martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Attualità > Caro mio sport…. Quanto mi costi… ormai sei un lusso

Caro mio sport…. Quanto mi costi… ormai sei un lusso

Lo sport è una medicina salvavita che dovrebbe essere somministrata gratis

In un mondo e in una società dove tutto aumenta mese per mese a volte in modo assolutamente allucinante ed ingiustificato, perché anche lo sport non dovrebbe subire aumenti continui? Abbiamo già scritto che oggi, fare dello sport, è ormai purtroppo diventato un vero lusso e, ahimè, non ci resta che confermare tutto ciò, peraltro confermato da tutti. Io sono sempre stato convinto che lo sport, somministrato nei giusti modi e da persone competenti, sia una vera e propria medicina per i giovani, una di quelle medicine definite salvavita e che pertanto dovrebbe essere data del tutto gratuitamente, senza nessun costo per colui che deve usufruirne. In pratica le società sportive dilettantistiche sono delle vere e proprie farmacie in grado e capaci di somministrare il “farmaco sport” e che lo farebbero anche gratuitamente se non fosse che anche loro devono pagare fior di quattrini per comperare il medicamento sport e farlo pagare a chi ne ha bisogno. Ma chi ha bisogno di sport, quale è l’utenza che deve essere curata e guarita? È un’utenza sempre maggiore fatta da migliaia e migliaia di giovani che si avvicinano ai clubs sportivi chiedendo di entrare a far parte di questa o quella famiglia ove possano imparare, apprendere e praticare la loro disciplina preferita. Ma tutto ciò ha costi sempre maggiori. Lo sport è quindi un farmaco che – alla faccia della gratuità – si paga sempre di più, tanto da diventare un privilegio per sempre meno giovani. Le statistiche, purtroppo, ci danno ragione: ogni anno migliaia di giovani rinunciano a fare sport perché le loro famiglie non se lo possono assolutamente permettere. Un po’ come certi anziani che, con la misera loro pensione, non possono comperarsi le medicine adeguate e che, quindi, sono costretti a non curarsi e a soprassedere con i risultati che, ahimè, sono sotto gli occhi di tutti. E lo Stato e le istituzioni cosa fanno? Molto semplice: tutti sanno, ma nessuno fa nulla. Pare che della vita dei vecchietti pensionati, che con il loro lavoro hanno servito per tutta la loro vita la patria, non importi niente a nessuno. Tante parole, tante promesse, tanti convegni, tante conferenze, tanti progetti, ma di tangibile nulla di nulla. I clubs sportivi dilettantistici sono, come tutti sappiamo, costretti a far pagare ai ragazzi e alle loro famiglie delle “quote” di iscrizione annuali o mensili al fine di pagare, a loro volta, le utenze relative all’utilizzo dei campi di gioco, delle palestre e dei luoghi ove sia possibile fare allenamento in vista delle attività agonistiche di campionato. Ma i clubs sportivi non hanno solo questa incombenza: ne hanno altre che vanno dall’acquisto dei materiali sportivi, alle trasferte, alle spese da pagare in Federazione per le tasse dei campionati e del tesseramento degli atleti. Inoltre c’è l’intera gestione di una società sportiva che deve, anche, pagare l’IVA su ogni fatturazione. È un vero scandalo, per non dire di peggio, che le società sportive dilettantistiche non a fini di lucro debbano pagare l’IVA che incide in maniera davvero notevole su ogni spesa. I governi che si sono fino ad oggi succeduti in Italia, nonostante le varie sollecitazioni, non hanno mai nemmeno preso in considerazione il fatto di levare l’IVA dallo sport, almeno da quello puramente dilettantistico. Le amministrazioni locali comunali che hanno anch’esse gravi responsabilità e che hanno, ormai, sospeso ogni aiuto economico ai sodalizi sportivi, se ne guardano bene da offrire, almeno in uso gratuito, campi e palestre, imponendo ticket che incidono molto negativamente sui bilanci delle società sportive. Fare un torneo di un solo pomeriggio, fra tariffa base, ticket orario e IVA costa in una palestra oltre 170 Euro: una vera assurdità. Provincia e Regione sono troppo lontane dalla conoscenza dei veri problemi delle società sportive e si nascondono dietro il fatto di non avere fondi a disposizione. E allora perché non ce li mettono? No, cari signori, così avanti non si va. Lo sport non cresce e si sta contraendo in maniera paurosa. I giovani che non praticano sport sappiamo tutti bene la triste fine che sono condannati a fare. L’unico vero “antidoto” per loro è lo sport, ma questo antidoto ha dei costi che governo ed enti locali non vogliono comperare, lasciando ogni incombenza ai piccoli clubs sportivi dilettantistici ai quali non basta, spesso, la sola buona volontà e lo spirito di sacrificio e di abnegazione. Senza aiuti tangibili non si va avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *