martedì, novembre 20, 2018
Home > Attualità > CasaPound a Carcare: “Lorenzi Sindaco” attacca, De Vecchi revoca la concessione. Ma la questione rimane

CasaPound a Carcare: “Lorenzi Sindaco” attacca, De Vecchi revoca la concessione. Ma la questione rimane


di MICHAEL TRAMAN - 7 novembre 2018, 13:44

Sarebbe stato un consiglio comunale dai toni accessi quello previsto per questa sera Carcare. Il tema, di cui si è dibattuto negli ultimi giorni, sarebbe stato la concessione, da parte dell’amministrazione, di una sala adiacente alle scuole medie per una riunione di CasaPound. Il partito, di malcelata ispirazione neo fascista, ha dunque continuato a creare scompiglio: di poco più di una settimana fa la manifestazione antifascista e antirazzista di Savona, organizzata soprattutto per contestare l’apertura di una sede del partito della “tartaruga” in via San Lorenzo.

Le reazioni non sono mancate e i consiglieri del gruppo di minoranza “Lorenzi Sindaco” avevano deciso, prima del dietrofront del sindaco De Vecchi, di presentare una mozione per impedire che il partito potesse usufruire dello spazio. Questo il corpo del testo:

“Oggi stiamo vivendo un clima di odio, di intolleranza che questa Italia si respira ormai da tempo, un clima di odio e intolleranza creato a tavolino da alcune forze politiche e da alcuni leader di forze politiche di questo paese, un clima di odio e intolleranza di cui alcune informazioni come la Lega Nord piuttosto che Fratelli d’Italia, ne hanno fatto un programma politico e una ragione di vita. Un clima di odio molto spesso sostenuto o quanto meno non compreso da una parte degli organismi di informazione di questo paese che hanno legittimato e sdoganato alcuni di questi pensieri invitando in televisione, intervistando i leader di queste formazioni che un giorno sì e l’altro pure incitano gli italiani a prendersela con il diverso, con il più debole, con il negro. Oggi, questo clima ha comportato la rinascita di formazioni dichiaratamente fascisti, sappiamo quello che hanno fatto e quello che stanno facendo in questo paese, formazioni come Forza Nuova, Casa Pound, gruppi politici che fanno dell’odio, dell’intolleranza, dei rastrellamenti, delle aggressioni, degli accoltellamenti, dei reati legati alla droga, alla violenza, alle aggressioni, un programma politico quotidiano. Queste sono informazioni che non ci inventiamo certo noi, stanno tutti i giorni nella cronaca politica italiana. Un clima fertile quindi per la rinascita di organizzazioni dichiaratamente neofasciste. In molti in questi anni avevamo lanciato il campanello d’allarme, per dire che in questo paese c’era il rischio di una deriva razzista, intollerante, violenta, fascista. Allora noi lo pensavamo prima di essere messi a conoscenza della iniziativa da parte di Casa Pound nei locali pubblici e in particolare nell’Aula Magna delle Scuole Medie del nostro comune, l’abbiamo pensato ieri, lo pensiamo oggi, lo penseremo domani che ora bisogna reagire, di costruire un argine democratico, una resistenza pacifica ma forte e decisa, radicale, contro ogni rigurgito fascista, neofascista, intollerante e razzista. E ora che ognuno di noi nelle rispettive sedi si prenda le proprie responsabilità, lo deve fare la politica, gli amministratori, lo deve fare la stampa, l’informazione mediatica che in questo paese ha sdoganato personaggi legati ad organizzazioni come CasaPound e Forza Nuova. E’ ora di prendere un’iniziativa collettiva per riaffermare i valori che sono scritti nella Carta Costituzionale della Repubblica Italiana.

Una Carta Costituzionale che al di là di molte interpretazioni formali che non vanno ad approfondire il senso di quel testo giuridico ci invita non solo a rispettare e far rispettare i valori della tolleranza, dell’accoglienza, dell’antirazzismo ma ci chiede apertamente di impedire di nuovo la formazione del partito fascista. Quella Carta Costituzionale quindi ci dice che è giusto garantire la libertà di pensiero e di espressioni in questo paese ma questa libertà non può che essere chiusa, recintata dentro i valori che sono contenuti nella Costituzione. La libertà di espressione, di parola, di manifestazione politica esiste e deve essere garantita solo a chi si riconosce in quei valori e ne fa parte integrante del proprio agire politico. Non può esserci libertà di espressione per chi non solo riecheggia tragici passati per questo paese, come il fascismo, non può esserci libertà di espressione per chi fa del razzismo e dell’intolleranza in un programma politico quotidiano.

 

Oggi, come anticipato, il sindaco ha comunicato la revoca della concessione, esplicitando come l’autorizzazione fosse arrivata tramite le vie burocratiche preposte per la richiesta dell’uso dello spazio pubblico e come tale evento non fosse stato vagliato dalla “lente politica” della giunta. Pertanto, una scelta volta a stemperare le tensioni che tale accadimento avrebbe, inevitabilmente, creato.

Resta comunque una questione di fondo: quella della libertà e della democrazia. Due sono i punti principali: la nostra Costituzione, stella polare alla quale la Repubblica deve far riferimento, mette inequivocabilmente al bando il partito fascista: “È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”. Le questioni nascono dall’inciso, “sotto qualsiasi forma”, in quanto il richiamo, evidente ma non esplicito (osservando la pagina Web di CasaPound non si trovano apologie o riferimenti smaccati al duce), di CasaPound al fascismo non ha impedito al partito di presentarsi alle elezioni nazionali e, pertanto, sarebbe, fino a prova contraria, “costituzionalizzato”. Ora, però, qualche novità in merito potrebbe arrivare dal Parlamento Europeo, che vorrebbe mettere al bando partiti come Casapound perché, si legge nella nota, “preoccupato per la crescente normalizzazione di fascismo, razzismo e xenofobia“.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *