Cronaca

BookCrossing a Palazzo Santa Chiara

Sin dai tempi più remoti l’uomo ha avvertito la necessità di condividere idee, storie ed esperienze con compagni ed estranei, come un testimone da passare di generazione in generazione attraversando terra e mare in cerca di un riscontro.
Giungendo ai giorni nostri è evidente che le informazioni si diffondono a macchia d’olio e con i mezzi più immediati, ma le pagine di un libro restano pur sempre un oggetto senza tempo, sacro per alcuni. Perciò i coniugi Hornbaker, servendosi del web, nel 2001, concretizzarono il progetto del BookCrossing; un vero e proprio passamano culturale al quale può partecipare chiunque sia registrato nel sito web.
Savona non è estranea al fenomeno che, seppur in maniera abbozzata, tenta di creare una rete interna di BookCrossers senza l’obbligo di iscrizione. Uno dei punti di scambio gratuito si trova nel passaggio interno del Palazzo Santa Chiara, che, tralasciando le polemiche, pare sia sulla buona strada per diventare luogo di ritrovo per arte e cultura. Non solo ci si può liberare di uno o più libri che non leggeremo più, ma lo scopo è anche quello di far conoscere agli altri un libro che abbiamo amato particolarmente.
Per cui chiunque può lasciare un libro e prenderne un altro dalle cassette colorate per dare un tocco di colore ad una zona che merita di più.

Linda Miante

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: