domenica, Dicembre 15, 2019
Home > Attualità > Bergeggi, differenziata al 77% e Tari in diminuzione del 7,5% rispetto al 2018

Bergeggi, differenziata al 77% e Tari in diminuzione del 7,5% rispetto al 2018

“E’ stata una scelta coraggiosa, sofferta ma necessaria. Un comune simbolo per quanto riguarda l’ ambiente e la sua salvaguardia non poteva più permettersi una raccolta differenziata ferma al 35% da anni. Con la mia amministrazione avevamo annunciato l’ intenzione di cambiare radicalmente approccio fin dalla campagna elettorale e a inizio anno 2018 così è stato. Il dato medio per il 2018 del 77%, con punte dell’ 83%, conferma che quella era la strada giusta, condivisa con i cittadini che hanno fornito il loro contributo e che ringrazio. Ora godiamoci i risultati che oltretutto porteranno in dote una riduzione della Tari del 7,5% per l’ anno 2019” dichiara il sindaco di Bergeggi Roberto Arboscello.

E’ raggiante il sindaco davanti ai risultati riguardanti la raccolta differenziata per l’ anno 2018, anno in cui nei primi giorni di gennaio aveva preso il via il nuovo sistema di raccolta rifiuti sul territorio.

Un cambio drastico, da un giorno all’ altro su tutto il territorio, preceduto da un periodo di adeguata informazione/formazione da parte dell’ amministrazione comunale in collaborazione con Sat, che portò a Bergeggi un sistema misto porta a porta e ad accesso controllato, disegnato ad hoc su quella realtà territoriale che ha portato al raggiungimento di tali risultati.

“Le variabili e le criticità erano molteplici, a partire dalla grande variabilità di utenti tra il periodo invernale e quello estivo (Bergeggi passa da circa 1.200 abitanti invernali a oltre 8.000 in piena estate), al notevole flusso dovuto al turismo balneare mordi e fuggi che si riversa prevalentemente nelle spiagge libere, al cambio drastico nelle abitudini delle persone. L’ aver prodotto un sistema misto, calato perfettamente sulla nostra realtà, si è rivelata la carta vincente” prosegue Arboscello.

In effetti la particolare conformazione del territorio bergeggino rendeva problematica la messa a regime di un sistema porta a porta in quanto troppo costoso per le tasche dei contribuenti così come era chiara l’ impossibilità di lasciare contenitori aperti lungo l’ Aurelia in quanto sarebbero stati utilizzati sia dai bagnanti che dai tanti passanti. Da qui la scelta di un accesso controllato per le utenze domestiche, quindi contenitori di prossimità ma dedicati a un certo numero di cittadini dotati di chiave per l’ apertura, e il porta a porta per le attività commerciali.

“La sfida ora sarà quella di mantenere il risultato nel tempo e correggere qualche criticità ancora presente. Ci stiamo lavorando e sono convinto che i cittadini ci daranno ancora una volta una mano” conclude il sindaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *