mercoledì, Novembre 20, 2019
Home > Politica > Carcare – Santini e liste civetta, il pentastellato Bracco non le manda a dire

Carcare – Santini e liste civetta, il pentastellato Bracco non le manda a dire

In un periodo di disaffezione nei confronti della politica, la lista civica rappresenta uno strumento molto gettonato per proporre candidati a livello locale. Andrea Bracco, candidato a Carcare per il Movimento Cinque Stelle, accusa una lista avversaria di poca trasparenza nel comunicato che riportiamo integralmente qui di seguito.
Sabato mattina abbiamo assistito in diretta alla consegna dei santini elettorali. Vaccarezza, sceso dalla macchina, è entrato nella gelateria Crespi con un grosso plico di santini in mano (diversi per dimensione e consistenza da quelli già presenti in giro di alcuni candidati della lista De Vecchi). Pochi minuti dopo lo ha raggiunto Franco Bologna…successivamente si sono diretti in comune, dove, a quanto pare, era in corso una riunione “”” civica”””. Siamo andati a prendere un caffè nella gelateria e casualmente i santini che Vaccarezza teneva in mano si sono materializzati su un banco. Sopra c’è scritto Bologna. Credo sia di comune buon senso credere che se una cosa è tale, non può essere un’altra. Allo stesso modo
una “lista civica” non si caratterizza per la presenza assillante di un consigliere regionale, il quale rappresenta un determinato partito e determinate alchimie politiche. Alchimie che, del resto, hanno portato alla nascita di una quarta lista.
In questi mesi abbiamo visto articoli di scherno che rasentano l’indecenza per quanto offendono l’intelletto dei Carcaresi.

Si può muovere un’obiezione a questa “felice macchina da guerra” (riferimento ad altri tempi e altri luoghi  limitiamoci al termine, sicuramente giusto).

Ebbene, un conto è prendere in giro i candidati con qualche articolo (mai, assolutamente mai contro la Sacra Lista De Vecchi)…ma un conto è prendere in giro gli elettori con una lista civetta. L’obiezione è di chi fino ad ora ha parlato sinceramente e non accetta più che si nasconda l’incapacità
politica dietro un muro di derisione. Io sono Andrea Bracco e sinceramente giro per il mio paese, il luogo in cui sono cresciuto, con serenità…nonostante sia stato me medesimo oggetto di scherno. Perché ormai ho imparato che la campagna elettorale insegna (in primis) a trovare dialogo e confronto con tutti. Qualcuno ancora, nonostante gli anni,
deve capirlo (o accettarlo?).
Ps: sui santini c’è scritto “senza padrini, senza padroni”.
Sogno o son desto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *