venerdì, dicembre 14, 2018
Home > Sport > Calcio > Calciando in rete – La prima di Chezzi nel grande calcio

Calciando in rete – La prima di Chezzi nel grande calcio

L'ex tecnico del Savona ha affrontato il Napoli di Ancelotti


di FELICINO VANIGLIA - 24 luglio 2018, 14:07

Nelle quasi due ore di chiacchierata su tutti i temi dell’attualità, fra telefonate e circa 200 sms arrivati, Stefano Bonacini, amministratore delegato del Carpi, era stato il mattatore della puntata di Sport Qui (contenitore sportivo locale del lunedì sera). Il patron del Carpi aveva confermato in diretta le due principali novità del suo nuovo Carpi che stava nascendo, in vista della quinta stagione cadetta (serie B) della sua storia. Due nomi erano stati anticipati ed erano quelli di Marcello Chezzi (ex mister del Savona in serie D) e Stefano Stefanelli, rispettivamente allenatore e direttore sportivo del Carpi stagione 2018-19. A Bari si era infatti chiusa l’esperienza con mister Calabro e con il d.s. Lauriola, anche se il Carpi ufficialmente non può ancora annunciare i due sostituti visto che Chezzi non ha il patentino per A e B e dovrà chiedere la deroga come Calabro, mentre Stefanelli figurerà come consulente al fianco del neo d.g. Si è così giunti alla prima amichevole stagionale con il Napoli di Carlo Ancelotti, che dopo il 4 a 0 rifilato al Gozzano ha fatto anche meglio rifilando un secco 5-1 al Carpi grazie alle reti di Allan, Inglese, Insigne, Callejon e Vinicius. Nel match disputato al Briamasco di Trento, (il Carpi si trova dal 15/7 in ritiro a Fanano vicino a Pai di Paganella) facile per la squadra partenopea avere la meglio sulla formazione emiliana facendo anche vedere delle novita’ interessanti.
Ecco il tabellino dell’amichevole

Divise Maglia azzurra, pantaloncini bianchi per il Napoli. Completo rosso per il Carpi.

FORMAZIONE NAPOLI (4-3-3): Karnezis; Hysaj, Albiol, Maksimovic, Luperto; Allan, Diawara, Fabian; Ounas, Insigne; Inglese. A disposizione: 12 Contini, 22 Marfella, 3 D’Ignazio, 9 Verdi, 17 Hamsik, 30 Rog, 62 Tonelli, 70 Gaetano, 88 Grassi, 93 Ciciretti, 95 Vinicius.
Allenatore: Ancelotti

FORMAZIONE CARPI: 22 Colombi, 3 Frascatore, 4 Sabbione, 5 Piscitella, 7 Concas, 13 Poli (c.), 14 Ligi, 19 Pasciuti, 20 Jelenic, 25 Pachonik, 29 Nzola. A disposizione: 1 Serraiocco, 6 Machach, 9 Malcore, 10 Tutino, 11 Piu, 16 Van der Heijden, 17 Venturi, 21 Saric, 23 Barnofsky, 30 Saber.
Allenatore: Bortolas (come si nota Chezzi non può ancora comparire)

Il buon Chezzi così come si è fatto apprezzare all’ombra della Torretta ha già iniziato con entusiasmo la sua nuova avventura calcistica che lo vedrà alle prese per la prima volta in vita sua con la serie B. La squadra ancora in allestimento si è ritrovata mercoledì 11 luglio con il raduno allo stadio Cabassi, con il gruppo che nei quattro giorni successivi ha sostenuto le visite mediche e i test atletici di rito. Il Carpi attraverso una nota pubblicata sul proprio sito web ha comunicato il programma completo dell’attività che comprenderà anche l’amichevole contro la Fermana che si giocherà venerdì 27 luglio alle ore 17 a Fanano. La società ha chiesto il sostegno ai proprio tifosi e lo ha fatto anche attraverso iniziative speciali rivolte ai sostenitori biancorossi. “Quest’anno abbiano l’onore di festeggiare i 110 anni del Carpi e abbiamo voluto fare una politica di prezzi aggressivi per dare a tutti i Carpigiani la possibilità di fare l’abbonamento. I lavori allo stadio stanno proseguendo regolarmente e entro fine luglio saranno completati con anche le sedute con schienale in curva Bertesi-Siligardi, nei Distinti, in Tribuna Biancorossa e anche in curva ospiti. Abbiamo voluto accontentare i nostri tifosi andando loro incontro e speriamo che questa politica ci premi con un buon numero di abbonamenti sottoscritti”, le parole del presidente Claudio Caliumi rilasciate durante la conferenza stampa della nuova campagna abbonamenti avvenuta nei giorni scorsi.Per Marcello Chezzi che alla fine di agosto compirà 42 anni, sarà una grande occasione nonostante che la sua carriera sia già piena di tappe importanti legate però principalmente alla “sua” Castelfranco. Lo snodo Carpi è da tempo sul suo percorso. Stagione 2005-2006, il Castelfranco inizia così così l’Interregionale. Dopo poche giornate il tecnico Francesco Salmi rassegna le dimissioni e la società decide di affidare temporaneamente la panchina al vice: il 29enne Marcello Chezzi. Prima sfida e sconfitta in casa della Castellana. Nonostante il ko, i biancogialli confermano l’allenatore che una settimana dopo può fare il suo esordio ufficiale. Avversario di turno? Proprio il Carpi. Il Castello gioca una gara gagliarda: al “Ferrarini” termina 2-2 (Visciglia, Koffi e doppietta di Gherardi). A casa Chezzi il calcio del resto è una cosa seria, quando poi si parla del Castelfranco non ne parliamo. La passione per il biancogiallo va oltre ogni cosa. Lo sanno Marcello e il padre Paolo, totem del calcio dilettantistico nostrano. Lo stesso Paolo che si prende la responsabilità di lanciare il figlio in panchina, una decisione che costa non poche critiche ma che porta i suoi frutti. Dodici stagioni condite da tre playoff (due del girone, uno nazionale), una semifinale di Coppa Italia e una promozione in Lega Pro poi sfumata per mancanza di fondi. Nel mezzo un playout vinto e una retrocessione. Questo prima di passare al Savona nella scorsa stagione (playoff sfiorati). Non solo allenatore, per Chezzi jr anche un passato da calciatore e da centrocampista. Inizio nella sua Castelfranco e poi l’approdo agli Allievi del Modena. Ad allenarlo un bomber come Sauro Frutti e in squadra un altro bomber del calibro di Luca Toni. Quindi la Berretti Crevalcore oltre a Crespellano, Fiorano e ancora Castelfranco tra serie D ed Eccellenza. L’esperienza modenese in compagnia di due attaccanti di razza non ha condizionato il calcio di Chezzi. Il neo-tecnico biancorosso, infatti, è un cultore della fase difensiva. Nel tempo, l’ex Savona si è concentrato sulla fase di non possesso palla. Fondamentale cardine dei suoi allenamenti. Modulo? Il “carpigiano” 4-4-2, anzi per meglio dire 4-4-1-1. Al tutto aggiunge anche un gioco pratico, senza fronzoli e caratterizzato da corsa e agonismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *