domenica, Febbraio 24, 2019
Home > Rubriche > Poesie > Soldi o saldi

Soldi o saldi


di Loretta Ramognino - 21 Dicembre 2015, 0:52

Camminando da sola per la città riesco a riflettere e ad osservare la gente.
E’ quasi tutto al posto giusto in questa atmosfera prenatalizia.
Traffico, corse,frenesia. Anche sorrisi ed emozione.
E quest’aria che non sa di gelo permette passi più lenti e tempi più lunghi. Concede di arrivare oltre il centro per appagare la curiosità.
L’arrivo è innegabilmente sentito e l’ iniziativa commerciale si sente, si aspira, si vede.
Ma avverto come una mancanza, una nota stonata, una non presenza.
I negozi non sono cosi colmi di gente nonostante la cura particolare delle vetrine e l’impegno encomiabile dei commercianti.
La corsa agli acquisti, quella vera, frenetica e compulsiva non riesco a vederla. E’ assente la folla alla cassa.
Percepisco la gente frenata e vedo chi sceglie e chi pensa.
Prevale il pensiero sull’azione impulsiva, la riflessione sulla voglia.
Forse non è questo il Natale che vorremmo.
La fantasia di gioco e scambio senza pensieri è sempre presente, ma più debole e breve.
Forse vince il desiderio ,che rimane insoddisfatto o sublimato,sulla realtà.
Forse questo giorno magico del 2015 è più oculato e ragionato.
Ma siamo felici nei giorni di vigilia.
E il sogno, quello che abbiamo visto, quello che ci ha fatto innamorare in quella vetrina splendente, si realizzerà lo stesso.
Lo porterà la Befana saggia e parsimoniosa al posto di Babbo Natale con i suoi elfi cosi spendaccioni e spensierati.
E quel vestito da favola sarà mio.
Per ora mi limito a guardarlo, ma fra pochi giorni mi avvolgerà suadente.
E brillerà come prima.
E sarò bellissima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *