venerdì, Settembre 20, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Bugiardi maestri di professione

Bugiardi maestri di professione

‘Dadaumpa – dadaumpa umpa!’ il motivetto delle gemelle Kessler, grande successo televisivo, a ricordare il fruscio sottobanco delle mazzette un sistema corruttivo sempre più in auge che rallegra i cuori e ingrassa i portafogli  extra large dei soliti biscari della nostra bella Italia.

Già, bella Italia, di mille cose ‘meravigliao’, ad esempio il debito pubblico: che è talmente alto e ingestibile che non conviene neppure più pagarlo, in fondo se non si paga  è come non averlo, così ragionano i nostri politici stregoni, gli 80 euro elargiti al popolo come clisteri pre- elettorali non sono che pochi spiccioli a fronte di un disastro immane.
Viviamo un Democrazia rappresentativa, surrogata, improvvisata come una piece di Camus, prevalgono solo le ragioni elettorali e le conseguenti convenienze personali, basta vedere i cambi di casacca, un fenomeno in costante aumento da parte di personaggi politici tanto cinici quanto squallidi.
Affoghiamo in una anarchia surreale, in una Democrazia in cui i cardini nobili forgiati dai nostri Padri Costituenti vengono sistematicamente distrutti.
E per i cittadini, quelli normali  appellati come stupidi onesti ‘non c’è più trippa per gatti’, il Potere Costituito fa e disfà a suo piacimento, senza regole, uomini che condizionano altri uomini con sottile perfidia e senza misericordia.
l Governo si è genuflesso dinnanzi al potere economico, all’idolo del mercato, incapace di costruire un progetto di equa giustizia sociale riducendo il divario immorale tra quanti hanno tantissime risorse e coloro che sono disperati.
‘Tutti fratelli, tutti convitati alla tavola imbandita del mondo, tutti uguali nel diritto di una vita degna di essere vissuta’ parole e parole che sentiamo ripetere da tempi immemori dai bugiardi maestri di professione: che delle necessità concrete della società mai si provvede, in una vertigine di egoismo, di filautia, innescando subdole guerre tra i poveri in modo che i ricchi possono approfittarne per divenire ancora più ricchi.
Con la caduta del muto di Berlino si era sperato in un novo mondo, in una resurrezione delle coscienze: oggi si è ritornati a costruire muri, in tutta Europa, a impedire che esseri umani possano riconoscersi come tali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *