martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Cultura e Musica > Cantare e portare la Croce, tappa in Santa Rita

Cantare e portare la Croce, tappa in Santa Rita

Domani nella chiesa di Santa Rita a Savona, sede dell’Arciconfraternita della SS.Trinità, quarto appuntamento con “Cantare e Portare la croce”. Protagonisti della serata il coro “Beato Jacopo da Varagine”, la corale “Guido d’Arezzo di Carcare e la Corale Polifonica Cellese. Il “Beato Jacopo da Varagine”, nato nel 1993, ha tenuto numerosi concerti con unanimi consensi di pubblico e critica in Liguria e nelle maggiori città italiane. Dal 2008 organizza la stagione “Varazze è Lirica”.

La formazione è composta da 35 coristi e talvolta si avvale anche di musicisti dalle maggiori orchestre liguri. Il repertorio spazia dal 1700 a oggi, dal sacro al profano, dall’operistico al popolare allo spiritual. Diretto dal maestro Giovanni Musso si avvale della collaborazione del maestro Mauro Cossu. La corale “Guido d’Arezzo di Carcare nasce circa 30 anni fa nella parrocchia san Giovanni Battista di Carcare. Ha cambiato spesso la propria compagine e direzione, ma da quindici anni è affidatata a Michela Vassallo. L’attività consiste soprattutto nell’accompagnare la liturgia durante le festività, tenendo comunque concerti un po’ ovunque. Fra gli altri da ricordare la partecipazione al Corescant del novembre 2003 nella Basilica di san Pietro in Roma. La Corale si compone oggi di una ventina di elementi. La Corale Polifonica Cellese, costituita nel 1985 per iniziativa di don Antonio Giusto, parroco in N.S. Assunta ai Piani di Celle, dal 1988 è diretta da Eleonora Molinari. Pur fondata da un sacerdote, non ha mai avuto la connotazione di una corale liturgica, ma ha sempre aperto il suo repertorio, con esecuzioni quasi esclusivamente a cappella, a generi musicali sempre più diversificati. Svolge attività concertistica prevalentemente in Liguria, con importanti esperienze in altre regioni e all’estero. La manifestazione, ormai diventata una piacevole realtà per il nostro territorio, è promossa dal Priorato diocesano delle Confraternite col Coordinamento diocesano delle corali e la Diocesi di Savona-Noli e vanta anche il patrocinio della Provincia di Savona e dei Comuni di Savona, Calice Ligure, Varazze, Stella e Quiliano. Visto il grande successo delle prime tre edizioni, l’evento prosegue con sempre maggiore entusiasmo e sempre più cori: quest’anno sono ben 12, tre gruppi in più del 2012! E il successo continua a crescere anche nell’edizione di questo maggio: Calice, Varazze e da ultimo Gameragna hanno visto oratori strapieni e in particolare proprio nell’ultima tappa di venerdì scorso, il grande afflusso di persone ha costretto gli organizzatori a spostare la sede dall’oratorio dei santi Sebastiano e Rocco alla vicina chiesa di santa Caterina di Alessandria, grazie alla disponibilità del parroco don Mario Florentino. Nonostante l’edificio sacro fosse più grande, il pubblico era così numeroso che diverse persone hanno assistito alla serata in piedi sul fondo della chiesa. L’iniziativa – dedicata al priore diocesano Giovanni Priano, scomparso nel settembre 2011 e fra i primi sostenitori del progetto, e a Gianni Genta, cantore e cristante, scomparso nel 2009, che anticipava nella sua persona la fortunata collaborazione di cori e confraternite – si concluderà domenica 26 maggio il Convegno diocesano delle corali a Valleggia alla presenza del vescovo Vittorio Lupi. All’evento – che rientra anche nella manifestazione “Grazie Giuse”, dedicata la maestro Giuseppe Rebella e realizzata in occasione del Sessantesimo anniversario del Coro Polifonico di Valleggia – parteciperanno 10 dei 12 cori di “Cantare e Portare la Croce” più il “Sine Nomine” di Finale Ligure Marina e il coro della parrocchia della Sacra Famiglia di Imperia-Oneglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *