lunedì, Dicembre 16, 2019
Home > Attualità > Cairo Montenotte: il racconto del primo Consiglio Comunale

Cairo Montenotte: il racconto del primo Consiglio Comunale

” Il vento è cambiato”. In effetti, venerdì sera un vento leggero ha accompagnato il primo consiglio comunale tenutosi all’aperto nell’anfiteatro antistante il Palazzo di città di Cairo Montenotte. Dopo aver prestato giuramento, ed espresso i propri ringraziamenti per la stima accordatagli, il sindaco Paolo Lambertini ha presentato alla cittadinanza attenta e numerosa, gli indirizzi di governo tesi al rispetto del bene comune, della trasparenza, dell’imparzialità ed aperti al confronto e al dialogo. A seguire la nomina a vicesindaco di Roberto Speranza -con assessorato alle attività produttive, Suap, sanità, protezione civile- e degli altri quattro membri della sua giunta: Maurizio Briano, assessore ai servizi sociali e sicurezza; Caterina Garra, assessore allo sport, commercio, patrimonio; Fabrizio Ghione, assessore ai lavori pubblici e manutenzioni; Ilaria Piemontesi, assessore all’urbanistica e edilizia privata. Conferimento di deleghe per incarichi specifici ai consiglieri comunali Matteo Dalla Vedova (pubblica istruzione e informatizzazione); Marco Dogliotti (relazioni istituzionali); Nella Ferrari (cultura); Ambra Granata (associazionismo e volontariato); Francesca Pera (turismo) e Nicolò Zunino (politiche giovanili). Dai banchi della minoranza all’auspicio di Giovanni Ligorio -Movimento civico Ligorio sindaco – di una fattiva collaborazione, si sono unite le parole di Matteo Pennino -lista civica Matteo Pennino per Cairo”, che sottolineano come l’equilibrio finanziario della passata amministrazione, di cui ha fatto parte, sia per la neo eletta giunta, foriero di investimenti importanti per il miglioramento della città. Il vento poi ha iniziato a soffiare più forte dopo le unanime votazioni da parte della minoranza ligoriana, sui temi programmatici più caldi, come dichiara lo stesso Pennino: “Alcune cose stasera sono state molto curiose; vista l ‘assoluta unità di visione mi chiedo perché Ligorio non abbia fatto una lista insieme al neo eletto sindaco ! Stupisce che proprio Ligorio che si ergeva a paladino della difesa dell’ospedale pubblico ora voti a favore di chi invece lo vuole privato. La maggioranza non ha perso tempo e ha subito restituito il favore nella seguente votazione per la commissione elettorale votando proprio un membro della lista Ligorio, nei fatti escludendo il nostro gruppo dalla commissione stessa. E’ evidente che a Cairo esiste solo un gruppo di opposizione: il nostro. Faremo al meglio il nostro lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *