martedì, Novembre 12, 2019
Home > Attualità > Camillo Sbarbaro in mostra a Spotorno

Camillo Sbarbaro in mostra a Spotorno

E’ terminata oggi, domenica 24 settembre, a Spotorno, la mostra commemorativa dedicata a Camillo Sbarbaro nel cinquantesimo anniversario della morte.
Nella giornata di ieri, il professor Antonio Rovere, già docente e preside a Spotorno, aveva presentato l’evento, durante il pomeriggio, con una relazione introduttiva. Nei pomeriggi di sabato e di domenica sono stati trasmessi e ripetuti i filmati “La Guerra del Poeta” di Giovanni Borello e “Poesie di Sbarbaro lette da Arnoldo Foà (1916 -2014)”.
Presso la Sala Espositiva Palace, in via Aurelia 121, accanto alla Sala convegni e spettacoli, rivestiva sommo interesse la piccola mostra con cimeli e licheni, raccolti dal Poeta, fotografie, estratti di giornali e riviste, presi in prestito da collezioni private.
Camillo Sbarbaro (Santa Margherita Ligure, 12 gennaio 1888 – Savona,31 ottobre 1967), diplomato al Liceo classico Chiabrera di Savona, con una esperienza significativa di volontario,nella Prima Guerra Mondiale, fu in contatto con gli intellettuali fiorentini come Soffici,Rosai,Campana,Papini e coi liguri come Raccatagliata Ceccardi, Baratono, Grande, Montale.
Appassionato di licheni, ne raccolse a migliaia, conservandoli e tanto da essere definito, da qualche rivista, “poeta e scienziato”; comunque va annoverato fra i maggiori lichenologi del primo novecento, in Italia pari a Mario Cengia Sambo.
Immerso, o conteso, fra “ligusticità” e lirica filosofica, svolse anche attività di traduttore, dal greco e dal francese e di docente di lingue classiche, pur non essendo laureato.
La mostra di Spotorno ha messo ben in rilievo tali aspetti, riprendendo momenti della carriera intellettuale di Sbarbaro e aspetti dell’ambiente, anche familiare ed a noi prossimo, in cui aveva vissuto ed in cui si era formato, dal mare alla campagna, agli ambienti culturali.
Interessanti per non dire sorprendenti le testimonianze di due suoi conoscenti: il presidente dell’Associazione Pontorno, organizzatrice dell’evento, e la signora Anna Stefani, sua allieva prima ed amica dopo, cui il poeta regalò decine dei licheni che raccoglieva, che ricorda, con vividezza, le qualità della persona e dell’intellettuale che fu Camillo Sbarbaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *