lunedì, maggio 21, 2018
Home > Attualità > Carnevale di Loano…Carnevale ligure

Carnevale di Loano…Carnevale ligure


di Giorgio Siri - 12 febbraio 2018, 13:20

Il Carnevale di Loano, il CarnevaLöa, ha attratto ieri, domenica 11 febbraio, migliaia di persone per la seconda ed ultima sfilata dei carri allegorici, per la ventisettesima edizione di questa manifestazione carnevalesca che può essere rappresentativa, per la Liguria, di tutte le simili!  Ne sono organizzatori l’Associazione culturale “Vecchia Loano” con il contributo ed il patrocinio dell’Assessorato al turismo,alla  cultura ed allo sport del Comune.

Dopo il Palio dei Borghi di domenica 4 febbraio, ieri ha sfilato il Palio dei Comuni, esibendo sul lungomare loanese  i carri allegorici realizzati da veri maestri della cartapesta dei comuni del litorale e dell’entroterra, che hanno partecipato alla manifestazione: “Viva la Foca”, da Bardino Vecchio, “Adriano Celentano” da Borghetto Santo Spirito, ” I Pescatori di Varazze”, da Varazze, “Pacman”, da Ceriale, “Ecomondo”, da Ortovero.

“Viva la foca”, “Ecomondo”, “Pacman” e “Adriano Celentano” si sono classificati a pari merito e quindi primi tutti e quattro, i varazzini immediatamente dopo. I carri del Palio dei Borghi sfilavano fuori concorso; ad iniziare dal vincitore, “Il vascello fantasma” di piazza Rocca, formavano il corteo “Super Mario Bros” dei “Matetti Burdelluzi”, “Wonder Woman” del Borgo di Dentro, “Antichi Romani” dei Meceti, “Frozen” di Main’a de Loa, “I Trolls” di Prigliani.

Apriva la giocosa parata il carro della Torre dell’Orologio, realizzato a cura dell’ organizzatrice, Associazione Vecchia Loano, con le  tradizionali maschere loanesi “U Beciancìn” e “Puè Peppin”, insieme con loro “Capitan Fracassa” ed il carro delle scuole Rossello di Loano, dedicato ai bambini. Suonava la Banda – Filarmonica “Il Risveglio” – di Dogliani. Presente e rappresentativo, “Re Chinotto”, da Savona.

Il pomeriggio del carnevale loanese è stato degnamente, e coerentemente, condiviso dalla “Sagra della Frittella”, organizzata con la collaborazione della “Confraternita dei Bianchi” di Loano, presso lo storico edificio della  “Società dei lavoratori del mare”, sempre sul lungomare.

Così si è espresso il Sindaco di Loano, Luigi Pignocca: “Dopo il brutto tempo della scorsa settimana, oggi il meteo ci ha regalato una giornata veramente splendida E’ uno spettacolo vedere Loano piena di gente che si diverte. Del resto, il carnevale è questo: un momento di gioia che coinvolge grandi e piccini. Ringrazio l’associazione Vecchia Loano, il presidente Agostino Delfino e tutto il direttivo e i tantissimi volontari che hanno contribuito alla realizzazione di questi splendidi carri e all’ottima riuscita del nostro carnevale”. Il presidente di Vecchia Loano, Agostino Delfino, per parte sua, ha dichiarato: “Ringrazio l’amministrazione comunale, i volontari e le tantissime persone che hanno voluto trascorrere un pomeriggio di divertimento qui con noi a Loano. L’appuntamento ora è per il 28 luglio con l’edizione estiva del CarnevaLöa”.

Il Carnevale di Loano ha origini antiche ed è accertato che si festeggiasse da secoli, come i grandi Carnevali europei. E’ documentato con certezza dal XVII secolo, risultando, da alcuni atti notarili, l’ingaggio di “due o tre suonatori di strumenti musicali”, per accompagnare gli intrattenimenti del periodo e suonare per pubbliche danze. Altra appurata tradizione del periodo di Carnevale a Loano è la declamazione di satire durante le feste in maschera, tenute in piazza, e forse durante  le sfilate di maschere. Un ‘altra usanza voleva, sino ai primi del Novecento, che ci si mascherasse, la sera, per passare, a gruppi,  di casa in casa. Una interessantssima consuetudine del periodo carnevalesco, a Loano, è costituita dai “testoni”: grosse teste di carta pesta dipinte a colori vivaci, che sfilavano singolarmente o a gruppi. Spesso mettevano in burla, per qualche vizio, difetto o tipicità, persone note!  E’ significativo rilevare che i”testoni” sono affini ai “giganti” delle tradizioni carnevalesche del Belgio e del Nord della Francia. Nell’ottocento e sino ai primi novecento, erainoltre consueto rappresentare  farse a teatro: dapprima in una sala situata piazza Rocca, poi nel teatro Comunale, ovvero la ex chiesa dei Cappuccini.

Non è certo quando siano iniziate la sfilate dei carri di Carnevale ma se ne trova documentazione da fotografie del 1925, del 1927, del 1929, con cortei in Corso Roma e Via Ghilini. Una delle prime associazioni ad organizzare il carnevale loanese fu l’Unione Sportiva Loanese,che con i suoi magnifici testoni diede vita ad una delle primissime sfilate del 1900; anche con meno mezzi rispetto ad oggi i carri erano bellissimi e richiamavano gente da tutta la provincia, consacrando Loano, già da allora, come rinomata sede di spettacolo carnevalesco.

Nel dopoguerra, fra gli anni 1950 e 1960, si ricordano il gruppo “Cerchio Rosso”, presieduto da Giambattista Arduino (Tin),  che, con gruppi di “testoni” a tema, partecipò, vincendo, a parecchie edizioni dell’allora famosissimo Carnevale di Savona. Altre compagnie di manifestazioni carnevalesche furono la “Stella Alpina” e “Oriental Bluman Caravan” presieduto da Lino Vaccarezza. Negli anni 1960 la dirigenza dell’Azienda Autonoma di Soggiorno di Loano, al fine di perpetuare la tradizione, cercò la collaborazione di Organizzazioni di carnevali famosi come quello di Viareggio, e delle associazioni dei commercianti Loanesi. Durante gli anni 1970  il Carnevale Loanese ritornò ai suoi antichi fasti grazie all’A.P.T., all’Ascom, all’Associazione “Puè Pepin”, che rilanciò la tipica maschera loanese di “Puè Pepin”, con il famoso “Testone” che ride. Seguirono anni di inattività sino al Dicembre del 1990, quando venne fondata L’Associazione “Vecchia Loano – Centro Storico” che decise di ridare vita al Carnevale di Loano, preparando le basi per la manifestazione del febbraio 1992, durante la quale si riuscì a far sfilare per le vie cittadine qualche carro allegorico  e qualche gruppo a piedi. Da allora il Carnevale Loanese, oggi ormai chiamato “CarnevaLÖA”, ha ripreso  la sua grande storia, fino a diventare, con ben venti carri, uno tra i più importanti dei Carnevali del nord ovest italiano.

Il carnevale di Loano, per la sua rinomanza e ricchezza, è stato riconosciuto dalla Regione come il “più grande carnevale della Liguria” per numero di carri e, lo scorso anno, a CarnevaLöa è stato assegnato, dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del territorio, il riconoscimento di “carnevale storico” per i suoi cent’anni di storia e per la promozione turistica del territorio che sviluppa. Da qualche tempo CarnevaLÖA ha “assunto” tra i suoi, una delle antiche maschere della Commedia dell’Arte italiana, “Capitan Fracassa”, detto anche “Capitan Spaventa”, la maschera di origine ligure, che rappresenta un soldato fanfarone e millantatore, immortalata nel celebre omonimo romanzo dello scrittore francese Thèophile Gautier (1863); insieme con “Puè Pepin”, Re del carnevale loanese ormai dal 1950, e con “U Beciancin”, maschera ufficiale, giardiniere burlone che ama alzare il gomito, sono la triade di maschere liguri note in tutta Italia! Da ricordare pure il fantasmagorico “Carnevale estivo”, annunciato dal presidente di “Vecchia Loano”, che sottolinea ciò che possiamo definire

la vocazione loanese per tali manifestazioni!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *