sabato, Luglio 20, 2019
Home > Musica > Baz il 22 luglio a Pietra Ligure

Baz il 22 luglio a Pietra Ligure

Dal 1° luglio al 19 agosto si svolgerà a Pietra Ligure la rassegna “Una rotonda sul mare”, appuntamenti di musica e cabaret. Tra i tanti eventi proposti il 22 luglio ci sarà Baz, nome d’arte di Marco Bazzoni, che ha ottenuto grande notorietà con le partecipazioni a Colorado, su Italia 1, tanto che ormai è facile girare per strada ed incontrare qualcuno dei suoi fans con la maglietta che riporta il simpatico logo dell’artista.  Due anni fa, quando si faceva chiamare ancora “Baz 3.0”, lo avevo contattato per il sito web www.savonaeponente.com, che ormai ha chiuso. Credo di fare cosa gradita ai lettori che attendono il nuovo Colorado settembrino (con l’inedita coppia formata da Belen Rodriguez e Paolo Ruffini, dal 16 settembre in tv), riproponendo l’intervista su questa testata.

Baz 3.0, regia di Marco Bazzoni

Ma avrà mai un nome proprio il lettore multimediale Baz 3.0 che tanto ha imperversato su Colorado (Italia 1) fino a poco tempo fa?
Sì, si chiama Marco Bazzoni: un buon curriculum che inizia a Milano (lui è sassarese) e che lo porta ad ampliare la sua prerogativa di essere showman a tutto tondo. Oggi intervalla momenti di curiosità verso la ‘sua’ tasca CD a gradevolissime imitazioni di Gianni Morandi; mescola il succedersi di avvenimenti nefasti (leit motiv che tanto infiamma il pubblico: “e poi muori!, Beppe”), alla capacità di stupirsi tipica di un bambino in età adolescenziale; è compito come uno scolaretto ubbidiente ed evanescente come un Peter Pan al tempo stesso; si muove come un robot e, come potrebbe fare un ingranaggio elettrico che voglia sfidare la cibernetica, cerca di ‘conoscersi’ e di ‘capirsi’.
Occhi allargati alla ‘Bambi’, capelli scapigliati, braccia larghe, piccoli passi ritmici e sorriso da ebete, irrompe sul palco con l’estrema sicurezza che gli deriva dalla particolarità del personaggio.
È come aver trovato un nuovo filone di comicità, fatto nascere una verve originale, una miccia che porgerà il fianco anche a tentativi di imitazione, ma che, sicuramente, sarà il prototipo di altri momenti allegorici di tutto valore.
Primo classificato all’Accademia Italiana del Comico nel 2004 e al ‘Ciak si ride’ nel 2005, Rivelazione comica dell’anno 2006 al Premio Valter Chiari, sono solo alcuni dei suoi riconoscimenti. Ma sentiamo lui direttamente.

Domanda: Marco, ma com’è nata l’idea di Baz?

Risposta: Durante un’ improvvisazione… Al primo stadio il personaggio era un commesso di Mc Donald che non capiva bene nemmeno quello che diceva.

D.: Parlaci dei tuoi inizi, nella tua città. Qualche momento brutto, ad esempio…

R.: In realtà non ho cominciato nella mia città, le mie prime esperienza le ho avute a Milano. I momenti brutti, sicuramente, sono stati quelli legati alla lontananza dalla Sardegna e dai miei cari. Per quanto riguarda i sacrifici che ho fatto, invece, quelli non mi sono pesati così tanto: la passione per questo mestiere era troppo forte!

D.: Oggi accaparri premi e riconoscimenti. Qual è quello che ti manca, il primo che non vedi l’ora di stringere fra le mani?

R.: Non inseguo nessun tipo di riconoscimento, mi prefisso soltanto degli obiettivi “artistici”. Il miglior premio è l’affetto e la stima del pubblico.

D.: Cosa ti ha regalato “Colorado”? Oltre la fama, indubbia, le tante serate in un grande palco con mille ‘cabarettisti’ cosa hanno portato al tuo bagaglio di comico?

R.: Più passa il tempo e più prendo coscienza del mezzo televisivo e di come lo si possa utilizzare. È tutto un altro mestiere rispetto a quello del “palco vero”.

D.: La paura del pubblico, un attimo prima di uno sketch, c’è sempre?

R.: In Tv e in radio un po’ sì; dal vivo, invece, vince la voglia di divertirsi!

D.: Baz come sta? È stanco? Non gli piacerebbe ricevere proposte dal cinema?

R.: Baz inteso come personaggio non è assolutamente stanco, mi piacerebbe che mi accompagnasse nel corso di tuuuuuutta la mia carriera, naturalmente affiancato a tutte le altre cose che mi piace fare.
Il Cinema? Magari!! Avrei un sacco di idee, naturalmente si tratta di un campo in cui avrei tutto da imparare…

D.: Con Alex De Santis, Marzio Rossi e Carlo Della Santa, sei nel gruppo “Le lumache”. Come va la vostra ricerca sulla comicità?

R.: Ci divertiamo come matti! È la nostra valvola di sfogo, uno spettacolo dove possiamo fare qualsiasi cosa con la complicità del nostro pubblico. Per ora facciamo tanti spettacoli dal vivo, poi arriverà il momento di tirare le somme e capire dove incanalare le nostre energie.

D.: Ci dici anche qualcosina della tua vita sentimentale? E della tua vita fuori dai teatri? Un artista così bravo, fuori dalle prove o dalle serate, io finisco coll’immaginarlo sempre spossato, senza la forza di una risata, impegnato in cose che non sono mai oggetto della sua comicità…

R.: Non nego di essere sempre impegnatissimo, ma ultimamente sono riuscito a prendere “le misure” e a ritagliare degli spazi giusti per me e per le persone a cui tengo. Il nostro è un mestiere che, se non lo controlli, prende il sopravvento sulla vita reale.

D.: Non per parlare di politica, ma… Baz avrebbe un consiglio per chi “governa” il mondo?

R.: Ritiratevi e date spazio a chi ha le idee.

Laura Sergi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *