martedì, gennaio 16, 2018
Home > Attualità > Buoni propositi per l’anno nuovo…

Buoni propositi per l’anno nuovo…



di Giorgio Siri - 31 dicembre 2017, 19:38

Come sempre, con il sopravvenire del nuovo anno ci si scambiano gli auguri, si auspica reciprocamente che sia un “Buon Anno”, pur sapendo che il destino è in agguato, che non si può mai sapere come finirà, che la vita è piena di gioie ma anche di amarezze, ma è così, l’uomo confida nella propria esistenza e non sarebbe nè giusto nè bello se non fosse così, e…a festeggiare un altro Capodanno! Un tempo si diceva, si dice forse ancora, anno nuovo vita nuova, pur sapendo che la vita proseguirà come prima solo sotto un calendario con un numero in più; però i “buoni propositi” costituiscono sempre  un “vademecum” che si vorrebbe – e si dovrebbe – avere a cuore! Forse di buoni propositi ce no sono parecchi in questa serie di proverbi genovesi che, di certo, racchiudono tutto il sapore e la magia della saggezza e della cultura popolare e dialettale, con quell’ironia arguta che è tipica dei dialetti….

Scinn-a a-a mòrte se gh’ariva vivi.
Sino alla morte si arriva vivi.

Dezandio, cichetti e pöca cûa, pòrtan l’òmmo a-a seportûa.
Disordine, bicchierini e poca cura, portano l’uomo alla sepoltura.

Quande o cheu o l’é frusto, o Segnô o vêgne giusto.
Quando il cuore è consumato, il Signore viene giusto.
Quando la morte s’avvicina, la fede viene a proposito.

A salûte sensa dinæ a l’é ‘na mêza moutîa.
La salute senza soldi è una mezza malattia.

E dònne ne san unn-a ciù do diâo.
Le donne ne sanno una più del diavolo.

Vâ ciù ‘n amîgo che çento parenti.
Vale più un amico che cento parenti.

A moî e pagâ gh’é de longo tenpo.
A morire e pagare c’è sempre tempo.

L’é mêgio vive da âxi che moî da lioin.
È meglio vivere da asini che morire da leoni.

O tenpo o passa e a mòrte a ven, biâti quelli ch’àn fæto do ben.
Il tempo passa e la morte viene, beati quelli che hanno fatto del bene.

D’estæ chi alleuga ‘na biscia, d’inverno à ‘na sâsìssa
D’estate chi mette da parte una biscia, d’inverno ha una salsiccia.

I dinæ son riondi e s’arigoelan.
I soldi sono rotondi e rotolano (via).

Dònna ch’a méscia l’anca, s’a no l’é pöco ghe manca.
Donna che muove l’anca, se non lo è (sgualdrina) poco ci manca.

Dònne, galinn-e e öche, tegnîne pöche.
Donne, galline e oche, tenetene poche.

Avéi ciù còrne de ‘n cavagnin de lumasse.
Avere più corna d’un cesto di lumache: si dice di marito o fidanzato più volte tradito.

Quande o diâo o ven vêgio o se mette a fâ o ferâ.
Quando il diavolo viene vecchio si mette a fare il fabbro.
L’età avanzata consiglia molti a migliorare la propria condotta.

L’é mêgio un dô de stacca che un dô de cheu.
È meglio un dolore di tasca che un dolore di cuore.

Chi no à un figeu o no à nisciun.
Chi non ha un figlio non ha nessuno.

Pescoèi de canna, caccioèi da visco e stramoèi da cristo son i ciu abbelinae co se segge mai visto.
Pescatori con la canna, cacciatori con il vischio e trasmutatori, stupidi così non s’è mai visto.

Chi veu vedde un cattivo fasse arraggiâ un bon.
Chi vuol vedere un cattivo faccia arrabbiare un buono.

Dio m’avvarde da-i beghin e da chi va in gëxa tutte e mattin.
Dio mi guardi dai bigotti e da chi va in chiesa tutte le mattine.

Frevâ o curto l’è pezo che o turco
Febbraio il corto è peggio del turco.

Se frevâ no frevezza, marso ghe pensa
Se febbraio non “febbraieggia” ci pensa marzo.

Figeu e gòtti no son mâi tròppi.
Figli e bicchieri non sono mai troppi.

Chi veu ‘na bella famiggia, ch’o comense da ‘na figgia. 
Chi vuole una bella famiglia, cominci da una figlia.

Di ciæti di âtri no te mescciâ se ti veu vîve in pâxe e no ratelâ.
Dei pettegolezzi degli altri non t’impicciare se vuoi vivere in pace e non litigare.

E mogê di mainæ no son ne vìdoe ne maiæ. 
Le mogli dei marinai non sono né vedove né sposate.

Chi no sappa no lappa.
Chi non zappa non mangia la zuppa: chi non lavora non mangia.

Chi l’e staeto bruxou da-a menestra cada o sciuscia in ta freida.
Chi si è bruciato con la minestra calda, soffia sulla fredda.

Arvî cioî cioî
Aprile piovere piovere.

A Bella de Torriggia che tutti voean e nisciun a piggia.
La bella di Torriglia che tutti vogliono e nessuno se la prende.

Ben fæto pe forsa o no vä ‘na scorsa
Ben fatto per forza non vale niente

Ogni cäso in to cû se fa ûn passo avanti.
Ogni calcio nel sedere si fa un passo avanti.

Ommu piccin, tutto belin.
Uomo basso, tutto pisello.

Pe-o mâ de testa: mangiâ; pe-o mâ de pansa: cagâ.
Per il mal di testa: magiare, per il mal di pancia: andare di corpo.

Pestâ l’ægua in to mortä.
Pestare l’acqua nel mortaio, perdere tempo.

Passòu o monte de Portofin moggé caa torno fantin
Oltrepassato il monte di Portofino, moglie cara ritorno celibe

Sbaglia finn-a o præve in to dî messa.
Perfino il prete sbaglia nel dir messa.

E sêuxoe son comme e radicce: un pö ciù ò un pö mêno, amâe o son tutte.

Le suocere son come le radici: un po’ più o un po’ meno, amare lo son tutte.

Sciô marcheize, segondo e intræ bezeugna fâ e speize.
Signor marchese, secondo le entrate bisogna fare le spese.

Se a-a sèia ti mangi comme ‘n treuggio, a-a neutte no ti strenzi l’euggio.
Se la sera mangi come ad un trogolo, di notte non chiudi occhio.

Se i disonesti foissan nuvie, ghe saieiva de longo o diluvio.
Se i disonesti fossero nuvole, ci sarebbe sempre il diluvio.

Se u cân sè gratta è balle, a-a lévre scappa in-ta valle.
Se il cane si gratta le palle, la lepre scappa nella valle.

No se peu avéi a mogê inbriæga e a bótte pinn-a.

Non si può avere la moglie ubriaca e la botte piena (di vino).

Quande a dònna a vêgne vêgia a perde ògni virtù, a pélle a se gh’arappa e a chitâra a no seuna ciù
Quando la donna viene vecchia perde ogni virtù, la pelle si raggrinzisce e la chitarra non suona più.

Se voéi astalâlo, dæghe mogê.
Se volete domarlo (l’uomo), dategli moglie.

A barba canua, a fantinetta a ghe sta dua.
A chi ha la barba bianca, la fanciulla sta in guardia.

A quæ de sposâ a l’è comme quella de cagâ, quande a ven bezeugna andâ..
La voglia di sposarci e come quella di defecare, quando arriva, bisogna andare..

‘Na dònna a l’é a rovinn-a ò a l’é a fortunn-a de ‘na câza.
Una donna è la rovina o la fortuna di una casa.

A mëgio mëxinn-a a l’è o decotto de cantinn-a.
La miglior medicina è il “decotto” di cantina.

I sbagli di mëghi l’asconde a tæra, quelli di ricchi i dinæ.
Gli errori dei medici li nasconde la terra, quelli dei ricchi li nasconde il denaro.

I parenti en comme e scarpe, ciù son streiti ciù fan mä
I parenti sono come le scarpe, più son stretti, più fanno male.

L’é megio avei e braghe sguaræ ‘nto cù che o cù sguaròu ‘nte brâghe
È meglio avere i pantaloni rotti nel culo, che il culo rotto nei pantaloni.

O meize de çiòule o ven pe tûtti.
Il mese delle cipolle viene per tutti.

Dio t’avvarde da chi lëze un libbro solo.
Dio ti guardi da chi legge un libro solo.

Fà du bèn a Giuan c’u te cagherà in man
Fai del bene a Giovanni e sarai mal ripagato.

Né a mazzo né a Mason no levate o pelisson
né a maggio né a Masone non levarti la pelliccia.

No ghé bella reuza ch’a no divente ûn grattacû.
Non c’è bella rosa che non diventi un cinorrodo.

O corvo dixe a o merlo: “cumme t’è neigru!”. 
Il corvo dice al merlo «Come sei nero!».
O cù e i dinê no se mostran a nisciun.
Il sedere e i soldi non si mostrano a nessuno.

Quande son figge àn quattro brasse, quande én maiæ n’àn dôe ben passe
Quando sono ragazze hanno quattro braccia, quando son sposate ne hanno due ben appassite.

Quande a mogê a manezza i dinæ, o màio o vâ pöco asæ.
Quando la moglie maneggia i soldi, il marito vale poco assai.

Sciuscia e sciurbi’ nu se peu
Soffiare e succhiare non si può.

Chi nu cianze nu tetta
Chi non piange non tetta.

Scinn-a a mòrte sè gh’ariva vivi 
Fino alla morte ci si arriva vivi.

A moæ di belinoin a l’é de lungo gräia.
La mamma degli imbecilli è sempre incinta.

Finché e prìe anniàn a-o fòndu, d’abelinae ghe ne saiàn de lungu.
Finché le pietre affonderanno, non mancheranno gli sciocchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *