domenica, Marzo 24, 2019
Home > Sport > Calcio > Calciando in rete “extra” – Il panzer dagli occhi di ghiaccio

Calciando in rete “extra” – Il panzer dagli occhi di ghiaccio


di FELICINO VANIGLIA - 9 Gennaio 2019, 11:46

Una fisicità tipicamente germanica (altezza 1.85) unita ad un carattere indomito solo le doti principali di Marco Parascosso giovane attaccante (classe 2002) tesserato per l’Albenga che in questi giorni di inizio 2019 sta destando l’interessamento di diversi club professionistici. Nell’ultimo week end è salito agli onori della cronaca per essere andato in gol in due giorni consecutivi, avendo sabato 5 rifilato una doppietta all’Arenzano con la Juniores regionale ed aver esordito dom.6 con una splendida rete in prima squadra (diverse le presenze in distinta nelle gare di Eccellenza tra cui quella in trasferta con la Rivarolese) nell’amichevole vinta per 4 a 2 con la cuneese Tre Valli. Un gran bel bottino, non c’è che dire, un exploit che può significare il trampolino di lancio per un ragazzo predestinato. Nella sua ancora acerba carriera già tanti riconoscimenti ed attestati di stima, non solo per le sue qualità in campo ma anche per il lato umano, leale e sincero, che lo contraddistingue. Proviamo a ripercorre le tappe e le gesta di questo bomber (mancino di piede), vissuto nella aree di rigore (e aggiungerei negli incubi peggiori) delle squadre avversarie: uno di quei granatieri vecchio stile, che sa trasformare in oro qualunque pallone passi dalle sue parti. Marco, che è di Alassio, nasce calcisticamente nella Baia dove dai primi calci giunge sino ai giovanissimi meritandosi le attenzioni di Genoa e Samp e raggiungendo l’apice con la convocazione nella rappresentativa provinciale savonese con cui conquista nel 2016 il Torneo Interregionale Mare e Monti.Di lì, il passaggio al Vado Fc dove per due stagioni disputa ottimi campionati sottoleva maturando sotto tutti gli aspetti. Nel gennaio 2018 l’approdo nell’Alassio Fc e in agosto l’approdo nel pianeta ingauno dove milita anche il fratello Davide (2004). Cresciuto a pane e dinamite, questo ragazzo di belle speranza oltre che dimostrare una grande passione per il gioco del calcio (tifa Juventus e si ispira a Mandzukic), per volontà della famiglia deve rendere anche scolasticamente e a tal fine frequenta con merito  il quarto anno della scuola alberghiera. Di lui, il responsabile tecnico dell’Asr Cantera Torre de Leon Dott. Felicino Vaniglia, non nascondendo l’orgoglio e la gioia di vederlo brillare, ci ha detto : ” Ho la piena convinzione che se approdasse su di una ribalta attrezzata per affinarne le giocate e i tempi di inserimento, Marco, che dispone di una forza atletica considerevole e di una gamba importante, potrebbe fare quel salto indispensabile per esplodere definitivamente. Nel firmamento dei nostri capocannonieri storici ( Tarditi 97 – Dapelo 98 – Metalla 99 – Vallerga e Pecar 2000, Mehemetaj 2001 vale a dire i punteros che si sono guadagnati il passaggio nel calcio che conta attraverso l’esperienza vissuta in Catalunya) il suo nome con quello di D’Antoni, per la leva 2002, ha lasciato una traccia indelebile. Ricordo ancora con emozione la fredda realizzazione del rigore decisivo che concesse di qualificarci per la finale della Spain Trophy 2017 poi vinta. Insieme allo staff di cui mi onoro di circondarmi siamo ad augurargli un 2019 stellare”.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *