domenica, Novembre 17, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Cari cittadini, quando andate a pagare le tasse o andate all’Equitalia fatevi anche voi un bel “bonus”

Cari cittadini, quando andate a pagare le tasse o andate all’Equitalia fatevi anche voi un bel “bonus”

Nonostante che la sentenza della corte costituzionale sia stata molto chiara imponendo al governo la restituzione delle somme indebitamente tolte ai pensionati da quel binomio di “bei figuri” che rispondono al nome di signora Fornero e signor Monti, il nostro governo presieduto da colui che si è insediato come presidente e comandante in capo assoluto senza essere stato nemmeno votato dal popolo, tale signor Renzi, ha deciso di restituire ai pensionati solo una parte di quanto loro dovuto.

Ma non è tutto! Non basta eludere una sentenza di tal genere e prendere in giro tutti ma, si è avuto la faccia tosta ed il coraggio di chiamare “bonus” la somma misera che andrà restituita. Non è un “Bonus”, ma un “Malus” vero e proprio e direi dei peggiori dal momento che gli italiani, già vessati da tasse e trattenute di ogni genere dalla loro pensione, si vedranno restituire solo qualche spicciolo.

Con due miliardi di euro che saranno restituiti, contro i quasi venti indebitamente trattenuti dal 2011 ad oggi, il signor Renzi crede di risolvere il problema e di mettersi a posto con la coscienza dicendo che oggi, le casse dello Stato, non possono fare di più. Le stesse “casse”, però, continuano ad essere disponibili a versare ogni mese le superpensioni ed i vitalizi ignobilmente maturati da una massa di ciarlatani che ha mandato l’Italia in rovina. Per questi signori i soldi ci sono sempre, eccome!

Chi l’avrebbe detto che il signor Renzi si dovesse comportare così? Lui doveva rappresentare il cambio di una situazione scellerata in cui si dibatteva l’Italia, lui, proprio lui che doveva essere il difensore ed il paladino dei meno abbienti e dei “poveri cristi”, lui che aveva criticato la Fornero e Monti promettendo a tutti che, andato al governo, avrebbe cambiato tutto proprio coi “pensionati” che dovevano essere i primi ad essere aiutati dopo le rapine fatte da loro. Ma tale meschino comportamento era prevedibile: già con il problema degli “esodati” Renzi non ha fatto nulla, non ha mosso un dito, tutto è rimasto come prima con centinaia di migliaia di persone che non beccano un euro di pensione con la moglie e figli da mantenere e da sfamare. E’ lui il rappresentante di una “sinistra” che avrebbe dovuto aiutare la gente ed interpretare i veri bisogni di una società in cui numero dei “poveri” aumenta paurosamente di giorno in giorno. Alle primarie del P.D. la gente lo ha votato e appoggiato credendo in lui e e nelle sue promesse, ma come sempre, le promesse elettorali hanno dimostrato quanto frivole e vigliacche esse possono essere.

Quello che davvero io e molti non riusciamo a capire è come ci possa essere ancora persone che gli vadano dietro e credano ancora nelle sue idiozie. Ma, se qualcuno crede ancora in lui, sono in tantissimi che, ogni giorno, aprono gli occhi e si rendono conto di chi è questo nuovo “ducetto” che si nasconde dietro una falsa e ridicola democrazia. La realtà una e sola che Renzi continua a fare i cavolacci suoi alla faccia di tutti infischiandosene delle regole appoggiato da un gruppo di parlamentari che se ne guardano bene di mandarlo a quel paese per paura di perdere careghino e lauto stipendio. Ma, molti, per fortuna, lo stanno già facendo e sono certo che tale dissenso aumenterà fino al punto da mandarlo in “tilt” come merita. L’ultima pagliacciata a cui stiamo assistendo è quella della presunta riforma della scuola. Ma quale riforma? ma quali novità? ma quale rinnovamento? La scuola italiana cade a pezzi non solo nel mattone, ma anche mentalmente ed ideologicamente. i nuovi “podestà” saranno i signori presidi elevati tutti al grado di “gerarchetti” che faranno il bello ed il cattivo tempo, valutando, promuovendo, bocciando e sgridando i loro stessi colleghi. E questa sarebbe la riforma della scuola? Io dico che è un vero casino! L’errore gravissimo fu quello di elevare i presidi al grado di dirigenti facendo loro dimenticare troppo in fretta quella “gavetta” scolastica che tutti gli insegnanti si sono fatti in tanti anni di servizio. L’edilizia scolastica? A che punto è? Leggete i giornali e vedrete che non c’è giorno in cui cadono calcinacci nelle aule: aule che hanno banchi e seggiole da paura, aule che sono poco riscaldate o fredde, con i servizi che assomigliano a quelli di una stazione ferroviaria. Dove sono le lavagne elettroniche promesse ed i tanto promessi miglioramenti salariali per gli insegnanti che – come lo stesso governo dice e riconosce – sono i peggio pagati d’Europa?

Ma cosa fanno le famiglie e i genitori costretti a dare ai loro figli perfino la carta igienica perchè la scuola non ha i soldi per comprarla? Perchè i genitori, anzichè protestare fra loro e lamentarsi, non prendono una posizione seria “scioperando” e non mandando più i figli a scuola?

Lo scandalo dei “buoni libro” continua e prospera: lo stesso costo dei libri anche nella scuola dell’obbligo aumenta ogni anno a danno delle famiglie. Tutto questo non è nemmeno sfiorato nella cosiddetta “nuova riforma” della scuola, con un governo che facendo finta di dare “autonomia” alla scuola stessa, se ne sbologna da tutti i problemi. Alla carta igienica ed a dare il bianco alle aule o a comprare la carta per le fotocopie ci penserà il “super-preside manager” che dovrà andare a reperire lui stesso i fondi per far funzionare il baraccone. Povera scuola e povera Italia, ma poveri soprattutto gli utenti di un servizio assolutamente e decisamente buio e squallido, senza un lavoro e senza una pensione che, per loro, non arriverà mai. La mia tristezza nel vedere tutto questo è certamente condivisa da tutti coloro che hanno dei figli ancora studenti: che faranno costoro quando non ci sarà più la pensione di mamma e papà?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *