venerdì, agosto 17, 2018
Home > Sport > Calcio > Calciando in rete – Il tempo degli “avvoltoi”

Calciando in rete – Il tempo degli “avvoltoi”


di FELICINO VANIGLIA - 9 agosto 2018, 19:44

Erano costate molto care le tre sconfitte consecutive ad Angelo Sorbello che era stato esonerato dalla Usd Rivarolese 1919 a metà ottobre. Tutte di misura e patite con buone squadre quali Imperia, Genova Calcio in casa e Pietra Ligure in trasferta subendo 8 gol e realizzandone 5.Un esonero sofferto perché Sorbello rimaneva comunque un uomo stimato e apprezzato in tutta la società. Non era certo un caso il fatto che fosse al 5º anno di Rivarolese: due nella formazione Juniores e tre con la prima squadra dove aveva conseguito una promozione nel campionato di Eccellenza.Nello campionato 2016/17 era arrivato addirittura a ridosso della seconda piazza nella Serie A ligure, che sarebbe stata valida per disputare gli spareggi nazionali per andare in Serie D. Al suo posto è subertrato Stefano Fresia ex allenatore, tra le altre, di Pontedecimo, Bolzanetese, Rapallo e Vado squadra con la quale vinse il campionato di Eccellenza e dove riuscì a disputare una parte di campionato di Serie D. Dopo una partenza a razzo che in appena 10 giornate proiettó il Vado in vetta alla classifica nel fatidico mercato invernale la società del presidente Tarabotto cedette nietemeno che pezzi del calibro di Amodeo, Cotroneo e Arcidiacono i tre Top Player voluti per la categoria. Fresia fu esonerato alla 22ª giornata a seguito della sconfitta patita contro la Lavagnese quando la squadra occupava il 6º posto in classifica finendo per la prima domenica fuori dalla zona play off. Quello che rimane il primo ed unico esonero della carriera di Fresia fu inaspettato ed ingiusto visto che la dirigenza aveva sempre catalogato quella stagione come un anno di crescita e di transizione dopo la promozione in Serie D. Stefano Fresia prima di rimettersi in sella con la Rivarolese era fermo dal campionato 2015/2016. Nell’ultimo campionato disputato aveva conquistato una eccezionale salvezza alla guida del Rapallo che, nello spareggio Play Out contro la Cairese, partiva da una situazione di svantaggio determinata dalla peggiore classifica in campionato. Al termine dei due incontri i gialloblù valbormidesi retrocedettero in Promozione mentre il Rapallo si salvó e rimase in Eccellenza. Queste le incisive parole di mister Fresia all’esordio con i giallorossoneri: «E’ stata una chiamata che per certi versi mi ha sorpreso nella sua tempistica,ma anche se c’erano un paio di contatti in piedi, ho risposto subito con grande entusiasmo perchè conoscevo bene il direttore generale Mario Abbatuccolo. Conosco bene la squadra in cui  ritrovo il bomber Edo Mura che avevo a Vado gestito a Vado e mi aspetto grandi cose”. A fine campionato la Rivarolese che quest’anno si presenta ai nastri di partenza fra le favorite, grazie a Fresia ha poi conquistato un ottimo terzo posto (quota 53, a soli 5 punti dall’Imperia seconda). Quello che colpisce del mister è oltre la sua conoscenza e competenza dal punto di vista tecnico/tattico l’indiscussa capacità di saper caricare a pallino il gruppo, vale a dire l’aspetto motivazionale. Nel savonese lo ricordiamo alle prese con big tipo Soragna, Capra e Matteo Rossi ben coadiuvato dal ds Stefano Ricci con cui operava (fino a quando gli è stato concesso) in perfetta sintonia.Senza dimenticare la sua naturale inclinazione a far maturare i giovani : il Vado grazie al suo supporto (pur vincendo il campionato mise sempre a disposizione i ragazzi, vedi Fiorentino, vedi Fabris, ecc.) nel giugno 2013 si aggiudicò il tricolore nazionale juniores battendo in finale il Manduria con doppietta nemmeno a dirlo di Mura. Nel curriculum di questo brillante allenatore lotre alle belle esperienze nel settore giovanile del Genoa e alla guida della Bolzanetese, spicca la parentesi che forse lo ha fatto crescere di più e sono stati i nove anni trascorsi al Pontedecimo, una delle realtà più importanti del genovesato, che lo ha temprato e gli è rimasto nel cuore. Fresia non ha modelli di riferimento integralisti ma ha saputo cogliere il meglio dai tanti professionisti preparati che ha frequentato a partire dal corso Uefa a Coverciano che lo ha aiutato molto e gli ha permesso di confrontarsi con personaggi come Marco Sgrò, Massimo Drago, tecnico del Crotone, e Roberto Baggio, coi quali è tutt’oggi ancora in contatto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *