venerdì, dicembre 14, 2018
Home > Attualità > Burocrazia su Internet, panico tra i pensionati

Burocrazia su Internet, panico tra i pensionati


di - 4 marzo 2013, 9:59

A partire da quest’anno l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (INPS) renderà disponibili il CUD ed i relativi cedolini soltanto sul proprio sito internet. Indubbiamente questa scelta suscita non poca preoccupazione tra i pensionati, da sempre abituati a ricevere tutta questa documentazione per posta, e causa un disagio non da poco agli sportelli dei vari patronati e caf provinciali, invasi da code di assistiti letteralmente nel panico poiché incerti sul da farsi.

“Il nuovo sistema adottato dall’Inps mira al risparmio – spiega il direttore del Patronato Acli di Savona Stefano Bosio – il problema è che la percentuale di anziani a Savona è elevatissima e di loro sono pochissimi quelli in grado di utilizzare un computer”, la preoccupazione quindi è alta poiché aumenteranno in maniera esponenziale gli utenti che avranno bisogno di essere seguiti passo passo in questa procedura digitale. Considerando il numero di ultra sessantacinquenni presenti nella nostra provincia, circa 86 mila persone, l’idea di “digitalizzare” le pratiche pare non essere di sicuro la scelta migliore; se già sono pochi gli anziani in grado di utilizzare un computer ancora più difficile è la procedura per scaricare dalla rete i moduli relativi alla propria situazione pensionistica: occorre inserire un codice pin composto da 18 caratteri, di cui parte è stata inviata per posta ma per completarlo bisogna andare su Internet. Tuttavia giunge un segnale di speranza dall’Inps, che sta elaborando una soluzione per fornire l’assistenza necessaria : “ Ci rendiamo conto che la nuova situazione creerà non poca preoccupazione tra i pensionati” – dichiara il direttore della sede Inps savonese Michele Cottura – “Per questo, nonostante il personale contato, assicureremo un sostegno ai cittadini e non manderemo via nessuno”. Indubbiamente però la quantità di gente che si presenterà nella sede di Piazza Marconi sarà elevatissima. “Uno sportello informatico – spiega Cottura – riceverà chi avrà bisogno, aiutandolo con la registrazione obbligatoria per ottenere il proprio pin. Chi, invece, non possiede un computer o non è in grado di svolgere la procedura potrà visualizzare ed ottenere la versione stampata della propria documentazione personale”. Un messaggio rassicurante, nonostante alcuni dubbi ci siano ancora; non resta che attendere gli sviluppi di questa soluzione ed augurarci che funzioni al meglio.

Michele Alluigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *