venerdì, Novembre 15, 2019
Home > Cultura e Musica > Bruno Gorgone alla mostra internazionale “Mediterraneo – Common Ground”

Bruno Gorgone alla mostra internazionale “Mediterraneo – Common Ground”

L’artista e architetto Bruno Gorgone, noto esponente dell’astrazione italiana, partecipa alla XXI Esposizione Internazionale degli Architetti Artisti, intitolata “Mediterraneo – Common Ground”, in svolgimento a Catania dal 23 al 28 luglio 2012 nella prestigiosa sede del “Corridoio dell’Orologio e “Chiostro di Levante” dell’ex Monastero dei Benedettini – Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Catania, oggi Dipartimento di Scienze Umanistiche. (Piazza Dante, 32). La conferenza stampa avrà luogo il 23 luglio 2012 alle ore 9,30 presso la sede dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Catania in Largo Paisiello, 5.

La mostra, a cui partecipano architetti artisti provenienti da tutta l’Europa, è a cura dell’Arch. Laura Puglisi, ed è organizzata dall’Associazione Architetti Artisti – Ligne et Couleur. Con il Patrocinio dell’Università degli Studi di Catania – Dipartimento di Scienze Umanistiche; Patrocinio dell’Università degli Studi di Palermo – Facoltà di Architettura; Patrocinio delle Biblioteche Riunite Civica e Ursino Recupero; Patrocinio del DARC – Università degli Studi di Catania; Patrocinio dell’Ordine Architetti P.P.C. Catania; Patrocinio dell’Accademia di Belle Arti di Catania; Patrocinio dell’IN/ARCH Sicilia. Il titolo “Mediterraneo” allude con il sottotitolo “common ground” all’appartenenza a un vasto intorno di “territori condivisi, intellettuali e fisici”, come cita David Chipperfield, che sceglie il titolo “Common Ground” per la prossima Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia.
Bruno Gorgone è presente con l’opera “Ai balconi si cullano le tende”, da Albert Camus – Mediterraneo. L’Autore spiega che il riferimento, oltre che alla poesia specifica e alla “tenda” quale architettura d’abitazione tipica delle antiche popolazioni mediterranee, è soprattutto a Camus quale “uomo mediterraneo” dal cui pensiero nasce la concezione per cui dal Mediterraneo hanno origine un’anima, una razza e una cultura nella rinnovata coscienza della sua alta dimensione umana e intellettuale.
Bruno Gorgone è attivo nel panorama internazionale dell’arte contemporanea dai primi anni Ottanta. E’ noto per la sua personale pittura di “pattern” e per le opere in vetro di Murano incise su lamina d’oro. Dopo la laurea in Architettura conseguita all’Università di Genova prosegue la sua ricerca artistica a Venezia dove approfondisce le sue esperienze attraversando varie forme di espressione creativa. Dalla fine degli anni Novanta la sua ricerca è caratterizzata da un ulteriore approfondimento del rapporto segno – colore e dall’evoluzione verso una personale pittura di “pattern”. Nello stesso periodo il critico francese Pierre Restany, teorico del Nouveau Réalisme, si interessa al suo lavoro e alle sue sperimentazioni nell’uso dei nuovi media scrivendo, tra l’altro, il testo “Gorgone. Il colore nel nuovo destino dell’immagine”. Nel 2001 partecipa con la personale “Luoghi di Narciso” alla Rassegna Roma Città Eterna per un Pianeta Ideale – Architetti Artisti a confronto, con la partecipazione dell’Università di Ancona- Facoltà di Architettura; catalogo con testi di Marco Pacetti e Pierre Restany. Nello stesso anno presenta le sue “Mitocromie” alla White Box Gallery di New York e alla The Church Gallery di Orlando. E’ invitato a partecipare alle maggiori esposizioni nazionali e internazionali tra cui il Salone Europeo d’Autunno di Parigi; la Biennale della Comunità Europea di Lussemburgo; il LV Premio Michetti – Francavilla al Mare; Savona ‘900. Un secolo di pittura scultura e ceramica, Fortezza Monumentale del Priamar, Savona, 2008; Artisti Italiani a Parigi – Commissione Nazionale Francese dell’UNESCO, Parigi 2009; il Festival dei Due Mondi di Spoleto 2010; il XXXVII Premio Internazionale Sulmona. Recentemente è stato invitato alla 54. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia – Padiglione Italia, Sez. Liguria, dove ha presentato con successo una installazione di opere in vetro di Murano personalmente scelte da Vittorio Sgarbi. Nello stesso anno ha esposto al Siena Art Institute founded by Paul Getty III. Il suo percorso artistico è inoltre segnato da numerose personali in gallerie, spazi pubblici e museali sotto l’egida di importanti istituzioni culturali. Nel 2010 si è tenuta alla Pinacoteca Civica di Savona – Palazzo Gavotti l’ampia mostra retrospettiva “Bruno Gorgone. Giardino Mentale. Opere 1980 – 2010”, a cura di Germano Beringheli. Promozione del Comune di Savona e della Pinacoteca Civica, con il Patrocinio della Regione Liguria e in collaborazione con la Fondazione De Ferrari di Genova. Catalogo De Ferrari Editore. Vive e opera tra Spotorno (Savona) e Venezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *