martedì, novembre 13, 2018
Home > Sport > Calciando in rete – L’eterna giovinezza di un big “acquisito”

Calciando in rete – L’eterna giovinezza di un big “acquisito”


di FELICINO VANIGLIA - 14 settembre 2018, 13:16

Ottant’anni e non li dimostra. Albino Cella, albisolese di adozione è nato a Bobbio il 2 luglio 1938. Sebbene non lo pratichi più da tempo, il calcio è stata la sua grande passione prima da giocatore nel ruolo di attaccante e poi da allenatore..È fratello di Giancarlo Cella (classe 1940) terzino sinistro (tre stagioni nell’Inter) e figlio d’arte, in quanto suo padre Uberto detto Tio, è stato attaccante del Piacenza negli anni Trenta. Diplomato ISEF e per questo chiamato Professore (ancora oggi per la sua forma invidiabile dimostra vent’anni di meno), dopo il ritiro si è stabilito ad Albisola svolgendo la professione di impiegato di banca ed impegnandosi anche in politica come assessore allo sport. Cresciuto nella Bobbiese è passato poi al vivaio del Piacenza, società con cui esordisce nel campionato di IV Serie 1956-1957, lanciato dall’allenatore Ercole Bodini nel ruolo di centravanti mettendo a segno 11 reti in 27 partite e contribuendo all’accesso della formazione emiliana in IV Serie Eccellenza 1957-1958.
Nel 1958 ha esordito in Serie C, sempre con la maglia del Piacenza, e nell’annata successiva si è messo in luce realizzando 17 reti; un grave infortunio (distacco totale del bicipite femorale destro) patito mentre era a Coverciano con la Nazionale di Serie C lo costringe a saltare il finale di stagione, facendo sfumare il passaggio alla SPAL. Al termine del campionato viene ceduto in comproprietà al Brescia, con cui esordisce in Serie B realizzando 5 reti in 14 partite. Riscattato dalle Rondinelle, nella stagione successiva approda nella massima serie, acquistato in comproprietà dal Mantova. Debutta in Serie A l’8 ottobre 1961, in Torino-Mantova (2-1), giocando come ala destra contro il fratello Giancarlo; quella presenza rimane l’unica nella stagione e l’unica in Serie A. A novembre, infatti, viene ceduto al Prato, in Serie B: mette a segno 3 reti in 18 partite, non evitando la retrocessione dei lanieri in terza serie. Rientrato al Mantova, nel novembre 1962 viene ceduto al Savona, in Serie C. In Liguria realizza 22 reti in due stagioni, contribuendo a un terzo e un secondo posto in classifica. Nel 1964 passa al Como, dove realizza 18 reti vincendo la classifica marcatori senza riuscire a conquistare la promozione nella serie cadetta. Cella sale comunque in Serie B trasferendosi al Livorno, dove rimane per tre stagioni tormentate da problemi fisici. Lasciati gli amaranto, scende in Serie D passando in comproprietà alla Lucchese, con cui realizza 11 reti e conquista la promozione in Serie C vincendo lo spareggio contro la Sarzanese. Rientrato al Livorno a causa di intoppi burocratici nella risoluzione della comproprietà, viene ceduto definitivamente al Derthona, in Serie C; milita in seguito nella Gaviese in Serie D e nella Lavagnese, in Promozione ligure. Chiude la carriera con tre stagioni nel S. Cecilia Albissola , l’ultima da allenatore-giocatore.
In carriera ha totalizzato una presenza in Serie A e 75 (con 15 reti) in Serie B.Dopo il ritiro, ha guidato la rappresentativa provinciale giovanile dilettantistica del Comitato di Savona (vincendo nel 1975 il titolo regionale con i vari Vaniglia, Giallombardo, Fadda, Spriano) e a più riprese l’Albissola. Albino nella sua carriera ha avuto grandi mister tra cui Felice Levratto di cui è stato in pupillo. Un aneddoto lo lega al mitico “sfondareti”.  Nella stagione 1965-1966 al Livorno viene confermato in panchina Carlo Parola dopo l’ottimo lavoro svolto nel finale della precedente stagione. Se ne vanno Fulvio Varglien e Rossano Giampaglia, mentre approdano a Livorno lo stesso Albino Cella (a campionato iniziato) e Paolo Lombardo, ed il ritorno di Costanzo Balleri che si prende la fascia di capitano. In Coppa Italia dopo aver eliminato al primo turno la Roma, la squadra si ferma al secondo turno con il Varese. In campionato dopo un buon avvio affiorano alcune incertezze, ma la bravura dell’allenatore conduce il Livorno non solo ad una meritata salvezza, ma addirittura al settimo posto in classifica (gente come Toschi, Colautti, Mascalaito, Manserisi, sapeva farsi valere), a ridosso delle squadre in lotta per la Serie B. Carlo Parola che in un articolo pubblicato su Stadio dichiarò che Albino per il Livorno era come Pelè per il Brasile. L’apogeo arrivò il 27 febbraio 1966 quando al Comunale toscano per la 23^ giornata giunse il Genoa. Di fronte a ventimila spettatori con i grifoni in vantaggio per 1 a 0 la rete del pareggio (risultato finale) messe a segno al 72° dal nostro eroe che con un staffilata bucò la rete forse memore degli insegnamenti ricevuti da Levratto. L’arbitro Lo Bello colto di sorpresa ci mise un bel pò prima di convalidarla.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *