venerdì, Agosto 23, 2019
Home > Sport > Calcio > Calciando in rete – Nel calcio moderno, la corsa è tutto?

Calciando in rete – Nel calcio moderno, la corsa è tutto?

Parlano come luminari e mettono in riga tutti i preparatori atletici in voga specie quelli del Genoa targato Gasperini. Un nucleo storico che ha rappresentato un valore aggiunto per il club più antico d’Italia per competenza, professionalità e senso di appartenenza sotto la regia di mister Gasperson Sono i professori Alessandro Pilati, Paolo Barbero e Maurizio Cantarelli. Eccoli gli artefici degli incubi notturni dei giocatori, ma in fondo stimati e benvoluti da loro non solo per le riconosciute capacità, ma per i valori umani che sprigionano tra una ripetuta sui 1000 metri e un’esercitazione in palestra.“Fa parte del gioco essere bersaglio di qualche lamentela” bisbigliano all’unisono se chiamati in causa. Le giornate impegnative si prolungano alla sera con ore intasate dallo scaricamento di dati. “Puntiamo su lavori individualizzati e integrativi con l’aiuto della tecnologia per la valutazione dei carichi e la stesura di profili specifici”. E sinora sembra che tutto sia filato liscio. E anche i nuovi hanno presto assorbito questa nuova cultura del lavoro che da anni ha accompagnato le stagioni del Grifo con risultati sotto gli occhi di tutti. “C’è una buona predisposizione generale ad allenarsi a elevata intensità per alzare la soglia, senza dimenticare l’importanza dei recuperi. I test servono a conoscere i parametri dei nuovi in particolare, l’obiettivo è adattarli alle schede di allenamento per ognuno”. Gps, cardio frequenzimetri e orologi per monitorare la velocità fanno parte dell’armamentario per calibrare e ottimizzare la misura delle performance sinonimo di atletismo. “Nel calcio moderno la corsa è alla base di tutto, chi non si adegua rischia di essere tagliato fuori”.  Tra non molto sarà già tempo di preparazioni atletiche e si vedranno orde di calciatori intenti nella preparazione a “secco” che macineranno chilometri su chilometri e si prodigheranno in una gran quantità di prove ripetute anche sulla pista di atletica oltre che sul loro naturale terreno di competizione. I calciatori dunque corrono molto. Tanto in partita e fin troppo in allenamento. A volte si ci domanda perchè anche nelle preparazioni moderne, dove ormai si è capito che l’allenamento situazionale è più importante di quello condizionale anche perchè il primo comprende automaticamente il secondo ma non viceversa, si continua ad insistere con carichi molto consistenti di preparazione a “secco”, senza l’uso della palla. Alcuni allenatori (più che i preparatori) dicono che vogliono creare nel calciatore proprio la fame di pallone e l’espediente di tenerli lontano dalla palla è un sistema per fare in modo che poi, quando arriva la palla abbiano una ricezione sull’attrezzo di lavoro amplificata rispetto a chi può disporre sempre del pallone. Da un punto di vista psicologico l’idea può anche reggere il problema è che quando si da l’indicazione al preparatore atletico di continuare a lavorare senza palla lo si mette di fatto in croce. La corsa del giocatore senza palla è molto diversa dal giocatore con la palla e comunque dal giocatore in campo. Anche in una sgroppata sulla fascia laterale il calciatore non correrà mai con la stessa tecnica di un atleta che si appresta a fare il suo miglior risultato sui 100 metri. Se dovessimo dire lo sprint che interessa di più al calciatore è quello sui dieci, venti o trenta metri.  Anche se il calciatore corre più di dieci chilometri in partita (cosa che può succedere) non li correrà mai con le tensioni del diecimilametrista o del maratoneta. Pertanto al calciatore è utile la resistenza organica stimolata da queste corse (e ancor di più se sono condite con un po’ di sane variazioni di ritmo) ma non  l’apprendimento di questo tipo di corsa. Non interessa al calciatore saper correre “economico” ai 12 chilometri all’ora e se proprio fosse interessato ad un certo tipo di economia di corsa potrebbe essere quella con riferimento ad andature attorno ai 25-28 chilometri all’ora, andature alle quali lui esercita la maggior parte delle sue importanti fughe e rincorse. Non serve niente al calciatore saper correre  in grande economia ai 12 all’ora se poi, quando deve abbozzare uno sprint, dove supera ampiamente i 20 all’ora nel giro di pochi metri (grande capacità di accelerazione), spende un’infinità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *