venerdì, agosto 17, 2018
Home > Attualità > Blocco fondo per le periferie: Savona ci rimette

Blocco fondo per le periferie: Savona ci rimette

Rinviata dal Governo la concessione dei finanziamenti


di GIORGIO SIRI - 10 agosto 2018, 11:12

Pubblichiamo il seguente comunicato da parte dell’Ufficio Stampa del Movimento Cinque Stelle Regionale: “È finita l’epoca dei finanziamenti a pioggia con cui il Pd distribuiva soldi dei contribuenti senza un minimo di progettualità ed efficienza. Negli ultimi anni le casse degli Enti locali sono state prosciugate, costringendoli a tagliare i servizi essenziali per i cittadini, con il solo scopo di drenare risorse nelle mani del Governo per attuare interventi spot senza ottenere alcun risultato tangibile. Negli anni a guida Pd gli investimenti della pubblica amministrazione sono crollati di oltre il 30%, causando un grave danno all’economia del Paese.

Con un nostro emendamento nel Decreto Milleproroghe abbiamo liberato un miliardo per gli investimenti dei comuni, invertendo la rotta rispetto ai disastri del Pd. I vincoli di bilancio imposti dal Pd in questi anni hanno infatti impedito ai Sindaci di utilizzare gli avanzi di amministrazione accumulati negli esercizi precedenti. È ridicolo che gli attacchi a un provvedimento che ridà finalmente respiro agli Enti locali provengano proprio da chi ha attuato queste scellerate politiche di austerità.

Abbiamo reso immediatamente disponibile per gli Enti locali un miliardo di euro per investimenti che miglioreranno la qualità della vita dei cittadini. Non verranno a mancare in alcun modo i fondi destinati alle periferie relativi a progetti locali che attualmente non hanno ancora i presupposti per poter essere approvati. Sono somme che comunque non verrebbero spese alla luce della sentenza della Consulta 74 del 2018 che ha rilevato l’illegittimità della gestione centralistica del Fondo previsto peraltro per meno di 100 Comuni. Con il nostro intervento realizziamo una semplice rimodulazione dovuta al ritardo nella elaborazione di progetti completi; e non certo un taglio, come farnetica il PD, bensì uno sblocco degli investimenti a disposizione di oltre 7.000 Comuni.

Gli unici tagli che i cittadini si ricordano sono quelli operati dai governi del Pd. È alquanto bizzarro che, di fronte a un provvedimento che sblocca fondi per i Comuni, con le evidenti ricadute positive che ciò avrà nei servizi per i cittadini, il Pd vaneggi di rapine nelle periferie, proprio dove lo scorso 4 marzo ha subìto una storica disfatta elettorale. Le periferie sono state dimenticate dal partito che per tradizione avrebbe dovuto tutelarne gli interessi: il crollo nelle urne certifica il totale fallimento dei Governi Renzi e Gentiloni.

Il MoVimento 5 Stelle al Governo segna, con orgoglio, una netta cesura con quelle politiche: continueremo a sbloccare risorse per gli investimenti degli Enti locali per dare finalmente le risposte che i cittadini si aspettano.”

Stralciamo ora da un articolo di Elena Romanato: “Milleproroghe, -scoppia caso periferie-. Riqualificazione bloccata in Liguria”, apparso sul “Secolo XIX” di mercoledì  8 agosto scorso:

“L’Anci: una sciagura per Liguria
(omissis…)

E però, come detto, la sospensione delle convenzioni del Piano Periferie preoccupa pure Anci Liguria, «anche alla luce degli oneri sostenuti per la progettazione e per l’avvio di alcune delle opere previste»: alla Liguria, si legge in una nota firmata dal presidente nazionale dell’associazione dei Comuni italiani, «sono stati assegnati circa 111 milioni di euro per la riqualificazione delle periferie. Con questi fondi si è potuto intervenire sulla riqualificazione di importanti siti periferici della regione e per la Città Metropolitana di Genova gli interventi previsti riguardano ristrutturazioni e adeguamento antisismico di alcune scuole, la mitigazione del rischio idrogeologico, sistemazioni idrauliche e ristrutturazioni stradali in 14 località delle alture e nella stessa città di Genova per complessivi 40 milioni di euro».

Da qui deriva la «forte preoccupazione», perché «a cantieri ormai avviati e a bilanci già impegnati, il danno che si provocherebbe assumerebbe proporzioni di gran lunga superiore ai 111 milioni di interventi totali previsti dal Piano Periferie. Grazie a questi cantieri, inoltre, si stavano finalmente generando opportunità di lavoro importanti in tutta la regione»; l’Anci, «in stretta collaborazione con i Comuni coinvolti, sta sollecitando i parlamentari liguri affinché si attivino per scongiurare quella che si configurerebbe come una grave sciagura per l’intero “sistema Liguria”».

Savona, stop alla riqualificazione del fronte mare di via Nizza
Per fare un esempio degli effetti, il Piano Periferie prevedeva per Savona un finanziamento di 18 milioni di euro per la la riqualificazione del fronte mare di via Nizza, che va dal recupero di Villa Zanelli alla pista ciclabile, all’intera passeggiata: un’opera che doveva ridisegnare il volto della città, e che ora è completamente bloccata.

Genova, stop agli interventi sulle scuole
Per la provincia di Genova erano stati stanziati 58 milioni di euro da utilizzare (anche) per l’ammodernamento di edifici scolastici in 15 comuni, compresi i genovesi Mazzini (sedi di Sampierdarena e Pegli), Lanfranconi (sedi di Sestri e Voltri), Gobetti e Fermi di Sampierdarena, Calvino di Borzoli, Gastaldi di Rivarolo e Gaslini di Bolzaneto.”

Difficile poter affermare che il “Piano Periferie”, adottato dai Governi Renzi-Gentiloni fosse una barzelletta; Savona tra l’altro ci contava per la sistemazione, finalmente, di Villa Zanelli ed aree limitrofe. Tanti altri comuni italiani avevano in programma interventi di recupero importanti. Che Renzi fosse antipatico o meno, – e nella considerazione esclusivamente politica ciò dovrebbe avere valenza zero – tale importante piano era stato varato e, come sempre, se non si attuano provvedimenti, non va bene, è ovvio, se si attuano, non  va bene lo stesso: NON VA MAI BENE NULLA! e può darsi che l’attuale Governo si trovi anch’esso invischiato, prossimamente, in tale fatale alternativa. Comunque si parli chiaro: il Governo ha congelato i fondi perchè ha in mente altri programmi, quelli della campagna elettorale e non si spacci così, senza ritegno, come da parte del comunicato del M5S regionale, il miliardo – di disavanzi bloccati dal patto di stabilità – come una grande concessione mai fatta da alcuno: si è tagliato – o bloccati provvisoriamente – della metà, il finanziamento del Piano Periferie: l’unica evidenza è questa. Se sarà stato meglio o peggio si vedrà nel futuro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *