BeeBad, l’energy drink targato Vado Ligure, spopola anche nel mondo sportivo. Dopo essersi affermato in Sud America ed Europa, il prodotto del Parodi Group con sede economico-logistica a Vado Ligure, approda in casa Juventus.
I bianconeri continuano a fare incetta di sponsor: l’accordo tra le parti è stato raggiunto per il triennio 2017 – 2020 e il mondo sportivo sembra la casa perfetta di questo prodotto innovativo, frutto di impegno, coraggio e perseveranza nel valorizzare il Made in Italy.
L’ufficialità della partnership tra il Parodi Group e la società torinese è stata annunciata da Giorgio Ricci, Co-Chief Revenue Officer e Head of Global Partnerships and Corporate Revenues di Juventus: “Siamo molto felici di cominciare una nuova collaborazione con un brand che si posiziona sul mercato internazionale con un prodotto innovativo come Beebad”.

L’azienda – si legge nel comunicato stampa della Juventus – dal 1918 è leader nella produzione di miele per uso alimentare, cosmetico e farmaceutico e che, seguendo un’indole orientata a una crescita globale e all’innovazione, si è inserita con questo brand in un nuovo segmento di mercato. Beebad rappresenta per Juventus un partner d’eccellenza a livello globale.

Dopo Noberasco, ecco un altro prodotto del savonese raggiungere traguardi di rilievo.
Perché proprio BeeBad? Non è un energy drink qualsiasi: è una bibita a base di miele e altri elementi naturali (caffeina, pappa reale, ginseng, propoli, maca) e arricchito di vitamine B6-B12. La famiglia Parodi, dopo anni in Argentina, è tornata in Italia e da 12 anni è una società del settore food, e sta premendo sull’acceleratore per internazionalizzare i propri prodotti. Promotore del salto di qualità è Santiago Herrero, amministratore del gruppo.
“Abbiamo scelto Juventus come partner perché condividiamo un’identità comune. Juventus e Beebad sono ambasciatori del made in Italy per l’eccellenza, la perseveranza, l’ambizione e il coraggio. Abbiamo riscontrato un’analogia tra il lavoro di team del club bianconero e quello, che conosciamo bene, delle api, che lavorano sempre in squadra, raggiungendo risultati concreti grazie ad un’opera instancabile di difesa, attacco e costruzione”, conclude Herrero.