domenica, ottobre 22, 2017
Home > Economia > Bando security: l’Autorità portuale vince causa con due istituti di vigilanza

Bando security: l’Autorità portuale vince causa con due istituti di vigilanza



di Redazione - 12 ottobre 2017, 14:13

porto savona

L’ex Autorità Portuale di Savona ha avuto partita vinta, davanti al Tar Liguria, nella causa che la opponeva a due istituti di vigilanza genovesi che avevano presentato ricorso contro l’esito della gara per l’aggiudicazione del servizio di controllo degli accessi alle aree portuali per un periodo di quattro anni.  I due istituti – Serpico Vigilanza Privata Srl e Security & Courtesy Solutions Srl – avevano affermato di aver partecipato alla gara indetta dall’Authority nel 2015 presentando l’offerta più vantaggiosa (valeva il criterio del prezzo più basso rispetto all’importo a base d’asta), con un ribasso del 25%.

La loro proposta economica era stata sottoposta al procedimento di verifica di congruità, ma – nonostante avessero fornito le giustificazioni in relazione al prezzo e tempestivamente risposto alle successive richieste di precisazioni (su assunzioni, agevolazioni fiscali, costo orario delle assenze per malattia, infortunio ed invalidità), la commissione di gara aveva disposto l’esclusione della loro offerta motivandola col fatto che sarebbe stata più onerosa per l’Authority.

Il servizio, che comprendeva anche il funzionamento del ponte mobile pedonale sulla Vecchia Darsena, era stato aggiudicato alla seconda classificata, Coopservice Scpa, precedente affidataria del servizio, che aveva offerto un ribasso del 20,4%. Il Tar ha accolto la tesi dell’Autorità portuale ritenendo il ricorso infondato in quanto era da ritenere incongrua l’offerta presentata dai due istituti genovesi, che sono stati condannati a rifondere le spese legali (4 mila euro ciascuno) sia all’Authority sia alla Coopservice, anch’essa convenuta in giudizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *