sabato, Agosto 17, 2019
Home > Attualità > CaRiSa: Addio!

CaRiSa: Addio!

Il 23 novembre 2015 si è chiusa la vita della Cassa di Risparmio di Savona. Fondata nel 1841 per iniziativa del Agostino De Mari, la Cassa di Risparmio di Savona è divenuta, nel dopoguerra un punto di riferimento economico per l’economia savonese specie nel bacino industriale di Savona e della Valle Bormida. Fino al 1991, quando la legge “Amato” impose la trasformazione delle Casse di Risparmio in società per azioni devolvendo il patrimonio ad una Fondazione (per Savona la fondazione “De Mari”), le Casse erano enti di diritto pubblico i cui vertici (Presidente e Vicepresidente) erano soggetti a nomina ministeriale, mentre i Consiglieri venivano nominati dagli Enti Territoriali (Comuni e Provincia). Fino agli anni ’70, la figura dominante e con maggiore rilevanza esterna della Carisa, era rappresentata dal Direttore Generale. Tutti i Savonesi della mia età sanno chi era il dott. Ricotti; la cui morte improvvisa e prematura fece scalpore! Poi il Consiglio di Amministrazione e, per esso il Presidente, ebbero maggiore rilevanza esterna.

Tutti ricordano i Presidenti Guido Minuto, Angelo Nari e sopratutto, Pietro Ivaldi, del quale, per il sottoscritto, è stato un onore ed un privilegio essere suo vicepresidente (essendo stati nominati entrambi, nel 1980, dal compianto ministro del tesoro, prof. Beniamino Andreatta). La Presidenza Ivaldi è stata l’ultima della Cassa di Risparmio di Savona come entità autonoma ed in questo lungo periodo, si raggiunse per la Carisa, il massimo di operatività. Oltre all’attività bancaria vera e propria, va ricordato che, secondo quanto previsto dalla Statuto dell’Ente Cassa di Risparmio prima e della Banca CaRiSa, dopo la trasformazione in s.p.a., il 50% degli utili di esercizio venivano devoluti in “beneficenza” per Enti, Associazioni e opere di pubblica utilità (specialmente attrezzature per l’ Ospedale di Savona). La Cassa di Risparmio di Savona pubblicava, inoltre, ogni anno, un libro d’arte che illustrava le attività particolari del savonese quali la ceramica o, dedicava alle opere d’arte monografie quali quelle sul Santuario della Madonna di Savona e sulla ceramica da farmacia di Albisola. A me è particolarmente caro il testo “Savona nel quattrocento e l’istituzione del Monte di Pietà” edito nel 1980 in occasione del cinquecentesimo anniversario dell’istituzione, da parte di un Papa Savonese, Sisto IV, del “Mons pietatis”. Tale libro (che non ha avuto grande successo di pubblico perchè avaro di illustrazioni e denso di scrittura) ha rappresentato l’esempio di una ricerca storica ecomonico-sociale della Savona del ‘400, che ha posto in luce aspetti, forse sconosciuti della vita tormentata della storia di Savona.

Dal 2000 la Carisa, divenne parte del Gruppo Banca Carige che comprò dalla Fondazione De Mari il 95% del Capitale. Pur rimanendo una personalità giuridica autonoma, con un proprio Consiglio di Amministrazione, nominato dalla Fondazione De Mari e dalla Fondazione Carige, in questi ultimi 15 anni la Cassa di Risparmio di Savona ha progressivamente perso la sua autonomia operativa integrandosi sempre più nella operatività della Capogruppo. La considerazione che oggi, con la “globalizzazione” in atto una banca delle dimensioni di Carisa non avrebbe potuto sopravvivere (anche con grandi rischi per i depositanti) non lenisce il rimpianto di una istituzione che ha caratterizzato un’epoca storica della nostra Città e la sua fine, come entità autonoma, sottolinea (se ce ne fosse bisogno) la crisi che stiamo attraversando e che è ben lungi da essere superata.

Lorenzo Ivaldo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *