domenica, giugno 24, 2018
Home > Sport > Calcio > Calciando in rete. Il calcio: lo sport più eccitante e imprevedibile!

Calciando in rete. Il calcio: lo sport più eccitante e imprevedibile!


di Felicino Vaniglia - 11 gennaio 2018, 10:47

Ancora una volta la Fa Cup non ha deluso sotto il profilo delle emozioni. Nell’ultimo weekend il terzo turno è coinciso con la realizzazione dell’ennesima favola : lo stupefacente 4 a 2 rifilato dal Nottingham Forest (14° posto in Championship, la nostra serie B) al favoritissimo Arsenal, detentore del titolo e vincitore di 3 edizioni negli ultimi 4 anni). Sebbene l’entusiasmo suscitato sembri di sola pertinenza degli appassionatissimi calciofili anche la scienza ha definitivamente confermato quanto gli italiani hanno sempre sospettato e sostenuto: vale a dire che le partite di pallone sono più entusiasmanti e sorprendenti di altri giochi di squadra e che soprattutto riservano sorprese e capovolgimenti fino al novantesimo minuto e oltre. Quello che gli italiani hanno sempre saputo è che il calcio è lo sport più entusiasmante, anzi il più eccitante, poiché riesce sempre a tenerti col fiato sospeso. Non si può mai essere certi di una vittoria sino al triplice fischio, e spesso la squadra favorita – e anche di questo gli italiani ne sanno qualcosa dopo gli esiti con la Svezia nella fase di qualificazione ai Mondiali di Russia – soccombe davanti al goal inatteso e fulminante degli avversari. Ora però lo conferma anche la scienza ufficiale: una partita di pallone è più sorprendente ed eccitante degli altri popolari sport di squadra, come il football americano, l’hockey sul ghiaccio, il basket e il baseball. A sentenziare la sua superiorità adrenalinica – riferisce il New Scientist  (il prestigioso settimanale di divulgazione scientifica pubblicato in lingua inglese redatto a Londra) sono i ricercatori dei laboratori nazionali di Los Alamos (New Mexico, Usa) che hanno analizzato i risultati di oltre 300 mila partite giocate nel secolo scorso negli Stati Uniti e nella Premier League inglese di calcio, a partire dagli anni ‘40. L’unità di misura era l’imprevedibilità: quanto spesso una squadra sfavorita ribaltava i pronostici portando a casa una vittoria. E le partite di calcio hanno rovesciato più spesso le aspettative sui risultati. In termini statistici la squadra data per perdente ha circa il 45 per cento di possibilità di strappare una vittoria. A questo proposito, i tifosi possono sbizzarrirsi nel rimembrare gli episodi storicamente più clamorosi, a cominciare dalla sconfitta che la Francia ha subito dal Senegal nei mondiali 2002 alle italiche e non sempre brillanti gesta. Tra i vari sport sport esaminati il più noioso sembra invece essere l’american football con un 25% di sorprese in meno. Dallo studio condotto da Eli Ben-Naim, Federico Vazquez e Sidney Redner del Los Alamos National Laboratory del New Mexico, negli Usa, è emerso però un recente trend verso una maggiore prevedibilità del calcio, sempre più dominato dai grandi club, e verso un maggior equilibrio dei campionati Usa di football e baseball. Sembrerebbe così spiegato (non è quindi un parere personale) il motivetto musicale cantato da Rita Pavone nei mitici anni sessanta che recitava così : ” Perché? Perché? La domenica mi lasci sempre sola per andare a vedere la partita di pallone…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *