sabato, Agosto 17, 2019
Home > Attualità > Attenzione… Ritorna il rischio droga per i nostri ragazzi

Attenzione… Ritorna il rischio droga per i nostri ragazzi

Una mamma ha la sensazione, tramite il controllo del telefonino, che il figlio 14enne abbia iniziato a fumare spinelli. Che può fare: aumentare dialogo, sport, sopralluoghi, indagini.  Si inizia a 12/13anni con spinelli, erba, si passa a qualcosa di più forte per le feste, anfetamine,  ecstasy, MD, sino alla cocaina in bibite, eroina, dopo i 16 qualcuno si inietta la droga.. Zona tipica di spaccio e consumo il parco di Milano Rogoredo. Il boom negli anni 80, poi dopo una temporanea discesa per paura, attraverso siringhe, di contagio Aids, ora, secondo i dati del Tribunale dei Minori, torna a terrorizzare, con ragazzi sempre più giovani, spesso per delusioni d’amore.  Un adolescente su 10 ammette di far uso di sostanze. In Europa sono 92milioni le persone, tra i 15/60anni, che hanno provato sostanze illecite, prevalgono i maschi e la sostanza più usata e l’eroina.  Nel 2017 pare che 360.000 alunni, il 13% della popolazione scolastica, abbia consumato in modo costante droghe, con un aumento del 2%.  I prezzi variano da 40 a 15 euro e tendono a scendere, ovviamente la qualità diventa sempre più scadente. La droga si acquista con la paghetta, rubando in casa, poi rubano dove capita, spacciando o prostituendosi.  Tutto avviene all’entrata o all’uscita dalla Scuola, nei giardini. La Scuola di solito è il luogo preferito: cortile, bagni, tra i banchi, con on line arriva direttamente a casa.  Di solito chi consuma passa allo spaccio, vende, si guadagna la dose e i piccolini sono i più vulnerabili.  Fa una certa impressione vedere sempre più spesso Carabinieri con cani antidroga negli Istituti, fortunatamente i ritrovi di sostanze sono pochi, se possono i ragazzi se ne liberano nei vater Questa però non è la sola strada, qualche Scuola, come deterrente, manda le classi in visita alle Comunità di Recupero (San Patrignano). Il Governo ha varato il Progetto “Scuola Sicura” finanziandolo con 2,5milioni per installare una video sorveglianza a partire dalle 15 città più grandi, collegate con la Polizia Locale,per raccogliere  informazioni, notizie, che possano evitare situazioni di pericolo di spaccio, ma sono stati ridotti  quelli destinati al fondo nazionale per la lotta alla droga (dibattiti, cure e reinserimento). Le Forze dell’ordine conoscono i circuiti, le postazioni di spaccio, ma non sempre arrivano in tempo, i pusher (spacciatori) cambiano percorsi, ritrovi, contatti, modi e punti di ritrovo. Nell’ultimo sequestro record a Genova, proveniente dal Medio Oriente, un camion è stato lasciato passare, per poterne seguire le tracce, i percorsi in Italia e verso altri Paesi dell’Europa.  Importante il controllo e la collaborazione tra Famiglia, Scuola, Forze dell’Ordine.                                         

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *