mercoledì, Ottobre 16, 2019
Home > Economia > Bankitalia “fotografa” l’economia della Liguria

Bankitalia “fotografa” l’economia della Liguria

Il quadro economico aggiornato della Liguria visto dalla Banca d’Italia. E’ il tema dell’incontro in programma giovedì 28 giugno a Palazzo Lamba Doria su iniziativa della sede di Genova di Bankitalia e della Camera di Commercio di Savona. Nella Sala Magnano, alle 16, sarà presentato il documento di analisi dell’economia della Liguria. A introdurre i lavori sarà il saluto di apertura del presidente camerale, Luciano Pasquale, seguito dall’intervento del direttore della sede di Genova, Letizia Radoni, che illustrerà la situazione economica sulla scorta delle Considerazioni Finali del governatore della Banca d’Italia, mentre il momento economico della Liguria sarà oggetto della relazione affidata ad Alessandro Fabbrini, dell’Ufficio Analisi e Ricerca Economica e Territoriale della sede di Genova di Bankitalia.

È stato un 2011 altalenante per l’economia ligure. Dopo una timida crescita nel primo semestre, è arrivata la brusca frenata dovuta alla crisi internazionale che continuerà a far sentire i suoi effetti per tutta la durata del 2012. Nel quadro economico della Liguria fotografato dall’analisi della Banca d’Italia, il comparto delle costruzioni continua a registrare una prolungata sofferenza. Male anche la cantieristica navale, segnata dalla diffusa incertezza sulle prospettive di mercato.
A sostenere l’attività produttiva i settori della metalmeccanica, dell’elettronica e delle telecomunicazioni. Segnali positivi dalle esportazioni che registrano una crescita del 14,7% su base annua. Nel 2011 il numero degli occupati in Liguria, secondo i dati della Banca d’Italia, è cresciuto dell’1% e si è leggermente ridotto, al 6,3%, il tasso di disoccupazione. Il miglioramento si è concentrato nel primo semestre, mentre nella seconda parte dell’anno il numero degli addetti ha ristagnato’. L’occupazione continua a essere minore tra i giovani. Diversamente da quanto registrato a livello nazionale, le ore autorizzate di cassa integrazione sono ulteriormente aumentate del 12,5%, per effetto dell’ incremento degli interventi nel settore manifatturiero.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *