscito dalla mente e dalle mani dell’ideatore e con  un percorso in cui la forma e il colore esprimono un’idea transitoria e fantasiosa a quello dell’oggetto destinato a un uso quasi quotidiano e con le proprie esigenze, segna un momento innovativo dell’Arte e una democratizzazione dell’oggetto artistico che si fa per tutti. Destinazione d’uso, fruibilità e accessibilità sono caratteri del designer. Ma volendo potremmo dire che la nostra eccellenza è stata precorritrice dei tempi con le preziose e famose pignatte che si discostano dal moderno o più recente design per essere in terra rossa ma per varietà e funzionalità non certo inferiori alla più o meno sofisticata produzione degli ultimi anni. D’altra parte rendere artistico ciò che rimarrebbe banale è altrettanto un salto di corsia nel mondo dell’arte: è un evento che ha portato diverse tendenze nell’espressione individuale del singolo ma con conseguenze estreme anche nelle scelte cromatiche come ad arrivare alle affermazioni della “promiscuità” tra suono e crome, come appunto è stato ricordato negli interventi da Federico Marzinot.

L’allestimento della mostra è stata di non facile attuazione per via della monocromia ma anche per le scelte delle forme che hanno creato difficoltà di abbinamento. Nonostante le costrizioni di un prodotto “pilotato” gli Artisti hanno saputo differenziarsi e sbizzarrirsi nelle soluzioni inventate anche per accogliere semplicemente un fiore reciso. Negli interventi della presentazione  il protagonista è stato il design, “scoperta” abbastanza recente  che per le ultime generazioni non è più una novità ma una vera e propria esigenza di stile e di mercato. Ma le generazioni a mezza strada tra l’Arte unica e irripetibile, per così dire “aristocratica” e i multipli ripetitivi a copie limitate ne colgono la differenza ma lo apprezzano per aver avvicinato l’Arte senza depauperarla rendendola unica ma ripetibile al tempo stesso, in modo che possa essere avvicinata anche dalle persone meno sensibili al “bello”. Il discorso si fa più intrigante se prendiamo in considerazione la neutralità del colore scelto, cioè il bianco: con grande acutezza e sensibilità la Dottoressa Flavia Cellerino ha sciorinato in prosa poetica quante volte si possa venire a contatto con esso  e con quante sfumature possa modularsi, in realtà siamo immersi in atmosfere soprattutto esistenziali meno colorate di quanto si possa immaginare.

 

La mostra terminerà l’11 novembre, ed è visitabile nella Sala Nervi del Palazzo della Provincia a Savona, con orario 10,00 – 12,00 e 16,00 – 19,00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *